Eurasia e suoi sviluppi

di Pepe Escobar

Con una sola mossa, Ansarallah nello Yemen ha dato scacco matto all’Occidente e al suo ordine basato sulle regole.

Che siano stati inventati nell’India settentrionale, nella Cina orientale o nell’Asia centrale – dalla Persia al Turkestan – gli scacchi sono un gioco asiatico. Negli scacchi arriva sempre il momento in cui un semplice pedone riesce a sconvolgere l’intera scacchiera, di solito attraverso una mossa nell’ultima traversa il cui effetto semplicemente non può essere calcolato.

Sì, un pedone può imporre uno scacco matto sismico. È lì che siamo, geopoliticamente, proprio adesso.

Gli effetti a cascata di una singola mossa sulla scacchiera – lo stupefacente Ansarallah dello Yemen e il blocco attentamente mirato del Mar Rosso – vanno ben oltre il trasporto marittimo globale, le catene di approvvigionamento e la guerra dei corridoi economici . Per non parlare della riduzione all’irrilevanza della tanto lodata proiezione della forza della Marina americana.

Il movimento di resistenza dello Yemen, Ansarallah, ha chiarito molto apertamente che qualsiasi nave affiliata a Israele o destinata a Israele sarà intercettata. Mentre l’Occidente si irrita per questo e si immagina un bersaglio, il resto del mondo comprende pienamente che tutte le altre navi sono libere di passare.
Le petroliere russe – così come le navi cinesi, iraniane e del Sud del mondo – continuano a muoversi indisturbate attraverso Bab al-Mandeb (punto più stretto: 33 km) e il Mar Rosso.

Missili del gruppo Houthi nello Yemen

Solo l’egemone è disturbato da questa sfida al suo “ordine basato su regole”. È indignato che le navi occidentali che trasportano energia o merci a Israele, che viola la legge internazionale, possano essere ostacolate e che la catena di approvvigionamento sia stata interrotta e precipitata in una profonda crisi. L’obiettivo individuato è l’economia israeliana, che sta già sanguinando pesantemente. Una singola mossa yemenita si rivela più efficace di un torrente di sanzioni imperiali.

È l’allettante possibilità che questa singola mossa si trasformi in un cambiamento di paradigma – senza ritorno – che si aggiunge all’apoplessia dell’egemone. Soprattutto perché l’umiliazione imperiale è profondamente radicata nel cambiamento di paradigma.

Il presidente russo Vladimir Putin, ufficialmente, sta ora inviando un messaggio inequivocabile: dimenticate il Canale di Suez. La strada da percorrere è la Rotta del Mare del Nord – che i cinesi, nel quadro del partenariato strategico Russia-Cina, chiamano la Via della Seta Artica.

Mappa delle rotte marittime del Passaggio a Nord-Est e a Nord-Ovest
Per gli europei sbalorditi, i russi hanno dettagliato tre opzioni: in primo luogo, navigare per 15.000 miglia attorno al Capo di Buona Speranza. In secondo luogo, utilizzare la rotta russa del Mare del Nord, più economica e veloce. Terzo, invia il carico tramite le ferrovie russe.

Rosatom, che supervisiona la rotta del Mare del Nord, ha sottolineato che le navi non appartenenti alla classe ghiaccio sono ora in grado di navigare per tutta l’estate e l’autunno, e che la navigazione tutto l’anno sarà presto possibile con l’aiuto di una flotta di rompighiaccio nucleari.

Tutto ciò come diretta conseguenza della singola mossa yemenita. E dopo? Lo Yemen entra nei BRICS+ al vertice di Kazan alla fine del 2024, sotto la presidenza russa?

La nuova architettura sarà incorniciata nell’Asia occidentale

L’Armada guidata dagli Stati Uniti, messa insieme per l’Operazione “Genocide Protection”, crollata ancor prima della nascita, potrebbe essere stata istituita per “avvertire l’Iran”, oltre a spaventare Ansarallah. Proprio come gli Houthi, Teheran non è affatto intimidita perché, come ha succintamente affermato l’asso dell’analista dell’Asia occidentale Alastair Crooke: “Sykes-Picot è morto”.

Questo è un cambiamento quantico sulla scacchiera. Ciò significa che le potenze dell’Asia occidentale daranno forma alla nuova architettura regionale da ora in poi, e non la “proiezione” della Marina statunitense.

Ciò porta con sé un corollario ineffabile: quelle undici task force di portaerei statunitensi, a tutti gli effetti pratici, sono essenzialmente inutili.

Tutti in Asia occidentale sono ben consapevoli che i missili di Ansarallah sono in grado di colpire i giacimenti petroliferi sauditi ed emiratini e di metterli fuori servizio. Quindi non c’è da meravigliarsi che Riyadh e Abu Dhabi non accetterebbero mai di diventare parte di una forza marittima guidata dagli Stati Uniti per sfidare la resistenza yemenita.

A ciò si aggiunge il ruolo dei droni sottomarini ora in possesso di Russia e Iran. Pensate a cinquanta di questi puntati contro una portaerei americana: non ha difese. Sebbene gli americani dispongano ancora di sottomarini molto avanzati, non possono mantenere il Bab al-Mandeb e il Mar Rosso aperti agli operatori occidentali.

Milizie Houthi Yemen

Sul fronte energetico, Mosca e Teheran non hanno nemmeno bisogno di pensare – almeno non ancora – all’utilizzo dell’opzione “nucleare” o al taglio potenziale di almeno il 25%, e oltre, della fornitura mondiale di petrolio. Come lo descrive sinteticamente un analista del Golfo Persico, “ciò farebbe implodere irrimediabilmente il sistema finanziario internazionale”.

Per coloro che sono ancora determinati a sostenere il genocidio di Gaza ci sono stati avvertimenti. Il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani lo ha menzionato esplicitamente. Teheran ha già chiesto un embargo totale su petrolio e gas contro le nazioni che sostengono Israele.

Un blocco navale totale di Israele, meticolosamente progettato, rimane una possibilità concreta. Il comandante del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC), Hossein Salami, ha affermato che Israele potrebbe “presto affrontare la chiusura del Mar Mediterraneo, dello Stretto di Gibilterra e di altri corsi d’acqua”.

Tieni presente che non stiamo ancora parlando nemmeno di un possibile blocco dello Stretto di Hormuz ; siamo ancora sul Mar Rosso/Bab al-Mandeb.

Perché se i neo-conservatori straussiani della Beltway si lasciassero veramente sconvolti dal cambio di paradigma e agissero disperatamente per “dare una lezione” all’Iran, un blocco combinato Hormuz-Bab al-Mandeb potrebbe far salire alle stelle il prezzo del petrolio ad almeno 500 dollari. un barile, innescando l’implosione del mercato dei derivati ​​da 618mila miliardi di dollari e facendo crollare l’intero sistema bancario internazionale.

La tigre di carta è in un ingorgo

Dopotutto Mao Zedong aveva ragione: gli Stati Uniti potrebbero in realtà essere una tigre di carta. Putin, però, è molto più attento, freddo e calcolatore. Con questo presidente russo si tratta di una risposta asimmetrica, proprio quando nessuno se lo aspetta.

Ciò ci porta alla prima ipotesi di lavoro forse in grado di spiegare il gioco d’ombre che maschera la singola mossa di Ansarallah sulla scacchiera.

Quando il giornalista investigativo vincitore del Pulitzer Sy (Seymour) Hersh dimostrò come il Team Biden avesse fatto saltare in aria i gasdotti Nord Stream, non vi fu alcuna risposta russa a quello che era, in effetti, un atto di terrorismo contro Gazprom, contro la Germania, contro l’UE e contro un gruppo di aziende europee. Eppure lo Yemen, ora, con un semplice blocco, mette sottosopra il trasporto marittimo globale.

Quindi cosa è più vulnerabile? Le reti fisiche di approvvigionamento energetico globale (Pipelineistan) o la Talassocrazia, stati che traggono il loro potere dalla supremazia navale?

La Russia privilegia il Pipelineistan: vedi, ad esempio, Nord Stream e Power of Siberia 1 e 2. Ma gli Stati Uniti, l’egemone, hanno sempre fatto affidamento sul loro potere talassocratico, erede del “Britannia governa le onde”.

Beh, non più. E, sorprendentemente, arrivarci non prevedeva nemmeno l’opzione “nucleare”, il blocco dello Stretto di Hormuz, di cui Washington inganna e allarmizza come un matto.

Naturalmente non avremo la pistola fumante. Ma è affascinante l’ipotesi che l’unica mossa yemenita possa essere stata coordinata al più alto livello tra tre membri del BRICS – Russia, Cina e Iran, il nuovo “asse del male” neoconservatore – più altri due BRICS+, le potenze energetiche dell’Arabia Saudita e del Emirati Arabi Uniti. Come in “se lo fai, ti copriamo le spalle”.

Niente di tutto ciò, ovviamente, sminuisce la purezza yemenita: la loro difesa della Palestina è un dovere sacro.

L’imperialismo occidentale e poi il turbocapitalismo sono sempre stati ossessionati dall’idea di fagocitare lo Yemen, un processo che Isa Blumi, nel suo splendido libro Destroying Yemen , ha descritto come “che priva necessariamente gli yemeniti del loro ruolo storico di motore economico, culturale, spirituale e politico”. per gran parte del mondo dell’Oceano Indiano”.

Lo Yemen, però, è invincibile e, fedele a un proverbio locale, “mortale” ( Yemen Fataakah ). Come parte dell’Asse della Resistenza, Ansarallah dello Yemen è ora un attore chiave in un complesso dramma che coinvolge l’Eurasia e che ridefinisce la connettività del Heartland; e insieme alla Belt and Road Initiative (BRI) della Cina, al corridoio internazionale di trasporto nord-sud (INSTC) guidato da India-Iran-Russia e alla nuova rotta marittima del Nord della Russia, include anche il controllo sui punti di strozzatura strategici intorno al Mar Mediterraneo e alla penisola arabica .

Questo è un altro paradigma di connettività commerciale, che fa a pezzi il controllo coloniale e neocoloniale occidentale dell’Afro-Eurasia. Quindi sì, BRICS+ sostiene lo Yemen, che con una sola mossa ha presentato alla Pax Americana The Mother of All Geopolitical Jams.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM