di A. Terrenzio La sinistra mondialista, benpensante e demenzialmente corretta, ne ha inventata un’altra. “Post-verita’” e’ la nuova parola per bollare il pensiero non conforme al politicamente corretto e restringere la liberta’ di espressione nei blog di libera informazione. Il pretesto e’ quello della “diffusione dell’odio” e di fake news, che come recita il Presidente dell’Antitrust Pitruzzella, “favorirebbero l’ascesa del populismo e rappresenterebbero un pericolo per la democrazia”. Il neologismo e’ gia’ presente sui quotidiani internazionali, come Guardian, Washington post, Times e sui giornaloni della semicultura italiana, Internazionale e Repubblica. Il termine starebbe a significare: "bufala", balla, bugia. Cosi’ il mondo radical chic, vuole censurare chi non si adegua al conformismo ideologico imposto dai media di regime.

"The French delegation at the UN yesterday posted a picture of Israeli destruction of Gaza and said it was from Aleppo: they later deleted their tweet". Questo falso d'autore risale allo scorso  Agosto ma non l'ha eseguito un media qualsiasi, o uno dei tanti dediti al meretricio informativo. No, si tratta di un "falso d'autore" opera della missione diplomatica della Francia presso l'ONU, che lo spacciava come distruzione di due ospedali di Aleppo-est bombardati. Poi la Francia ha ritirato il suo tweet (qui). Il misfatto era stato compiuto a Gaza -non Aleppo- e le bombe erano state lanciate da aerei di Israele, non della Russia nè della Siria.

Una ennesima incursione aerea dell'aviazione saudita sulla capitale dello Yemen, Saná, ha lasciato sul terreno almeno 150 morti e 300 feriti, secondo lo Yemen Post. I missili lanciati da un caccia bombardiere della coalizione diretta da Rijad hanno colpito un edificio civile ubicato nel sud di Saná, dove si stava celebrando un funerale del padre di Yalal al-Roweishan, ministro dell'Interno dell'organismo di governo del movimento popolare yemenita Ansarolá ed ex presidente, Ali Abdolá Saleh. Secondo i testimoni, le ambulanze sono arrivate sul luogo dell'attacco ed hanno trasferito le vittime in un ospedale vicino, ancora operativo nonostante i bombardamenti subiti. L'attacco ha distrutto totalmente l'edificio.

di Luciano Lago La Corte Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia ha scagionato Slobodan Milosevic dalle responsabilità per i crimini di guerra durante la guerra bosniaca del 1992-1995. I media atlantisti non hanno dato spazio a questa notizia e sono gli stessi media che hanno giustificato a suo tempo l'aggressione della NATO contro la Serbia e che avevano demonizzato Milosevic come un leader criminale e genocida per dare il pretesto alle forze degli USA e della NATO di attaccare e smembrare il paese balcanico. Nessuno nei media occidentali si è dedicato a segnalare questa storia che scredita completamente la NATO, gli Stati Uniti e la loro continua  strategia di demonizzare i nemici dichiarati per gli interessi degli USA. Questa sentenza della Corte Penale Internazionale ha delle enormi implicazioni politiche che dovrebbero far riflettere e dare un netto giudizio sulla campagna di menzogne orchestrate all'epoca della guerra contro la Serbia.

Operazione top secret dell’Esercito italiano al confine turco-siriano. Il 6 giugno, una batteria di missili terra-aria SAMP/T e una trentina di militari italiani sono stati schierati nella zona di Kahramanras, a nord di Gaziantep (Turchia meridionale), nell’ambito dell’impegno assunto dalla NATO a protezione dello spazio aereo turco dal “rischio di sconfinamenti provenienti dalla Siria”. La notizia è stata pubblicata dai maggiori quotidiani turchi e dall’agenzia di Stato “Anadolu”. I mezzi militari italiani sono sbarcati nel porto di Iskenderun per dirigersi poi nella zona di Kahramanras, nei pressi del confine siriano. Sempre secondo i media turchi, il sistema missilistico messo a disposizione dal nostro paese “avrà esclusivamente il compito di contrastare aerei, missili da crociera e tattici e non sarà impiegato nell’imposizione di una no-fly zone”.

Il Pakistan ha denunciato gli attacchi sistematici dei droni statunitensi contro il proprio territorio con il pretesto della lotta contro il terrorismo La rappresentante permanente del Pakistan davanti all'Organizzazione delle Nazioni unite, Tehmina Yanyua, ha accusato il silenzio dei media occidentali e degli organismi internazionali davanti al massacro di civili che è stato causato dalle incursioni dei droni senza pilota. Il comunicato della Cancelleria Pakistana ha richiesto una risposta dal Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU davanti alle violazioni dei diritti umani e la perdita di vite preziose causate dagli attacchi dei droni.

Da circa dieci anni, il "Movimento Boicot, Disinvestimenti e Sanzioni” ("Boycott, Divestment and Sanctions Movement", BDS ), si è dedicato a sfidare Israele per motivo della sua repressione sulla popolazione palestinese. Questo movimento, tale come indica il suo nome, ha sostenuto campagne volontarie di boicottaggio dei prodotti israeliani (prodotti alimentari di provenienza dalle colonie sequestrate ai palestinesi), disinvestimenti e sanzioni contro Israele, come misura di pressione e di sensibilizzazione sociale.

di Giuseppe De Santis LONDRA - Tutti coloro che sostengono Marine Le Pen saranno felici di sapere che il leader del Front National ha letteralmente umiliato i suoi avversari e in particolare il sindaco della capitale francese Anne Hidalgo la quale è stata infatti condannata a 500 euro di ammenda, più un euro simbolico di risarcimento, per diffamazione. L’esponente del partito di Hollande, eletta per un pugno di voti alla guida di Parigi, in una dichiarazione alla stampa aveva affermato che il Fronte Nazionale della Le Pen avrebbe “sostenuto” la collaborazione con i nazisti durante l’occupazione, una affermazione tanto improvvida quanto falsa.

Il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz, ha lanciato dure polemiche  contro le autorità di Bruxelles lo scorso Sabato nell'accusare l'Unione Europea di operare come un "trafficante di persone" nell'inviare i rifugiati direttamente al centro del Continente europeo, cosa che Kurz ha definito inaccettabile. In contemporanea al vertice europeo che si va a svolgere oggi a Bruxelles e che avrà per oggetto la crisi migratoria e i rapporti con la Turchia, Kurz ha sostenuto, nel corso di una intervista al "The Guardian", che dalla Grecia "i rifugiati vengono presi e trascinati verso il cuore dell'Europa". "Questo è un fatto inaccettabile nel nungo termine visto che l'Unione Europea non può operare come un trafficante di persone", ha denunciato l'esponente austriaco oltre ad insistere che bisogna modificare gli accordi e rivedere Schengen come priorità fra i partnaers europei.

di Kevin Barrett Di Hamza, il "crimine": Egli ha rivelato l'origine israeliana dei famosi corpi macabri, nelle foto delle vittime, alcuni in posizioni apparentemente impossibili, sparsi in tutto il pavimento sporco di sangue della discoteca Bataclan. Quella foto, la cui autenticità è stata messa in discussione dai media alternativi, è la base del collage di David Dees 'sulla copertina di un'altro False Flag francese? dal titolo Tracce insanguinate da Parigi a San Bernardino . L'arresto di Hicham Hamza è esempio di come la grande tradizione francese di Liberté è stata accartocciata e gettata nella Senna, sulla scia del false flag del 11/13. Lo stato di emergenza che seguì all'attacco è stato ufficialmente prorogato fino Maggio, senza alcuna prova o ragione data, e la sua durata può divenire "a tempo indeterminato", per tutti gli scopi pratici, permanenti .