Guerra Energetica

di Charles Sannat

Ciò che sta accadendo negli Stati Uniti è difficile da credere.

Diamo uno sguardo al filo degli eventi.

Gli Stati Uniti hanno voluto spingere gli europei ad adottare sanzioni molto severe contro la Russia e in particolare a fermare le nostre importazioni di gas e petrolio.

La Germania sta crollando in termini di produzione industriale e c’è una crisi energetica in Europa con prezzi alle stelle e paura di carenze e interruzioni di corrente.

Per essere sicuri che la Germania non riprendesse il buon gas russo, gli americani si dedicarono a far saltare in aria i gasdotti Nordstream e accusare la Russia.

In conseguenza:
L’Europa sta sprofondando nella crisi energetica.
Le aziende europee si trasferiscono negli Stati Uniti.
Gli americani ne approfittano per venderci GNL e gas liquefatto che arrivano via nave e noi stiamo iniziando a costruire grandi terminali per ricevere questi carichi.

Allora… gli americani ci puntano un pugnale nella schiena e sospendono questi progetti di GNL che non riforniranno l’Europa negli anni a venire.

Stati Uniti: Joe Biden sospende la costruzione di terminali di esportazione di gas verso l’Europa, citando la “minaccia” climatica
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato venerdì 26 gennaio una moratoria sulla costruzione di nuovi terminali di esportazione di gas naturale liquefatto (GNL). Gli Stati Uniti sono il primo esportatore mondiale di GNL, secondo i dati pubblicati dall’organizzazione internazionale Cedigaz, per la prima metà del 2023. Secondo la Casa Bianca, circa la metà delle esportazioni di GNL nel 2023 sono state inviate in Europa, mentre il continente ha posto fine alle importazioni di gas russo dopo l’invasione dell’Ucraina.

Dopo questo aumento della domanda, scienziati, ambientalisti, ma anche funzionari eletti a livello locale hanno messo in guardia sulle conseguenze per l’ambiente di un’accelerazione dei progetti di terminali GNL, sia in termini di salute pubblica sul suolo americano, ma anche in termini di emissioni di gas serra. .

All’inizio di dicembre, a margine della conferenza sul clima COP28 organizzata a Dubai, più di 250 organizzazioni e gruppi ambientalisti hanno chiesto a Joe Biden di non autorizzare più nuovi terminali di GNL.

Gas di scisto importato in Europa
” Con l’aumento delle esportazioni, dobbiamo rivedere queste richieste alla luce delle più recenti analisi economiche, ambientali e di sicurezza nazionale “, ha affermato il ministro dell’Energia Jennifer Granholm durante una teleconferenza. Non verranno quindi rilasciati nuovi permessi di esportazione finché il Dipartimento americano dell’Energia (DOE) non avrà aggiornato la sua analisi di ciascun progetto, ha aggiunto, assicurando che i progetti già convalidati aumenteranno la capacità di esportazione degli Stati Uniti a 1,35 miliardi di metri cubi al giorno (rispetto a circa 328 milioni di metri cubi al giorno alla fine del 2023, secondo la US Energy Information Administration).

Sabotaggio gasdotto russo

Tuttavia, secondo l’amministrazione dell’energia, negli Stati Uniti il ​​79% della produzione proviene dallo shale gas. Il processo di estrazione di questo gas, la fratturazione idraulica, è caratterizzato dai danni che provoca all’ambiente. Infine, se il gas costituisce un’energia fossile che emette meno CO2 del petrolio e del carbone, la sua estrazione e trasporto comportano il rischio di emissioni di metano, gas con un potere riscaldante 10 volte maggiore della CO2″.

Per quello gli Stati Uniti hanno bloccato l’esportazione di gas.
Per quello ?
Una bella domanda, vero?

Per dare ovviamente fastidio al Texas che è il principale Stato da cui parte il GNL americano.

Certamente non per salvare il pianeta in seguito, ma senza dubbio per salvare le riserve americane per uso americano.

L’Europa sarà fregata, come ogni volta.

Dobbiamo sempre pensare alla nostra sovranità e indipendenza.

Fonte: Insolentiae
Traduzione: Gerard Trousson

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM