di Manlio Dinucci Chi dice che scarseggiano gli investimenti nel Mezzogiorno? La ministra Pinotti ha annunciato la realizzazione di una grande opera a Napoli: l’Hub per il Sud. Dopo l’incontro con il capo del Pentagono James Mattis, martedì a Washington, ha dichiarato: «Siamo soddisfatti che sia stata accolta la nostra richiesta di trasformare il Comando Nato di Napoli in Hub per il Sud».

di James Petras L’imperialismo culturale si può definire come invasione e dominazione sistematica della vita culturale delle classi popolari da parte delle classi che governano l’Occidente, con l’obiettivo di ri-orientare le scale di valori, le condotte, le istituzioni e le identità dei paesi oppressi per farli coincidere con gli interessi delle classi imperialiste. L’imperialismo culturale ha forme “tradizionali” e moderne. Nei secoli scorsi la Chiesa, il sistema educativo e le autorità pubbliche svolgevano un ruolo fondamentale, inculcando nei popoli nativi idee di sottomissione e lealtà in nome di principi divini o assolutisti.

di Zoltan Zigedy Quando Putin afferma che le sanzioni contro la Russia sono una forma di “protezionismo nascosto”… “Gli sviluppi delle ultime settimane rimuovono la nebbia che oscurava gli obiettivi di politica estera della classe dominante USA. Una serie di eventi apparentemente non correlati fanno luce sulle finalità dei responsabili politici in un’era di intensificazione delle rivalità internazionali. Più oltre, sta diventando chiaro che il Presidente Trump sta ora parametrando la politica estera al consenso della classe dirigente; il suo allontanarsi dalla linea è stato sostanzialmente posto sotto controllo. (…)

di  Salvo Ardizzone La Sicilia è il centro focale della Intelligence Usa non solo per il Muos, ma anche (e soprattutto) per quel mega hub di connessioni, cuore di Internet per vastissima parte del pianeta, chiamato Sicily Hub. Che l’Isola sia da sempre considerata una base essenziale per gli interessi degli Stati Uniti e per il suo braccio operativo euro-atlantico, la Nato, è storia antica: le antenne del Muos completano uno scenario che comprende fra l’altro Sigonella, divenuta la più importante base dello Zio Sam nel Mediterraneo allargato, il porto di Augusta, l’aeroporto di Birgi, le assai poco conosciute stazioni radar a Lampedusa e nelle Eolie e molto altro ancora.

Il senatore statunitense John McCain ha dichiarato oggi che il presidente russo Vladimir Putin presuppone una minaccia maggiore per la sicureza mondiale che non il gruppo terrorista dell'ISIS (Daesh in arabo). In una intervista concessa dal senatore al network TV australiano ABC , il senatore USA ha sottolineato che il presidente russo è la principale minaccia per la sicurezza mondiale.

È giorno di fake news. Tre storie che stanno facendo il giro dei media, tutte basate su false premesse. Corea del Nord, Siria e Trump ne sono gli obiettivi. 1. Il Wall Street Journal afferma con un titolo #fakenews che i bit del computer-code nel recente ransomware WannaCry sono identici a quelli usati nel 2014 per hackerare la Sony (attacco falsamente imputato alla Nord Corea). Ricercatori trovano un indizio che collega il virus ad un gruppo legato a Pyongyang

di  Eugenio Orrso Un paese occupato da poteri esterni global-finanziari come l’Italia, ormai inerte sulla scena internazionale, per poter aver una prospettiva di liberazione e di riconquista della sovranità deve solo sperare in importanti accadimenti geopolitici esterni, che favoriscano la sua liberazione. L’approccio isolazionista che ha avuto Donald Trump nella lunga campagna elettorale per le presidenziali Usa, lo scorso anno, ha lasciato ben sperare gli europei degni di questo nome. “America first” è stato il suo motto, dal significato fin troppo esplicito.

di  Stefano Zecchinelli La propaganda russofoba di Washington ha la sua centrale nell’Università di Harvard a dimostrazione che le strutture accademiche non hanno più nulla – semmai l’abbiano avuto – di culturale e scientifico ma sono diventate delle vere e proprie agenzie di intelligence orientate geopoliticamente. Il folle Progetto per un nuovo secolo americano del clan Bush è la Bibbia di questi ‘’nuovi’’ accademici, smaniosi di potere e notorietà. L’Università di Harvard ha creato una vera e propria lista nera dove vengono inseriti gli studiosi che mettono in discussione le tesi ufficiali propinate dai governi imperialisti per giustificare le proprie malefatte. L’economista Paul Craig Roberts scrive: ‘’E se qualcuno dovesse capirne qualcosa e dubitare del rapporto della Commissione Warren e di quello sul 9/11 , viene additato come cospiratore e messo nella lista nera di Harward dove stanno tutti i procacciatori di “notizie false”.

di  Luciano Lago L'ondata globalista e la costruzione di un ordinamento unico in Europa governato da una oligarchia formata da tecnoburocrati che si identificano con le Istituzioni europee, ha dovuto registrare negli ultimi giorni alcune brusche fermate che hanno costretto i suoi promotori a rivedere alcuni dei parametri impostati. Abbiamo assistito negli ultimi anni al manifestarsi di forti resistenze al progetto dell'ordinamento unico che sono emerse sia a livello di Governi (il governo della Polonia, della Rep. Ceka, della Slovacchia e l'Ungheria) sia a livello di movimenti politici all'interno delle singole nazioni, frettolosamente definiti "populisti". Questo fenomeno della crescita dei movimenti di opposizione al progetto della UE è strettamente collegato con il susseguirsi di avvenimenti che hanno accelerato questo processo.

di   F. William  Engdahl La qualifica di “uomo della porta posteriore“, che noi abbiamo tradotto con “burattino”, ha svariate connotazioni. Nella canzone originale di Willie Dixon, si riferisce a un uomo che ha una tresca con una donna sposata, e che si serve di una porta nascosta [la porta posteriore] per fuggire prima che il marito rincasi. Durante la presidenza di Gerald Ford, “Back Door Man“ fu impiegata per Dick Cheney, capo di Gabinetto della Casa Bianca, ruolo in cui si distingueva per alcune sue opache «competenze» che gli permettevano di ottenere ciò che voleva. Ora via via che sta prendendo forma il Gabinetto di Trump, sembra che l’intero progetto della sua presidenza lo faccia apparire un fantoccio. La retorica della campagna di Trump relativa al “prosciugamento della palude” è dimenticata. In ottobre, durante la campagna, il candidato Trump aveva dichiarato alla stampa: «Decenni interi di accordi tra interessi speciali devono finire.. Dobbiamo porre fine a un ciclo di corruzione […] è tempo di prosciugare la palude Washington D.C. […] è per questo che propongo una selezione delle riforme etiche, al fine di rendere il nostro Stato nuovamente onesto».