"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

CASAPOUND E’ IL VERO PROBLEMA?

di Gabriele Sannino

CasaPound è un partito politico italiano che nasce nel 2008 come collettivo sociale, o meglio come associazione di promozione sociale atta a occupare alloggi in disuso o abbandonati per darne a chi ne ha bisogno.  Sua – a tal proposito – è l’azione dimostrativa in quello stesso anno nei confronti della casa del Grande Fratello, ciò per dimostrare che “La casa è un emergenza abitativa e non un gioco”.

Per quanto riguarda l’emergenza abitativa, da sempre CasaPound propone un mutuo sociale, alias la creazione di un ente regionale pubblico che costruisca su suoli demaniali case da rivendere a prezzo di costo, senza passare per le banche. Con questa formula – spiegano i vari esponenti del collettivo – i futuri proprietari potrebbero pagare una rata che non superi mai 1/5 del loro reddito (ex per 1000 euro max 200 euro) e bloccarla perfino in caso di disoccupazione complessiva del nucleo familiare. Ciò, infatti, farebbe costare una casa molto meno, e le persone non dovrebbero restituirla alle banche (come accade oggi) dopo tante rate versate.

CasaPound – lo avrete capito – deve il suo nome al famoso Ezra Pound, il poeta viaggiatore che aderì al fascismo non perché amasse la violenza, ma perché aveva capito che la finanza internazionale (capitanata dagli anglo-americani) già all’epoca voleva conquistare il mondo, e così facendo aveva contribuito a far nascere (come reazione) ben due regimi totalitari – due terribili dittature – il cui anello debole, – guarda caso – erano proprio i prestiti ricevuti per fare la guerra.  Ezra Pound parlava di questi argomenti negli anni ’30 ai microfoni radiofonici dell’EIAR (quella che oggi è la RAI) e quando sarà catturato dagli americani per poi essere ricoverato in un ospedale psichiatrico a Washington, subirà sia maltrattamenti che umiliazioni per le sue idee.

Oggi, grazie alla storia che ci insegnano a scuola, conosciamo tutti le nefandezze di Hitler e Mussolini.  Bene. Quello che non ci insegnano, però, è che con le due guerre mondiali sono iniziate a crollare solo le dittature politiche, mentre quelle finanziarie hanno cominciato a creare, anzi intessere la loro globalizzazione.

Ma torniamo a CasaPound e ai giorni nostri. Questo collettivo fattosi partito ha un ideologia che parte – ovviamente – da quella che è l’economia del fascismo (un’economia dove lo stato era protagonista assoluto, dato che, per esempio, Mussolini, grazie alla piena sovranità monetaria, aveva potuto costruire opere arrivate fino ai giorni nostri).
Ebbene questa ideologia attraversa tutto ciò che è stato il Movimento Sociale Italiano, fino ad approdare ai tempi moderni.

Il programma politico di CasaPound oggi, per chi vi scrive, è davvero la migliore ricetta che ci sia in questo momento in Italia, e questo perché va dritto al nocciolo delle questioni, non facendo nessuno sconto alla finanza internazionale che ci sta letteralmente distruggendo.
Il primo punto – manco a dirlo – è l’uscita dall’Euro, in quanto solo con la sovranità monetaria si possono stampare soldi per creare nuovamente ricchezza nel paese.  Finche’ avremo una moneta estera e centellinata dalla BCE, in sostanza, non usciremo mai dalla crisi.
Verrebbe quasi da dire – per sdrammatizzare – che finche’ ci sarà l’Euro… non avremo manco una Lira.

Per quanto concerne l’uscita dall’Euro e anche dall’Europa, esponenti di spicco di CasaPound come il candidato Premier Simone Di Stefano o l’Avvocato Marco Mori spiegano che occorre farlo per decreto, senza ricorrere all’art 50 del Trattato di Lisbona, questo perché “La nostra Costituzione viene prima dei trattati”.
Bisogna aver cura anche di nazionalizzare temporaneamente l’intero settore bancario, in modo da non creare speculazioni nel passaggio tra le due divise. Tra gli obiettivi del programma, come si può ben capire, c’è anche la nazionalizzazione della Banca d’Italia, nonché’ una riforma bancaria che obblighi tutti gli istituti di credito a prestare all’economia reale.

Casapound Di Stefano con Nina Moric

Altri punti nodali sono il congelamento parziale di una quota del debito pubblico e un piano di rientro per lo stesso, nazionalizzando – per esempio – settori strategici nazionali come le autostrade, il settore energetico e l’RC Auto.
Ma non solo, il programma parla di un nuovo Istituto di Ricostruzione industriale per rilanciare l’industria nazionale desertificata dalla globalizzazione e dalle multinazionali, così come di un deciso NO a qualunque altra privatizzazione delle aziende pubbliche rimaste.
Per quanto riguarda il dramma dell’immigrazione, CasaPound auspica a interventi economici nei paesi di origine dei migranti, in modo da aiutare la nostra economia, far ri-nascere la loro, e riportare questi ragazzi nei loro paesi di origine (dando loro un lavoro).
Naturalmente, tutto ciò non può essere fatto se non si ha la piena sovranità monetaria. Occorre, infatti, stampare moneta.

Per quanto riguarda i costi della politica, infine, CasaPound non vuole nessun finanziamento pubblico ai partiti, auspica a un taglio dei parlamentari e dei loro stipendi e vuole agganciare le retribuzioni degli stessi a quelle dei lavoratori.
Attualmente, i media concentrano la loro attenzione solo sulla pericolosità di questo partito.
Lungi da me affermare la santità di un movimento che non conosco a fondo: ciò che voglio dire, però, è che la vera violenza, oggi – il vero fascismo – non arriva da CasaPound ma dall’Unione Europea e dalla BCE.
Basti pensare che ci prestano denaro dal nulla chiedendo in cambio pignoramenti ai beni e ai diritti dei cittadini.
Insomma la “Fornero” per loro è una “riforma”…

L’Europa oggi – ricordiamocelo sempre – non è una democrazia: il Parlamento Europeo eletto dai cittadini, infatti, non conta nulla, ratifica solo ciò che la Commissione Europea (non eletta da nessuno) legifera, mentre la BCE… be’ sappiamo tutti le truffe che commette!
Insomma, i mass media, come al solito, essendo al soldo dei banchieri, continuano a concentrare l’attenzione sul dito, mentre la Luna che esso indica continua ad illuminare ed ammaliare le masse.

N.B. L’opinione dell’autore può non coincidere con la posizione della redazione.

*

code

  1. HERZOG 4 mesi fa

    Vedevo il film ” sono tornato” ,vi hanno rifilato 63 governi in 70 anni ? Uno all’anno Chi mai sabotera ‘ le nazioni come un parassita per nutrirsene per mandar tutto in malora ?Debito Negri scontri sociali politici ,sapete xche’ I Nostri padri Della chiesa misero nei ghetti gli ebrei per 1800 anni ? Adesso sapete xche’ ,borsa Banche stampa TV cinema internet scuola e’ cosa Koscker ,ma nessuno ne parla ,prostituti del Ghetto A tutte le latitudini ,andare a votare significare scegliere una zoccola nuova ma sempre zoccola rimane

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio 4 mesi fa

    Articolo incommentabile, può piacere solo alla nostra cara Trolla, io non sono riuscito a leggerlo, lo trovo offensivo, ecco..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 4 mesi fa

      Beh, caro Claudio, capisco bene ! Dopo aver descritto minutamente le pochezze di casa Pound, anche io trovo l’articolo quantomeno goffo !
      Inoltre le sue allusioni alle nefandezze di fascismo e nazismo, equiparandoli, oltre a tutto, e’ decisamente risibile… Gli accenni alla sovranita’ monetaria sono invece ottimi, ma non c’e’ alcun accenno, nell’articolo al prof. Giovanni Auriti, che cattolico fervente, ha descritto minuziosamente la realta’ ignobile della “moneta debito” creata dalla Banca d’Inghilterra,(presa dagli usurai ebrei e mantenuta dal 1600) e tuttora in vigore.
      Insomma , qualche buona allusione senza pero’ citare gli iniziali avvertimenti di qualcuno ben piu’ conoscitore di quelli di casa Pound !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pierovalleregia 4 mesi fa


    faccio notare come CasaPound, in perfetta sintonia con il pd si favorevole alle unioni tra i “marciaindietro e sussavongole”, all’aborto, al divorzio e ad altre
    “amenità” tipiche dei radical chic …
    un saluto
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Geometrio ellittico 4 mesi fa

      Da giorni ci sto pensando, ora è chiaro.Non capisco. Perche fascista non dovrei partecipare al voto del 4 marzo. La retorica del – cosa vuoi che influisca un voto ,a chi comanda non gliene interessa-
      ha veramente cacato tutto l incacabile. Quindi la tua soluzione è quella di non andare a votare? Ripeto è dalla meta dei 90 che noi non votiamo.
      E guardate ora dove ci hanno portato.la scelta di casap. Di schierarsi a favore della democrazia, a me sembra saggia , oggi. Domani si vedra.
      È importante dare qusto cazzo di voto a chi fino ad ora non ha mangiato troppo, alla tavola della politica nazionale.votero chi faccia questo unico punto :che mi garantiscano che tutte ste razze vengano ridimensionate sul trrtitorio italiano
      , e che tutti i negroidi, clandestini e non, vengano rispediti in africa, anche a costo di pagargli il bilietto.
      Sara l ultima chance per la democrazia? Vedremo, intanto io vado a votare …….. , il voto è segreto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio 4 mesi fa

        Auguri vivissimi geometrio.. del resto se si vuole votare almeno che si voti per chi, in qualche modo, alla meno peggio, possa non dico incarnare ma almeno condividere molto del nostro pensiero.. per me sei liberissimo di votare fn o cp, non ti giudico, non ti biasimo e neanche cerco di offenderti.. io so che il primo partito in italia è l’astensionismo e, come dice anche il caro herzog, se invece che il 50% di astensione arrivassimo all’80% sarebbe un bel segnale forte che la musica è cambiata.. forse potremmo sperare di vedere gente assaltare il parlamento perchè questa è una buona soluzione, anzi, ottima..meglio che una matitina e un foglio di carta che tu lasci in uno scatolone e poi aspetti che arriva babbo natale…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio 4 mesi fa

    Vedo che i cari mardunolbo e piero valleregia hanno colto perfettamente i motivi per cui questo articolo è incommentabile.. io come leggo di ” nefandezze del fascismo ” o similari interrompo la lettura perchè quando in un testo o in una narrazione si incontra qualcosa di surretizio lo stesso rende surretizio il resto.. ma di cosa dobbiamo discutere con una persona che viene a prenderci in giro, il cui unico scopo è fare una marchetta per ingraziarsi il ghetto?? A chi le vuoi raccontare ste cretinate?? E su casapound ho già espresso la mia opinione, li considero fascisti da salotto.. tolto di stefano, che ho conosciuto, il resto è ben poca cosa.. sarei pronto a schierarmi con loro in caso di bisogno, che sia chiaro, più per difesa della base che non per i vertici, ma mi danno l’idea di sequestratori di persone.. nel senso che inquadrano i militanti in un sacco di regole e regolette che non hanno senso.. come se li prendessero in giro.. una sera fui invitato in un loro locale, un amico, sapendo della mia fede, mi ci volle portare per dicutere con loro.. tra una birra ed un’altra si alternavano di fronte a me diversi militanti ed ognuno ripeteva sempre la stessa storia, con le stesse parole.. indottrinati sullo stile di altre formazioni avverse.. chiusi in un recinto.. per far passare il tempo e la gioventù.. i capi avevano degli obbiettivi di reclutamento.. e se non seguivi la linea eri cacciato.. questa per me era la parodia del fascismo, non il Fascismo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lister 4 mesi fa

      Una sintesi perfetta nella tua frase finale, Claudio:
      Il fascismo non è IL Fascismo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. The roman 4 mesi fa

    Chi non conosce la storia, e si abbevera alle fonti ufficiali, avalla la sciocca narrativa del fascismo ” male assoluto”. La realta’ e’ che il partito di Mussolini, paternalista e protezionista, fu amato perche’ ebbe come fundamento la felicita’ del popolo italiano. Le velleita’ imperialista e la deriva personalistica , costituiscono ancora oggi delle criticita’ che offuscano le girando realizzazion , ma ad una rlettura serena , tali aspetti deteriori devono essere giudicati nel contesto storico e quindi archiviabili. Cio’ che doveva essere salvato, e non lo e’ stato sia per le pressioni esterne ,sia per la pochezza di guide politiche come fini e sodali, era il patrimonio ideale che permise agli italiani di sentirsi veramente un popolo. Quella ancestrale simbologia, che ricjiamava alla grandezza civica della antica Roma. Il fascismo italiano, e ancor di piu il nazionalsocialismo tedesco, hanno rappresentato le piu grandi espressiono di volonta’ collettiva dell’era moderna. Proprio cio’che temono i finanzieri apolidi. Nessuno sia padrone a casa sua. Loro padroni ovunque. i

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 4 mesi fa

      Concordo con te caro the roman, infatti l’inespresso nel mio commento era proprio la mancanza di felicità che traspariva da quelle persone che, sia chiaro, io comunque stimo.. stimo la base e la voglia di quella base ad essere utili alla patria.. sulla pochezza di fini e sodali: fini non è stato altro che l’ultimo strumento usato per disperdere del tutto il gregge.. per eliminare i blocchi contrapposti se ancora c’erano e creare una politica più fluida con sigle simili, politiche simili, idioti e servi simili al governo.. ma il problema è a monte di fini, l’msi fu il principale problema dal quale deriva l’estinzione o quasi del vero Credo Fascista.. non puoi entrare in un parlamento fantoccio se non ne accetti il sistema o se non lo riconosci come legittimo. Almirante invece si finse fascista per attirare i voti dei fascisti repubblicani, poi riconobbe israele e fu un fervente atlantista..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ale 4 mesi fa

      Certo semplice archiviare gli aspetti del fascismo che hanno condotto l’Italia in questa situazione che ci vede sconfitti nei confronti degli USA ebrei e come tali costretti ad accettare tutto quello che politicamente vogliono (articolo 16 del trattato di Parigi del 1947) e il responsabile di tutto ciò cari fascisti ( e alcuni decisamente ipocriti) e Benito Mussolini

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio 4 mesi fa

        No caro ake, dimostri ignoranza sostanziale sui fatti storici e grande superficialità.. mi spiace.. il vero nemico della finanza giudea internazionale è il fascismo ed il nazionalsocialismo tedesco.. fu Hitler ad imprigionare il rothschild, non stalin, il quale era stato messo li da una congiura giudea e non poteva fare altro che attaccare l’asino dove diceva il padrone.. l’europa si stava fascistizzando politicamente, Mussolini ed Hitler non avevano bisogno di entrare in guerra.. Hitler chiese addirittura 49 volte la pace e sbagliò a lasciar vivere i fuggiaschi albionici e francesi da dunquerke.. se li avesse bombardati, e poteva farlo benissimo, ora staremmo una favola, a capo di un impero, non che ci ritroviamo senza un futuro per noi e per i nostri figli.. forse tu sei giovane, hai studiato quel che ti hanno raccontato a scuola e quindi, senza offesa, hai il cervello pieno della merda che qualcuno ci ha buttato.. pure io a scuola ho studiato le stesse cose, però capii presto che le cose non tornavano… fai un piccolo sforzo anche tu, non permettere che ti prendano per il culo troppo a lungo..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. claudio 4 mesi fa

          https://controhistoria.wordpress.com/2018/01/30/buchanan-e-lo-scoppio-della-seconda-guerra-mondiale-un-punto-di-vista-inaspettato/comment-page-1/#comment-126
          sai chi è buchanan ale?? Ecco, citazione / marchetta sugli ebrei a parte leggiti un punto di vista diverso da parte di un ex candidato alla casa bianca….auguri vivissimi per il prosieguo del tuo cammino verso LA VERITÀ..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. pierovalleregia 4 mesi fa

            … grazie della segnalazione Claudio, non conoscevo ControHistoria, adesso con aaargh e altri è tra i miei preferiti
            buona domenica
            un saluto
            Piero e famiglia

            Mi piace Non mi piace
        2. Ale 4 mesi fa

          E un po’ che leggo i vostri commenti quindi anche i tuoi Claudio. Avrai capito che non sono fascista anzi tutto il contrario ma forse ti stupirà sapere che a 50 anni e un bel po’ che ho smesso di credere ai testi di storia scolastici ho letto tanti storici fascisti e molte delle cose che hai detto le condivido sono anch’io contro la finanza ebrea che ha calato la maschera e ora vuole il mondo intero comprese invasioni straniere in Italia. Il punto di partenza però è sempre quello (art 16) e il nostro cavallo di battaglia ma nessuno a parte qualche commentatore qui (forse Silvia) ci pensa … Ah su dunkerque sono d’accordo con te è stato un errore terribile

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. atlas 4 mesi fa

            essere tutto il contrario dell’idea fascista cosa vorrebbe dire esattamente…? Con tutto il rispetto per le tue contraddizioni che tento di ricondurre a sintesi, ti rendo conto solo ora che la ‘finanza giudea’ ha gettato la maschera ? Sempre con rispetto, ma allora sei un ritardato. Hitler a 15 già l’aveva capito

            Mi piace Non mi piace
  6. max tuanton 4 mesi fa

    Ma no ma si capisce non si puo mica pretendere che il proprio pensiero combaci in tutto con un partito allora si fa prima a non vatare e amen .
    .ma vista LA situazione disastrosa da incubo di adesso LA priorita l’esigenza e’fermare l’orda di invasori clandestini cannibali ,vi sono contingenze protocolli da seguire prima el negher poi si passera agli zingari ai miei adorati ebrei agli invertiti ecc .li si mandera in crociera da qualche parte destinazione sconosciuta.Con le guide De maledetti ,el can quella strega della nirenstein e tutti I brutticeffi fiano saviano ecc tutti brutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. HERZOG 4 mesi fa

    Ale per quanto mi riguarda non sono fascista , antisemita ebreofago SI,detto CIO dicendo che il Duce e’responsabile e’vero nella misura in cui lo erano tutti gli italiani di allora 98 % .Ma venendo all’oggi ,chi vi puo salvare Fermando l’invasione di Zulu ? e’ vero non ci vogliono I fascisti ci vuole del Razzismo ! Razzismo salvifico s’intende per non soccombere sotto altre razze ,senza Razzismo l’Italia e’ finita,xche’ in tutti gli stadi da anni c’ e ‘ sempre LA scritta ” no to racism” cosa credete che sian Supidi A Bruxelles, gli italiani sono razzisti dovete mettervelo in testa inutile fingere ,prima lo capirete e prima iniziera’ il Repulisti,I politici non li considero neanche un mercimonio di spazzatura da deserto un soffio e spariscono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. HERZOG 4 mesi fa

    Per Claudio e ale nell’archivio di ” pocobello blogspot” si puo trovare qualcosa di piu commestibile,pero siam sempre li I blog non vi dicono LA verita al100%,mentre invece le testimonianze video dirette tradotte sono piu attendibili ,vedi ” Davide benetello olocausto” tutti I video originali sub ita , e poi I libri dal sito solo libri “aaargh Italia” I blog e I siti No ! Tutto infestato dal giudagliame articoli interviste notizie mezze vere ,il problema non e’ quel che vi Dicono ma quel che non vi dicono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 4 mesi fa

      Herzog, conosco da molto tempo sia pocobello che aaargh e tutto quello che mi segnalinnon mi è nuovo. Ho capito il sistema anni fa ed ora non ho bisogno di traduttori, ne di blog, ne di media. Io non leggo i giornali da secoli, non guardo la tv dal 1999.. controhistoria invece è un sito che pubblica attraverso documenti originali, niente opinioni.. solo una volta hanno scartato da questa linea e li ho ripresi. Ci trovi di tutto, dalle lettere di un soldato borbonico ai testi dei discorsi di stalin, al debello gallico di giulio cesare.. io lo trovo interessante e siccome non guardando la tv o scopo o leggo capirai bene che, non avendo 9 zoccole da mantenere seppur a poche lire, mi ritrovo a leggere molto più spesso che non a fare sesso… e sono ancora giovane per essere messo a balia… ho voluto pubblicare qualcosa di inaspettato da parte di uno che si candidò come presidente usa, quindi uno che non possiamo in nessun modo chiamare fascista, l’ho fatto apposta, perchè se avessi pubblicato de felice o Celine non avrebbe avuto lo stesso peso ne lo stesso effetto.. direi che questa lettera di pat buchanan arricchisce la conoscenza di tutti e fa riflettere chi ha un cervello perchè è di parte avversa.. o no?? Mi spiace che non lo apprezzi..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. HERZOG 4 mesi fa

    No e’ il Buchanan che non mi piace come l’altro Ron Paul e pure De Felice col naso adunco vengono Fuori Dalla solita cucina ,a riprova Defelice (credo ebreo) tratto ‘ con Michael ledmann ( rabbino amico di Renzi ) LA stesura del Diario di Ciano ,sul blog non so ci do un occhiata ,una Bella intervista e sito digitate” intervista a rosenthal’ una Chicca !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 4 mesi fa

      Nemmeno a me piace buchanan, ci mancherebbe, dovevo rispondere a un commento di un bambino di 3 anni e quindi dovevo essere rassicurante.. e comunque buchanan , pur essendo quel che è, si dimostra una persona con una certa onestà intellettuale.. fai mente locale e dimmi, da dopo kennedy quanti esponenti politici americani hai sentito parlare in questo modo?? Obsma?? Bush?? Clinton?? Mc caine?? 🙂 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ale 4 mesi fa

        Anche stavolta sono d’accordo con te Kennedy è stato l’ultimo presidente usa che ha pensato con la sua testa respingendo la risoluzione 1111 proposta dai soliti rothshild e proprio per questo e stato eliminato …. Ora mi rivolgo a tutti voi che contestate il sistema che ci viene imposto : non state a litigare perché è proprio ciò che “loro” vogliono … Saluti a tutti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. claudio 4 mesi fa

          Ottimo commento caro ale.. io al posto di ” state ” metterei ” stiamo ” che credo sia omnicomprensivo.. come dicevo nei giorni scorsi parliamo di cose da fare e non di cose già fatte, mai fatte, fatte a metà.. 3 quarti.. un sedicesimo… e ricordate che ” non esiste vento favorevole per chi non sa dove andare ” ..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. atlas 4 mesi fa

    Antonio Pocobello lo chiamo ‘il Professore’ ed è un grande Duo Siciliano. Fa piacere che venga apprezzato anche da italianiw

    Rispondi Mi piace Non mi piace