Iran Russia Alleanze

Russia e Iran sono sul punto di firmare un accordo strategico. Si tratta di un accordo globale che copre diversi ambiti di collaborazione a lungo termine, dalle tecnologie militari alla sfera economica. È probabile che questo accordo cambi radicalmente la mappa geopolitica del Vicino e Medio Oriente e crei seri problemi agli Stati Uniti e al suo satellite israeliano.1

Un accordo di partenariato strategico globale tra la Russia e la Repubblica islamica dell’Iran sta per essere firmato ”.

Era il gennaio 2023, durante un incontro tra Vladimir Putin e il presidente iraniano Ebrahim Raïssi2 , che i due Paesi hanno avviato i lavori per la stesura di un accordo strategico comune.

Come possiamo vedere, questo accordo è in lavorazione già da più di un anno.

La cosa più importante non è la sua firma o la durata delle discussioni al riguardo, ma il fatto che la parte iraniana controlli attentamente ogni punto e proponga regolarmente alcune modifiche. Come vediamo, grande attenzione è posta alla scrittura del suo contenuto.

L’accordo viene preparato attentamente prima della firma. In effetti, la Russia è diventata l’unico partner centrale dell’Iran.

In effetti, la Persia non conosce un partner così importante come la Russia.

Nel 2021 Teheran e Pechino hanno firmato un accordo. Non si trattava di un trattato globale ma di un semplice accordo che copriva vari punti. In diplomazia, la differenza tra questi due tipi di trattato è importante. Le relazioni tra Pechino e Teheran sono buone e amichevoli, ma non sono relazioni tra alleati.

Questo accordo prevedeva qualcosa come 15 punti principali, 15 direttive necessarie per lo sviluppo della cooperazione tra i due Paesi, soprattutto in campo economico e commerciale.

La situazione è abbastanza diversa con la Russia.

L’accordo tra Russia e Iran non affronta solo questioni economiche, commerciali o di investimenti, che sono comunque punti importanti che le parti stanno studiando attentamente.

L’accordo copre anche la collaborazione in politica estera, geopolitica, organizzazione delle Nazioni Unite e cooperazione nelle tecnologie militari. Ciò è molto importante nel contesto della situazione prevalente nell’Europa orientale e nel Medio Oriente.

L’accordo dovrebbe essere firmato a breve e vorrei sottolineare un punto importante.

Oggi il mondo è in piena trasformazione, stiamo passando da un sistema globale di relazioni internazionali a un sistema di macroregioni.

In questo, l’Iran capisce che non ha altra scelta se non quella di legarsi ad una macroregione.


L’Iran ha due opzioni.

O ci si rivolge verso la macroregione cinese, che Pechino vorrebbe moltissimo, oppure verso la macroregione russa.

Per la parte cinese la situazione è chiara: la Persia non sarà mai altro che un possibile partner su piccola scala. La Cina funziona in modo diverso e ha le proprie opinioni sui partenariati. È sempre stato debole in termini di politica estera, debole in geopolitica. È il contrario nel campo della geoeconomia. Sappiamo che in ogni tempo, in tutti i secoli, la Cina rappresenta una civiltà chiusa in se stessa.

Nel campo della politica estera, le sue azioni non sembrano molto positive, sembra che lavori solo da una posizione di forza con i vassalli a lei subordinati.

In Russia la situazione è completamente diversa. La nostra storia nella politica internazionale è molto ricca, padroneggiamo bene questo aspetto politico, che stiamo sviluppando con un certo successo. Questa è una tradizione per la Russia.

Con l’Iran possiamo costruire rapidamente relazioni reciprocamente vantaggiose.

La Persia lo capisce ma anche la civiltà persiana è molto ricca, dal punto di vista storico o sociale. Se i persiani comprendono benissimo che devono essere legati a una macroregione, difficilmente riescono ad accettarlo dal profondo del cuore. Soprattutto, sono concentrati sulla costruzione della propria civiltà.

In questo contesto, l’Iran oggi vuole avere accesso a ulteriori risorse geoeconomiche e geopolitiche alle quali non ha accesso.

Attualmente, la situazione in Medio Oriente con gli Houthi nello Yemen, intorno alla Palestina, con Israele è in gran parte determinata proprio dal fatto che l’Iran cerca di beneficiare di queste risorse geoeconomiche e geopolitiche che non ha per poterlo fare, eventualmente per formare una propria macroregione.

La Persia non può essere altrimenti, l’Iran non può fare diversamente, deve restare onesto con se stesso dal punto di vista morale, rispettare la sua storia, rispettare il suo popolo. Fare una scelta anticipata che ha poche possibilità di successo non è usuale per la civiltà persiana.

Resta il fatto che l’Iran ha scelto di spostarsi verso la macroregione russa.

In realtà, l’integrazione tra i due Paesi è in evoluzione dal 2018, 2019. Nel 2023, questo processo sarà ulteriormente rafforzato.

Corridoio trasporto Russia Iran

Assistiamo così allo sviluppo (tra Russia e Iran – ndr) di ottimi rapporti sul piano della politica internazionale. La partnership non sta evolvendo così velocemente in termini economici e commerciali, anche se importanti progetti sono già in fase di realizzazione.

  • vedi le città lungo il percorso del canale (arancione sulla mappa) che evita il Mar Mediterraneo e il Canale di Suez e collega la Russia all’Oceano Indiano (da nord a sud: San Pietroburgo, Mosca, Astrakhan, Makhachkala, Baku (Azerbaigian), Teheran ( Iran), Bandar Abbas, Mumbai (India))

È il caso del corridoio internazionale di trasporto “Nord-Sud”, che rappresenta senza dubbio l’esempio più suggestivo di partenariato in ambito economico. Non c’è dubbio che l’Iran, prima o poi, si unirà alla nascente macroregione russa.

Ovviamente dovrà poi entrare anche nell’Unione economica eurasiatica (EAEU), nell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) (parallelamente ai BRICS che si stanno sviluppando rapidamente e solidamente – ndr). Questo accadrà presto, il processo è in corso, direi addirittura che sta avvenendo a un ritmo relativamente sostenuto, progressivo e per fasi.

In conclusione, le cose si stanno evolvendo positivamente in questa direzione.

Nikita Komarov

Fonte: Tsargrad

traduzione Bertrand Hédouin

  1. Questo accordo potrebbe mettere definitivamente in discussione l’evoluzione del favoloso progetto del Grande Israele, nel quadro del quale oggi, attraverso un’assurda opera di marketing, dobbiamo creare l’intesa religiosa abramitica che lega alcuni cristiani, alcuni ebrei e alcuni musulmani attorno alla parola d’ordine del monoteismo. religioni che sarebbero le uniche a poter decidere per il mondo. Ciò si adatta perfettamente alla creazione e alla promozione di una religione moralistica pseudo-globale sostenuta da uno stato mondiale. La favola di Abramo è stata promossa nel 2017 in Medio Oriente da Donald Trump accompagnato dal genero Jared Kushner. L’immagine di Moshe sul Sinai non basta più per far accettare nel mondo il racconto dei popoli eletti e la centralità della civiltà euroamericana.
    2)Il 5 gennaio 2023 V. Putin riceve E. Raïssi al Cremlino.

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM