"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Elite finanziaria e banchieri

di Luciano Lago

Come altre volte abbiamo scritto, il processo di globalizzazione economica ha favorito negli ultimi decenni l’ascesa al potere di una elite finanziaria transnazionale che ha acquisito un potere di controllo di fatto sul sistema economico mondiale tramite il monopolio degli strumenti finanziari ed la supervisione sui principali organismi transnazionali che svolgono la funzione di regolatori dei mercati dei capitali e dei principali indici finanziari (dal Fondo Monetario Internazionale, alla Banca mondiale, al potentissimo WTO (commercio internazionale), oltre alla Banca dei Regolamenti Internazionali, della Goldman Sachs e delle più importanti banche d’affari (dalla JP Morgan alla Black Rock, Morgan Stanley, Credit Suisse, ecc..).

Leggi tutto…

Nel primo giorno del mio nuovo lavoro come cameriere di un hotel – prima che possa lucidare un bicchiere od offrire una tartina – vengo istruito in dettaglio su come entrare nell’edificio. Non dall’ingresso principale, ma in modo tortuoso attraverso un “ingresso segreto per il personale”.

di SIAN BOYLE

Devo memorizzare il percorso, mi dice il manager del ristorante, che mi guida, attraversando un’oscura porta di un punto KFC di uno scadente centro commerciale.

Saliamo poi due piani su un misero ascensore, oltre una falange di uomini della sicurezza, attraverso un’area di consegna sotterranea, passati bidoni, una mensa del personale e lungo un corridoio sotterraneo poco illuminato e che odora di urina.

Leggi tutto…

Riflessioni su

KALERGI E LA FINANZA “EBRAICA”

di Matteo Simonetti – Nexus Edizioni, 2018

di Marco Della Luna

Nel suo saggio sul c.d. Piano Kalergi e sui pamphlets del conte Richard Coudenhove Kalergi (Idealismo pratico, Paneuropa), Simonetti fa risaltare bene come quest’autore, che scrive negli anni venti del secolo scorso, argomenta in modo semplicistico e senza alcuna pretesa scientifica nel descrivere e far proprio quello che pare non un piano ideato da lui, ma piuttosto un piano che egli ha creduto di riconoscere come strategia generale di lungo termine negli ambienti cosmopoliti, politici, massonici che frequentava.

Il piano – nella esposizione di Kalergi – ha alcune premesse, estremamente grossolane. Innanzitutto l’umanità occidentale si dividerebbe in due tipi di uomo:

Leggi tutto…

di Carlo Bonaiti

Cominciamo con due dati: abbiamo un debito pubblico di 2.230 mld. pari al 132% del PIL. Paghiamo ogni anno quasi 90 mld. di interessi (la terza spesa italiana dopo la previdenza e la sanità) senza, peraltro, riuscire ad intaccare il debito. E la narrazione corrente ci vuole direttamente responsabili (noi cittadini) per aver vissuto al di sopra delle nostre possibilità !!!

La storia: dal 1960 al 1981 il rapporto D.P./PIL è sempre stato inferiore al 60% (circa il 58%) che rappresenta il valore che i burocrati di Bruxelles considerano adeguato per definire una economia sana.

Leggi tutto…

La direttrice del Fondo Monetario, Christine Lagarde, nel contesto delle prese di posizione del Foro economico che si svolge a Davos, Svizzera, ha mandato un avvertimento che, a questi livelli, non è una novità salvo per quanto afferma: “Esiste un preoccupante aumento del debito di molti paesi e dobbiamo (o devono) state attenti”.

In quel consesso la Lagarde, che quest’anno ha parlato in funzione della sua investitura come vicepresidente di turno del Foro, ha tenuto a presentare l’attualizzazione delle prospettive economiche globali che prevedono una crescita mondiale per il 2018 e 2019 del 3,9 per cento per ogni anni, 0,2 punti sopra le stime previste.

Leggi tutto…

Il miliardario speculatore George Soros (amico di Emma Bonino) ha cambiato atteggiamento di fronte alla Russia, secondo quanto si apprende da una intervista rilasciata dal miliardario al giornale britannico Financial Times.
In tale intervista, Soros ha dichiarato che in Russia si produce il “la rinascita di una grande potenza”, nel momento stesso in cui ha qualificato l’Unione Europea come una entità “sull’orlo del collasso”.

Leggi tutto…

L’ex sicario economico John Perkins, autore del libro ‘The New Confessions of an Ecnomic Hit Man’, (le nuove confessioni di un sicario economico), in una intervista esclusiva ha relazionato di come la CIA e la NSA influiscono sul sistema economico fino a manipolarlo e perchè, nonostante le minacce di morte, lui ha voluto scrivere su tale argomento.

La CIA e la NSA: sono le mani che muovono i fili occulti del sistema.

Perkins aveva lavorato in una società di Consulting statunitense fino a quando scoprì che coloro che lo avevano contrattato per tale lavoro gli facevano fare il lavoro sporco per conto della CIA e della Agenzia Nazionale di Sicurezza degli USA (NSA).

Leggi tutto…

di Alessandro Montanari

Dal momento che i grandi giornali nazionali hanno curiosamente trascurato la notizia, che in caso contrario avrebbero avuto la scocciatura di dover commentare, tocca ancora a questo piccolo sito darvi conto dell’ultima uscita di Lloyd Blankfein che, per chi non lo conoscesse, è dal 2006 il Chief Executive Officer di Goldman Sachs.

Infastidito dallo scherzetto della Brexit ma ancor più, si direbbe, dall’infantile ostinazione britannica a non voler disattendere il voto, Mr Blankfein ha approfittato di twitter – che, non essendo di cittadinanza russa, può usare liberamente per influenzare gli affari interni altrui – per suggerire alla signora May una soluzione choc. “Riluttante a dirlo – premette, esibendo un insospettabile candore, il grande capo di Goldman Sachs -, ma molti si augurano un voto di conferma su una decisione così monumentale e irreversibile. La posta in gioco è alta. Perché non assicurarci che ci sia ancora consenso?”.

Leggi tutto…

di Finian CUNNINGHAM

Il sistema Capitalista è da tempo entrato in crisi per le sue contraddizioni ed i leaders occidentali tentano di incolpare la Russia.
Nuove cifre pubblicate questa settimana circa un’oscena disuguaglianza sociale riscontrata nelle più avanzate società occidentali mostrano come il sistema economico capitalista sia diventato più che mai profondamente disfunzionale.

Sicuramente, il funzionamento depravato del sistema rappresenta la più grande minaccia per le società e per la sicurezza internazionale. Tuttavia, i leader occidentali sono invece preoccupati di altre minacce inesistenti, come ad esempio quella della Russia.

Leggi tutto…

Si riaffaccia, nel caso della Polonia, la questione della legittimità della Commissione Europea di fronte alle scelte fatte dalla Polonia.

La Commissione Europea minaccia la Polonia di sospendere il suo diritto di voto nella UE  sulla base dell’art.7 del Trattato di Lisbona e di applicare sanzioni per causa della riforma giurisdizionale.

Leggi tutto…