Africa ed imperialismo

di Phil Butler
Per quanto improbabile possa sembrare, i funzionari statunitensi ora ammettono che la strategia dell’amministrazione Biden di fare pressioni sul Niger e su altri paesi africani affinché interrompano i legami con Mosca non funziona più. La cosa più impressionante, forse, è che la storia è stata pubblicata su Politico di Axel Springer .

Che l’ordine liberale si stia preparando o meno a schiacciare Joe Biden sotto l’autobus, è una questione di congetture. È interessante, tuttavia, leggere dei fallimenti degli Stati Uniti in un mezzo di informazione ora guidato dai principi operativi tedeschi (o europei). L’acquisizione tedesca potrebbe essere la ragione della distinzione dalla russofobia hardcore vomitata dai dipendenti dell’ex proprietario Robert Allbritton. In ogni caso, riferire che gli Stati Uniti hanno sostanzialmente perso il punto d’appoggio sul Ciad, sulla Repubblica Centrafricana, sul Mali e sulla Libia, e ora sul Niger, è un’ammissione sorprendente.

Secondo questo rapporto e altri, le truppe statunitensi saranno ora costrette a lasciare il Niger. Tuttavia, la prova più schiacciante sugli abusi commessi dal mio Paese nei confronti delle nazioni africane proviene direttamente dalla bocca di un ex ufficiale dell’intelligence della CIA. Cameron Hudson ha detto a Politico:

“Quando tutti questi paesi hanno cacciato i francesi e si sono ripiegati verso l’interno, abbiamo cercato di trasformarci in pacificatori nella speranza di poter mantenere la nostra presenza lì. Tutto ciò chiaramente non funziona. Ora siamo fuori. Adesso c’è la Russia”.

La storia più ampia del neoimperialismo statunitense è amplificata in questa affermazione. Con calma, un esperto della CIA sull’Africa spiega come l’America sia entrata nel ruolo dei colonialisti/opportunisti/pirati francesi.

Ha continuato rispecchiando ciò che diciamo ormai da anni, ovvero che le nazioni africane non vogliono più che gli “si dica cosa fare”. Il nostro ruolo in Niger, in tutta l’Africa e nel mondo, non potrebbe essere amplificato in modo più chiaro. Politico ha citato un altro funzionario americano che ha sottolineato questo per noi con la sua ammissione:

“C’è una lunga storia in cui l’Occidente dice ai paesi africani come governare, e finalmente stanno dicendo ‘basta’”.

Un’altra storia di The Nation svela il livello fondamentale della presenza militare statunitense in Africa. Quindi, apprendiamo che i militaristi del mio paese rischiano di perdere molto di più del Niger e degli altri pochi menzionati. Secondo l’autore Nick Turse, i contribuenti statunitensi non hanno idea di quanto sia profonda ed espansiva la presenza militare americana in Africa. In tutto il continente, l’esercito americano ha creato una vasta rete di “basi, complessi e altri siti il ​​cui totale supera il numero delle nazioni del continente”. Il rapporto di Turse del 2015 cita esperti che rivelano come questi avamposti africani siano serviti al Pentagono per “trasformare il continente in un laboratorio per un nuovo tipo di guerra”. Gli imperialisti americani hanno illuso l’opinione pubblica con molti inganni, compresa la classificazione di questi siti. Invece di elencare le posizioni come “basi”, il Pentagono chiama i vari siti posizioni di sicurezza cooperative (CSL).

Inoltre, è più facile capire perché le nazioni africane vogliono che gli Stati Uniti se ne vadano se consideriamo cosa sta succedendo sotto l’ISIS e le tattiche intimidatorie di prevenzione del terrorismo. Secondo The Nation, un rapporto ufficiale rivela che anche il Pentagono si è impegnato in un programma di integrazione aziendale. Cito direttamente ancora una volta:

“Nel tentativo di aiutare i suoi partner africani a coltivare le proprie risorse e a sviluppare ulteriormente un’infrastruttura aziendale africana organica, AFRICOM sta sviluppando l’iniziativa Adaptive Logistics Network (ALN). ALN è un database centrale che documenta le imprese africane credibili e le loro capacità con l’intento di collegarle con clienti che includono l’esercito americano, le organizzazioni non governative, gli appaltatori e le multinazionali”.

Quindi, allo stesso modo in cui gli europei usarono la loro presenza militare e la loro influenza economica per soggiogare la maggior parte dell’Africa nel XIX e XX secolo, l’America ha rapidamente espanso la sua presenza nell’era successiva all’11 settembre. Oltre ad essere in grado di controllare le imprese e incanalare successo e denaro nelle direzioni desiderate, la politica americana ha tradito la nostra ideologia centrale. L’idea che la democrazia esista ancora ovunque deve essere esaminata oggi. Usare droni basati su queste installazioni per assassinare obiettivi desiderati, mandare forze speciali statunitensi sul terreno ovunque il Pentagono lo ritenga opportuno ed esigere una sorta di intimidazione militare è solo parte dello schema di questa “nuova guerra”.

Sulla questione dei droni, il Pentagono si è rivolto ai rappresentanti degli Stati Uniti per ottenere finanziamenti per alcune di queste basi. La necessità di basi sul suolo africano è una menzogna. Anche gli MQ-1 Predator e gli MQ-9 Reaper hanno una portata sufficiente per colpire qualsiasi cosa dai mari e dagli oceani che circondano il continente. Ora abbiamo l’UAS Orion, che può trasportare un carico utile di 2.600 libbre, comprese le munizioni montate sulle ali. Questo drone ha un’autonomia di oltre 9.000 miglia. E, naturalmente, Raytheon e altre aziende del complesso militare-industriale guadagnano miliardi da tali sistemi d’arma.

Infine, la disperazione con cui vediamo l’amministrazione Biden gestire l’Ucraina o la situazione palestinese ha più senso se consideriamo il declino degli imperi.
L’Africa sta espellendo americani ed europei. L’America Latina è solo un po’ indietro. La presenza del mio Paese in Asia non avrebbe senso senza il Giappone, l’Australia e Taiwan. L’India è già una nazione BRICS, che gravita sempre più vicino alla Russia e all’ordine multipolare. L’Iran è ora un obiettivo, soprattutto perché il paese è ora una nazione BRICS che finalmente emergerà da decenni di opprimente isolamento. Il Medio Oriente è, per la maggior parte, stufo dell’eccezionalismo/fascismo di Israele. Il fatto che gli Emirati Arabi Uniti diventino un BRICS assume qui un significato speciale. Africa, Egitto, Etiopia e Sud Africa sono già paesi BRICS.

Per i funzionari statunitensi ammettere un fallimento sull’entità della perdita di ogni influenza in Africa significa che l’amministrazione Biden ha quasi posto fine all’influenza dell’America in tutto il mondo – almeno, questa è la mia opinione. Washington ha appena gettato altri 90 miliardi di dollari in guerre e rivolte impossibili da vincere, il che rappresenta l’ultimo chiodo sulla bara degli attuali partiti nella capitale degli Stati Uniti. Il popolo americano e quello mondiale non sono pronti, ma chiedono qualcosa di nuovo.

Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM