Israele Palestina

L’ex ministro spagnola Ione Belarra sottolinea che il regime israeliano non può continuare a nascondere la propria immagine a livello internazionale mentre commette un genocidio in Palestina.

Il politico spagnolo, insieme ad alcuni membri del Parlamento europeo (PE), ha chiesto l’esclusione di Israele dall’Eurovision. “Gli organi pubblici dell’UE non possono continuare a nascondere la barbarie”, ha sottolineato.

Infatti, il leader di Podemos è tra i firmatari di una lettera indirizzata al direttore generale della European Broadcasting Union (EBU), Noel Curran, dove chiedono all’organizzazione dell’Eurovisione di scegliere di escludere il regime israeliano da questa edizione del festival musicale nella città svedese di Malmö.
Podemos ha promosso questa lettera che conferma che il regime israeliano sta portando avanti un “assedio” contro Gaza e un “genocidio” contro la popolazione palestinese, motivo per cui ha espresso il suo profondo giudizio negativo sul concorso israeliano all’Eurovision.

“Questi crimini rappresentano un ulteriore passo nell’offensiva di Israele contro la Palestina, continuando l’occupazione che dura da 77 anni, il regime di apartheid e il blocco del suo territorio”, si legge nel testo, che ricorda che la Corte internazionale di giustizia (ICJ) è già indagando su questa questione.

Sottolineando che ci sono “molte voci” che hanno chiesto all’EBU di escludere Israele dall’Eurovision nell’edizione di quest’anno, la lettera sottolinea che la presenza israeliana “coltiva un regime che sta portando avanti la pulizia etnica in Palestina”.

Allo stesso modo, ricordiamo che nel 2022 la Russia è stata bandita dal concorso in risposta alla sua operazione militare in Ucraina, mentre nel 2019 l’Islanda è stata sanzionata perché i suoi rappresentanti hanno mostrato una bandiera palestinese quando il festival si è tenuto nella città di Tel Aviv.

Artisti da tutto il mondo chiedono il boicottaggio dell’Eurovision in Israele.
Dall’inizio degli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza, molti paesi hanno mostrato solidarietà ai palestinesi e ripudiato le crudeltà di Israele a Gaza. Inoltre, numerose nazioni hanno lanciato un boicottaggio contro i prodotti israeliani per danneggiare l’economia israeliana.

Secondo il Ministero della Sanità palestinese, dallo scorso 7 ottobre Israele ha ucciso circa 27.600 palestinesi.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM