Arabia Saudita


di Mike Adams

Tra gli americani informati – e chiunque detenga dollari – la protezione dei beni, liberandosi dei dollari, deve ora diventare una priorità assoluta. Ciò significa che nei prossimi mesi dovremmo aspettarci un rapido trasferimento di dollari in eccesso in beni materiali: oro, argento, terra, veicoli, munizioni, armi, cibo, ecc .

Come abbiamo costantemente avvertito per oltre un anno, Operazione Sandman1 è stato ora attivata, con il ministro delle finanze saudita Mohammed Al-Jadaan che ha detto aBloomberg TV(durante un’intervista al WEF di Davos) che i sauditi accetterebbero volentieri qualsiasi valuta per regolare le transazioni petrolifere. (Segnalato da OilPrice.com). Vedi: https://www.arabianbusiness.com/politics-economics/saudi-arabia-open-to-non-dollar-trade

Il pilastro fondamentale del predominio monetario globale degli Stati Uniti e della sua capacità di esportare la propria inflazione in tutto il mondo poggia sul cosiddetto status del petrodollaro, con cui gli Stati Uniti hanno accettato di proteggere il (corrotto) regno saudita mediante lo scambio di l’accordo dei sauditi che chiedono dollari USA per tutti a regolamento delle transazioni petrolifere. Questo accordo è in vigore dalla conferenza di Bretton Woods nel 1944 e ha portato il dollaro fino ad oggi.

Tuttavia quell’accordo sta ora volgendo al termine.
Pochissimi americani hanno idea di cosa questo significhi per i loro beni e il loro futuro.
Inoltre, pochissime persone si rendono conto che oltre 100 nazioni sono disposte a rinunciare al petrodollaro come valuta dominante per gli accordi petroliferi. Invece di quello, molti paesi passeranno all’utilizzo dello yuan (dalla Cina), o dello yuan digitale, o della nuova valuta di riserva BRICS+ supportata da materie prime che sta per essere lanciata da Cina, Russia, India e altri paesi partecipanti.

Le tessere del domino sono messe in moto. E mentre ciò si svolge, significa che i dollari torneranno negli Stati Uniti a frotte mentre le nazioni di tutto il mondo si sbarazzeranno della valuta fiat del biglietto verde di cui non hanno più bisogno. Ciò significa che i dollari subiranno una rapida svalutazione del potere d’acquisto , con conseguente aumento dei prezzi, ovvero inflazione, di beni di consumo come generi alimentari, automobili e altro ancora.

Sebbene ciò richiederà del tempo per essere pienamente realizzato, significa anche che le persone che detengono dollari saranno finanziariamente rovinate man mano che il potere d’acquisto del dollaro evapora. La risposta del governo degli Stati Uniti a tutto ciò risulterà quasi certamente in una nuova stupidità nello stampare masse di denaro, aggiungendo ancora più stock di dollari al flusso di dollari scaricati dalle nazioni del mondo. Il gioco finale è, ovviamente, l’ iperinflazione poiché il dollaro non solo perderà il 2% del suo potere d’acquisto al mese, ma potrebbe anche perdere il 10%, il 20% o anche di più al mese (nel gioco finale). Pensa alla Germania di Weimar come esempio della fine del gioco qui in atto.

La protezione dei beni sta diventando un’emergenza
Tra gli americani informati – e chiunque detenga dollari – la protezione patrimoniale deve ora diventare una priorità assoluta. Ciò significa che dovremmo aspettarci un rapido trasferimento di dollari in eccesso in beni materiali nei prossimi mesi: oro, argento, terra, veicoli, munizioni, armi, cibo, ecc. Controlla le scorte d’argento Comex se vuoi sapere cosa stanno già facendo gli addetti ai lavori. (suggerimento: prendono la consegna fisica dei metalli preziosi e svuotano le casseforti).

Declino dell’Impero USA

Significa anche che i prezzi che vediamo oggi in quasi tutto in vendita sono probabilmente i prezzi più bassi che vedremo negli anni a venire . Ad un certo punto, la diminuzione della popolazione (mortalità di massa da vaccino) e l’aumento dei tassi di interesse avranno un forte effetto deflazionistico, ma questo non sembra essere previsto per il 2023 e nemmeno per il 2024. Tutti i fattori più importanti, quelli forti, rimangono inflazionistici e la decisione saudita di vendere petrolio in valute diverse dal dollaro svaluterà il dollaro, il che significa che i prezzi al consumo saranno gonfiati in dollari.

Invitiamo tutti i lettori a prendere in considerazione strategie per diversificare le attività e ridurre l’esposizione al dollaro, alle attività denominate in dollari (come le obbligazioni) e al più ampio sistema bancario statunitense che appare sempre più fragile.

Situazione generale oggi :

• L’Arabia Saudita si dichiara pronta a scambiare petrolio in valute diverse dal dollaro

• L’Operazione Sandman è iniziata e ora le tessere del domino inizieranno a cadere

• Il dollaro USA intraprenderà un percorso di iper-svalutazione man mano che i dollari torneranno negli Stati Uniti

• Quelle persone che detengono dollari invece di beni reali saranno spazzate via

• La FAA è stata vittima di un attacco informatico ransomware che ha bloccato tutti i voli?

• L’incompetente e illegittimo regime di Biden non può proteggere le infrastrutture americane

• La Cina ha già una MAP di tutte le vulnerabilità informatiche nelle infrastrutture statunitensi

• La Russia si sta preparando per una grande offensiva contro l’Ucraina e gli obiettivi della NATO

• La Russia conferma di trovarsi di fronte a una minaccia esistenziale; probabilmente prenderà di mira le basi NATO

• Ai leader e ai partecipanti del WEF è stato probabilmente detto che potevano essere presi di mira dai missili

• La Cina si prepara a coordinare gli attacchi informatici con gli attacchi cinetici russi

• L’era del dominio del mondo occidentale sta volgendo al termine

• La Russia aumenterà il suo esercito permanente a 1,5 milioni di soldati – mobilitazione in corso

• Le nazioni occidentali iniziano a inviare carri armati in Ucraina

• L’Ucraina non può schierare efficacemente ARMI COMBINATE, quindi i carri armati non contano

• Il mondo dei beni di consumo a basso costo è FINITO: le catene di approvvigionamento globali crolleranno

Fonte: Numidia Liberum

Traduzione Gerard Trousson

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM