I Royal Marines hanno sequestrato la super cisterna, Grace 1, che trasporta petrolio greggio in Siria. Un distaccamento dei Royal Marines, per conto delle autorità di Gibilterra, ha sequestrato una superpetroliera sospettata di trasportare petrolio in Siria nella convinzione che questa...

Il Cremlino ha espresso le sue preoccupazioni per un attacco con o droni diretto da un aereo spia statunitense contro la base aerea russa di Hmeymin in Siria. In precedenza il viceministro della Difesa Alexandr Fomin ha rivelato che l'attacco era stato diretto da un aereo USA Poseidon senza precisare quando questo si era verificato.

L'aereo spia USA controllava a distanza una squadra di droni che si disponevano ad attaccare la base russa. Le intercettazioni elettroniche registrate dai russi non lasciano dubbi a riguardo.

di  Luciano Lago Sono in molti a ritenere che Israele, con la sua azzardata mossa di attaccare dal mare le installazioni governative in Siria, causando l'abbattimento dell'aereo russo, avesse in realtà un piano concordato con le unità navali francesi, di creare la provocazione che prevedeva la reazione russa e il conseguente intervento diretto della NATO in Siria, preludio di un conflitto generale. Il fattore del mancato preavviso ai russi dal comando militare israeliano, se non un solo minuto prima, dimostra che di fatto l'aviazione israeliana doveva ingaggiare le forze russe e siriane su Latiaka, in collaborazine con le unità navali francesi.