Washington ed i suoi alleati della Nato che aizzano guerre sono infatti gli stessi protagonisti…", queste le parole di Luciano Lago, giornalista freelance italiano e analista delle questione politiche internazionali, in un collegamento telefonico con la Radio Italia della Voce della Repubblica islamica dell'Iran (IRIB)...

Il recente annuncio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump che gli Stati Uniti riconosceranno la sovranità di Israele sulle alture del Golan richiama ancora una volta l'attenzione sui doppi standard applicati dalla NATO e dai suoi satrapi, tra cui l'Australia, ai problemi dell'integrità territoriale,...

WASHINGTON DC, Stati Uniti - Il riavvicinamento della Russia alla Cina minaccia l'egemonia globale degli Stati Uniti e potrebbe sminuire il potenziale scientifico e tecnologico di Washington, secondo l'osservatore del professor Bloonsberg e Johns Hopkins University, Hal Brands, che ha fatto affidamento sulle conclusioni...

Uno dei più importanti paesi emergenti , l'India, il primo paese per popolazione in Asia (dopo la Cina) ha ribadito che non considererà valido l'embargo decretato da Washington contro l'Iran ed anzi prevede di incrementare i suoi acquisti di petrolio e la sua cooperazione economica con Teheran. Tanto meno l'India accetterà le intimidazioni e le minacce di sanzioni proferite da Washington circa gli acquisti di armi sofisticate dalla Russia. Mentre gli Stati Uniti si preparano a imporre sanzioni petrolifere contro l'Iran, a Nuova Delhi sono in aumento le indicazioni secondo cui il secondo maggior cliente del petrolio iraniano non taglierà  i suoi acquisti da Teheran ma anzi è destinato ad incrementarli.

La Corte internazionale di giustizia (ICJ) ha ordinato agli Stati Uniti di revocare le sanzioni contro l'Iran che sono collegate ai beni umanitari e all'aviazione civile. Secondo L'Aia, le misure adottate dagli Stati Uniti potrebbero mettere a rischio la sicurezza dell'aviazione civile in Iran e la vita dei suoi utenti. Queste sanzioni impediscono alle compagnie aeree iraniane "dall'acquisizione di pezzi di ricambio" e attrezzature, e impediscono l'accesso a "manutenzione, servizi di riparazione e ispezioni relative alla sicurezza" che sono necessari per gli aerei civili, afferma la nota .

La Russia torna ad avvisare della fornitura di armi  al gruppo terrorista dell'ISIS in Afghanistan per mezzo di elicotteri non identificati. "Dobbiamo fare un nuovo richiamo all'attenzione internazionale riguardo al fatto che elicotteri non identificati nel nord dell'Afghanistan hanno fornito armi e munizioni ai miliziani dell'ISIS ed ai combattenti talibani che operano con l'ISIS", lo ha segnalato giovedì la portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zajarova. Nel corso di una conferenza stampa  a Mosca, la portavoce russa ha riferito che detti voli sono stati effettuati  nell provincia settentrionale di Sari Pul, ed ha messo in questione il silenzio della NATO, che ha il controllo dello spazio aereo, su tale episodio.