"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Francia

Un gruppo di deputati del Parlamento Europeo ha tenuto cartelloni con la scritta “Hands off Syria!” Durante il discorso di Emmanuel Macron davanti al Parlamento Europeo martedì, mettendo in ombra l’appello del presidente francese per una maggiore unità europea sulle questioni di sicurezza.

Nel suo discorso, Macron ha esposto la sua visione di una “profonda trasformazione” all’interno dell’UE, con la quale gli stati membri abbandonerebbero il loro “egoismo e negatività” per “ciò che ci unisce”.

Leggi tutto…

BEIRUT, LIBANO (5:20 AM) – Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato durante una conferenza stampa con il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman, che “se la sua nazione dovesse lanciare un attacco alla Siria, si concentrerebbe sulle strutture di armi chimiche”. Non si capisce quali sarebbero queste strutture visto che la Siria ha disarmato tutto il suo vecchio arsenale chimico nel 2013, sotto controllo internazionale. Questo Macron non lo dice.

Leggi tutto…

BRUXELLES: L’Unione Europea deve discutere il ruolo dell’Iran in Siria e Yemen, così come il suo programma di missili balistici, ha detto oggi la Francia, nel tentativo di preservare l’accordo nucleare del 2015 con un ultimatum del 12 maggio stabilito dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.
“Non dobbiamo escludere la responsabilità dell’Iran nella proliferazione dei missili balistici e nel suo ruolo molto discutibile nel vicino e Medio Oriente”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian quando è arrivato a un incontro con i suoi omologhi per discutere dell’Iran .

Leggi tutto…

di Lupo Glori

In Francia la polizia penitenziaria è in sciopero per i continui e sempre più frequenti attacchi ai quali sono sottoposti i secondini per mano di detenuti islamisti. Come riporta infatti la giornalista Yves Mamou sul sito del Gatestone Institute: «In meno di dieci giorni, un certo numero di secondini che prestano servizio in varie carceri del paese è stato aggredito e ferito, soprattutto da islamisti reclusi per reati di terrorismo o da piccoli criminali che hanno intrapreso la strada della radicalizzazione. In risposta, gli agenti hanno bloccato l’ordinario funzionamento della maggior parte delle prigioni».

Leggi tutto…

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha ribadito le sue abituali accuse contro l’Iran e ha sottolineato che “milizie” affiliate a Teheran, tra cui Hezbollah, devono lasciare la Siria.

Intervistato questo 7 febbraio da BFM TV, ha ripetuto le sue precedenti accuse contro l’Iran e la Siria.

Alla domanda se Parigi richiede il ritiro delle truppe turche dal territorio siriano, il capo della diplomazia francese ha dichiarato: “Chiediamo il ritiro di tutti coloro che non hanno nulla da fare in Siria, tra cui le milizie iraniane e Hezbollah. Questa osservazione ovviamente, secondo il ministro, non riguarda le forze americane o francesi presenti in Siria senza il mandato di Damasco e senza alcun mandato da parte dell’ONU.

Leggi tutto…

CENSURATO: CHIUSO IL BLOG RUSSEUROPE DEL PROF. SAPIR

Ricordate il paese dei rifugiati politici e dei diritti dell’uomo, la patria di Voltaire, la nazione i cui edifici pubblici riportano sulla facciata il motto “Liberté Egalité Fraternité”? La terra orgogliosa del motto «Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo»? Tutto finito, tutto morto ai piedi del nuovo conformismo europeista ed ordoliberista. Quella Francia non esiste più, tutto è stato distrutto: cultura indipendente, libertà di espressione, tutela delle voci critiche.

E lo dice con dolore un ex fervente ammiratore di quella ex grande nazione.

Leggi tutto…

di  Di Federico Bezzi

Il governo francese, per iniziativa del Ministro delle Pari Opportunità Marlene Schiappa, ha in campo una serie di leggi volte a rendere penalmente perseguibili le molestie sessuali fisiche e verbali non solo con sanzioni pecuniarie, ma anche con il carcere. L’obiettivo è di fornire ulteriori deterrenti alle violenze femminili e maggiore protezione legale per le donne.

Tuttavia il quotidiano di sinistra -ma da anni di proprietà della famiglia Rothschild- Libèration lancia una bizzarra petizione, firmata da diversi professori universitari francesi: la legge in questione, per i firmatari di tale appello, sarebbe “volta a colpire le persone delle classi inferiori e i migranti“, i quali “già subiscono quotidianamente i controlli della polizia e le violenze delle forze dell’ordine”.

Leggi tutto…

di Thierry Meyssan

Pronunciando un discorso programmatico davanti ai più alti diplomatici francesi, il presidente Macron ha svelato la propria concezione del mondo e il modo in cui intende usare gli strumenti di cui dispone. Secondo Macron non esiste più sovranità popolare, né in Francia né in Europa, dunque non esistono nemmeno democrazie nazionali o sovranazionali. E nemmeno esistono più l’Interesse collettivo e la Repubblica.

I beni comuni sono solo un catalogo eteroclito di cose e d’idee. Descrivendo agli ambasciatori il lavoro da compiere, Macron li ha informati che non dovranno più difendere i valori del loro Paese, ma trovare opportunità per agire in nome del Leviatano europeo. Entrando nel merito di alcuni conflitti, Macron ha descritto un programma di colonizzazione economica del Medio Oriente e dell’Africa.

Leggi tutto…

Georges Marchais, 1980, segretario del Partito Comunista francese:”E’ necessario fermare l’immigrazione ufficiale e clandestina, è inammissibile lasciar entrare nuovi lavoratori immigrati in Francia dal momento che il nostro paese conta circa 2 milioni di disoccupati francesi e immigrati”.
“Georges Marchais clash Mélenchon sur l’immigration”
“Rejoins la résistance sur : Le discours de vérité sur l’immigration du PCF en 1980 a laissé sa place aux mensonges actuels de la gauche……”

Vedi: Youtube.com/Watch

Questa era la posizione del segretario dell’allora PCF,che vantava un consenso elettorale intorno al 20%; si trattava di un partito fortemente ancorato alla visione marxiana della società,che vedeva in quel numero crescente di “migranti” l’esercito della riserva del capitale, che il capitale stesso avrebbe utilizzato per comprimere salari e diritti del lavoratori,come in effetti é successo. Nel 1980 i disoccupati erano il 6%,oggi sono il 10%(5,5 milioni circa).

Leggi tutto…

DI NICIOLAS BONNAL

Dal giugno del 1981 avevo capito che a trionfare insieme a Mitterrand non erano stati né la sinistra né il socialismo. Quanto piuttosto un messianismo umanitario dall’odore sgradevole. Dopo un paio di inchini, Mitterrand si è impegnato a rafforzare il capitale liberale e a sottomettere questo paese alle agende occulte del mondialismo, il tutto ovviamente in nome di Jaurès e del resto; leggete la rivelazione di Sion a tal proposito. Le cerimonie di Versailles e del Louvre non annunciano niente di buono. Ritorniamo alla massoneria da quattro soldi che è il marchio di fabbrica di questa repubblica apolide. Liquidare il re-taumaturgo, le competenze statali, e festeggiare il clone robotico, questo è l’obiettivo prometeico a cui aspira l’Attila Attali. Mefistofele se ne rallegra!

Leggi tutto…