"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Attacco alla Russia

di  Jafe Armold

Secondo il segretario stampa del presidente russo, Dmitrij Peskov, oggi Vladimir Putin ha discusso le nuove sanzioni degli Stati Uniti contro la Russia con il Consiglio di sicurezza russo appositamente convocato .
I partecipanti hanno concordato che le azioni di Washington sono completamente in contraddizione con il diritto internazionale .

Tra i partner della discussione con Putin figurano il membro della Duma di stato Vyacheslav Volodon , il capo dell’amministrazione del Cremlino, Anton Vayno , il segretario del Consiglio di sicurezza Nikolai Patrushev , il ministro della difesa Sergei Shoigu e il direttore dell’FSB Aleksandr Bortnikov .
Questo significa che l’intero comando militare e di intelligence della Russia è stato mobilitato per discutere delle ultime sanzioni americane.

Leggi tutto…

Washington ha richiesto a Mosca di ritirare le sue truppe dall’Ossetia del sud e dall’Abjasia e di ritornare sulle posizioni che occupava nel 2008, come ha affermato il Dipartimento di Stato USA.

“Gli USA richiamano  la Russia a ritirare le sue forze dalle posizioni in cui si trovavano prima dell’invasione”, ha dichiarato il martedì Heather Nauert, la portavoce del Dipartimento di Stato. Di seguito la Nauert ha sottolineato che Washington appoggia l’integrità territoriale della Georgia nell’ambito delle “frontiere riconosciute internazionalmente”.

La nostra posizione sulla regione georgiana occupata dai russi e sulla Ossetia del sud è chiara. Questo per noi è un fatto consolidato che quelle regioni sono parte della Georgia”, ha dichiarato la portavoce.

Leggi tutto…

di  Paul Craig Roberts

Questa settimana sono stato intervistato da una TV russa sulle possibili nuove sanzioni anti-russe che Washington sta considerando, sanzioni che proibirebbero a chiunque nel mondo intero di detenere titoli di Stato russi. Pensateci per un momento. Washington pensa di avere il diritto e il potere di impedire ai paesi sovrani e ai loro cittadini gli investimenti nei titoli di Stato russi. Qui siamo di fronte all’arroganza che si trasforma in follia.

Le obbligazioni russe sono un investimento eccellente. A differenza dei titoli di Stato americani, europei, inglesi e giapponesi, i titoli russi pagano buoni tassi d’interesse, e la Russia non ha praticamente alcun debito nazionale, a differenza dei governi fortemente indebitati di Stati Uniti, Europa, Regno Unito e Giappone.

Leggi tutto…

Dimentica Trump: il complesso militare-industriale continua a gestire lo spettacolo con la Russia.
Mentre i media blatterano, non riescono a vedere come Trump abbia mantenuto il solito meccanismo in funzione.

di  Bruce Fein

Il presidente Donald Trump ha rafforzato, non indebolito, l’opposizione militare ed economica americana al presidente russo Vladimir Putin. Questo fatto è stato per lo più non segnalato ed è della massima importanza. Indipendentemente da ciò che Trump ironizza sulla NATO o Vladimir Putin, il complesso miliardario-industriale-militare (MICC) multi-trilionario governa le relazioni russo-americane come ha fatto per settant’anni. E l’incubo del MICC non è quello di perdere un amico, ma di perdere un nemico.

Leggi tutto…

“Penso che vediate anche voi che questi sforzi hanno fallito e che non avrebbero mai avuto successo”, ha detto Putin in una lunga conversazione con il giornalista di Fox News, Chris Wallace, con il quale ha commentato l’incontro con il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump , concentrandosi principalmente sulla politica e sulla sicurezza.

Secondo il leader russo, il suo paese è interessato a sviluppare sicurezza, stabilità strategica e relazioni economiche con gli Stati Uniti , nonostante i numerosi equivoci tra le due potenze.

Leggi tutto…

di  Joaquin Flores

MOSCA – L’Occidente considera la Russia, per il fatto che sta riconquistando la sua influenza e incrementando le sue forze armate, non come alleato ma come una minaccia per il governo degli Stati Uniti, lo ha detto il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu.

“Oggi la Russia, che si trova in fase di recupero delle sue forze, non è vista come un alleato ma come una minaccia al dominio egemonico degli Stati Uniti. Siamo accusati di presunti piani aggressivi nei confronti dell’Occidente mentre loro (USA e NATO) continuano a concentrare nuove forze militari vicino ai nostri confini “, ha sottolineato.

Mentre questo può sembrare più che ovvio per i lettori di Controinformazione.info, i commenti di Shoigu devono essere compresi nel seguente contesto: come un esempio di tali azioni ostili, il ministro della Difesa russo ha ricordato la decisione della NATO presa a giugno sulla creazione di due nuovi centri di comando regionali responsabili delle comunicazioni marittime e dello spiegamento rapido delle truppe statunitensi in Europa.

Leggi tutto…

La nave ammiraglia della VI flotta USA, lo  è entrata nel Mar Nero per partecipare alle manovre congiunte con la flotta ucraina. Da Mosca noin vedono in queste manovre una minaccia reale, tuttavia viene segnalato che questa esercitazione sottocosta della Russia rappresenta una provocazione destinata a peggiorare il clima in vista del vertice  Trump-Putin del prossimo 16 Luglio.

Il senatore russo Frants Klintsévich, vicepresidente del Comitato della Difesa  e Sicurezza della Federazione -Camera Alta del Parlamento russo-ha segnalato che queste manovre ucraino statunitense “peggioreranno soltanto la situazione politica e militare della regione”. Secondo le sue parole queste  esercitazioni incitano l’Ucraina a intraprendere azioni sconsiderate che possono creare a Kiev l’illusione di una permissività”.

Leggi tutto…

di  Luciano Lago

Sulle sanzioni alla Russia il Governo Conte Salvini si accoda docilmente alla UE e vota a favore del rinnovo.
Nel vertice di Bruxelles di ieri c’era l’occasione di discutere sulla questione delle sanzioni alla Russia, in un momento favorevole per farlo, vista la situazione di scollamento dei paesi europei e la inconsistenza delle argomentazioni dei sostenitori delle posizioni antirusse.

Ci si poteva aspettare una decisione coerente da parte del Governo Conte/Salvini che aveva messo tale questione nel contratto di Governo e si trattava di prendere al volo l’occasione per manifestare una posizione autonoma dell’Italia che, in vista del prossimo vertice Trump-Putin, avrebbe potuto schiudere una possibilità distensiva in Europa.

Leggi tutto…

Sebastopoli, Russia. – Il raggruppamento militare della Crimea non fornirà alcuna opportunità al nemico che si azzardi ad attaccare questo territorio, ha messo in chiaro il ministro della Difesa della Russia, Serguéi Shoigú, nel corso di una riunione militare svoltasi a Sebastopoli.

“Nella penisola di Crimea è stato creato e si rafforza permanentemente un gruppo interforze unico, con i suoi moderni sistemi di arma , sulla base di alte tecnologie che non lasciano neppure la minore opportunità al nemico potenziale che si azzardi a voler invadere questo territorio che è un territorio russo a tutti gli effetti”, ha affemrmato il ministro.

Leggi tutto…

La Russia non ha mai chiesto la reintegrazione come membro del G8, crede che il futuro sia nel G20:  così il ministro degli Esteri di Mosca, Sergei  Lavrov.
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha risposto a stretto giro alla proposta di Trump di rintegrare la Russia nel G7, affermando che alla Russia non interessa di essere riammessa in una formazione di nazioni che oggi appare minoritaria alla luce dei nuovi assetti mondiali che si sono formati negli ultimi anni.
Lavrov in particolare ha dichiarato che il suo paese non ha mai “chiesto di essere autorizzato a rientrare” nel gruppo dei paesi industriali del G8 poiché ritiene che la Russia stia funzionando perfettamente bene in altri formati, incluso il G20 che è la piattaforma più promettente nel lungo termine.

Leggi tutto…