Carcere per un cartone animato nella Francia di Voltaire


La persecuzione di Alain Soral
di JEAN MAROIS

Recentemente Alain Finkielkraut ha dichiarato : “Soral è il personaggio più pericoloso e inquietante della scena pubblica”. Per comprendere il significato di queste parole, devi sapere chi è Alain Finkielkraut e chi è Alain Soral.

Finkielkraut è uno dei più conosciuti intellettuali neocon francesi. In precedenza era un trotzkista, ora è uno pseudo nazionalista. Egli incarna ciò che Soral chiama “National-Sionismo”, quella nuova ideologia massicciamente promossa dagli “intellettuali” ebrei e dai sapientoni dei media che, dopo aver chiesto l’abolizione dei confini e affogare l’Europa nell’immigrazione di massa, ora dicono al popolo francese di rivolgersi a Israele come modello per saper trattare con i musulmani.

Finky, come ci piace chiamarlo, incarna anche l’arroganza degli ebrei etnocentrici che ottengono un’irresistibile ubiquità in televisione lamentandosi dell’antisemitismo e del prossimo olocausto. È vero che, quando Finkielkraut si presenta in un raduno di “Gilet Gialli”, si farà insultare con slogan tipo “Fuori i sionisti!”. Cosa che, come tutti dovrebbero sapere, significa “Sale juif!”. Che a sua volta è un potenziale olocausto. E così, ogni volta che Finkielkraut viene insultato per strada, cosa che a volte succede, la cosa fa molto scalpore sulle notizie nazionali (con una ondata di indignazione) e lo stesso Presidente Macron deve fare la dichiarazione di prammatica: “Gli insulti antisemiti a cui è stato sottoposto sono l’assoluta negazione di ciò che siamo e di ciò che ci rende una grande nazione. Non li tollereremo”.
“Questo è il tipo di persona importante che è Finkielkraut. Guai a insultarlo. Oh! Basti pensare che Finkielkraut è stato eletto nella prestigiosa Académie Française tra quelli che chiamiamo “gli Immortali”, anche se non è chiaro con quale pretesto. Come Bernard-Henri Lévy, anche Finkielkraut scrive libri che sono sempre più pubblicizzati, ma sempre meno letti. Gli intoccabili intellettuali dell’ondata globalista, progressista, filo americana e filo Israele (un pò come i Roberto Saviano e i Gad Lerner in Italia) non tollerano le critiche.

Alain Soral è davvero la persona più pericolosa per i sionisti nazionali di Francia. Tanto che l’élite francese del complesso media-finanza-politica è giustamente preoccupata per la “soralisation des esprits”, un’espressione che è emersa nelle ultime settimane, come il nome di Soral si sente qua e là tra i gilet gialli. Così i nazionalisti-sionisti non hanno potuto nascondere la loro gioia quando hanno appreso dall’agenzia di stampa nazionale (AFP) il 15 aprile che Soral è stato condannato a un anno di prigione con un mandato di arresto ” pour contestation de l’existence de la Shoah” (” per negare l’esistenza dell’Olocausto “), un’espressione che ha senso solo, credo, se l’Olocausto è Dio.

Ascolta qui l’analisi di Soral della sua frase, con i sottotitoli in inglese.

Il crimine di Soral è stato la pubblicazione, sul sito web della sua associazione “Égalité et Réconciliation”, di una parodia di una cover di Charlie Hebdo che deride la mitologia della Shoah. La copertina originale, a sinistra in basso, è apparsa dopo l’attacco terroristico in Belgio nel marzo 2016, che ha causato 35 morti e 300 feriti. Secondo i giudici, la copertina originale è protetta dalla legge della libertà di parola, mentre la parodia è ovviamente un crimine che merita un anno di reclusione, non per l’artista, ma per l’uomo la cui associazione lo ha pubblicato su Internet.

Charlie Hebdo parodia

Questa non è la prima volta che Soral viene condannato. Ha affrontato 60 cause giudiziarie negli ultimi anni ed è stato multato per un totale di 371.000 euro. Significativamente, non è mai stato condannato per i contenuti dei suoi libri o video, ma per cartoni animati e illustrazioni pubblicati sul suo sito web.

L’anno scorso, Soral è stato anche processato per aver postato questa foto photoshopped di Emmanuel Macron con il suo slogan “En Marche” e tre dei suoi sponsor dietro a lui, che sono ebrei: Jacob Rothschild (Macron ha lavorato per la banca Rothschild), Jacques Attali (consigliere presidenziale da Mitterrand, che si vanta di aver “messo il piede di Macron sulla staffa” ), e Patrick Drahi (proprietario israeliano dei principali media che vendevano Macron al pubblico francese).

Macron e i suoi sponsor

Alla fine, Soral è stato dimesso perché anche un membro del partito socialista di nome Gérard Filoche ha twittato questa foto (poi si è scusata), e il tribunale francese non ha potuto condannare decentemente Soral e non Filoche.

Soral è un saggista che ha pubblicato saggi polemici best-seller come Vers la féminisation? – Démontage d’un complot antidémocratique (“Verso la femminilizzazione? – Analisi di un complotto antidemocratico”). Il suo ultimo libro Comprendre l’Empire : Demain la gouvernance mondiale o Révolte des nations (” Understanding the Empire : Tomorrow Global Governance o una rivolta delle nazioni” ), pubblicato nel 2011, lo ha individuato come uno dei critici più perspicace degli americani – Zionista machiavellico sionista.

Da allora, Soral ha prodotto circa un centinaio di video che commentano gli eventi attuali, alcuni dei quali totalizzano mezzo milione di visualizzazioni, il che è enorme per la Francia. Ha un vero genio nel produrre analisi di politiche profonde e questioni sociali profonde, sintetiche e chiare. Espone in linguaggio semplice gli schemi malvagi delle nostre élite e le bugie dei media mainstream. E non ha paura di criticare questo potere ebraico che Gilad Atzmon definisce “la capacità di mettere a tacere le critiche del potere ebraico” (i libri di Atzmon, a proposito, sono tradotti in francese dalla casa editrice KontreKulture di Soral).

Soral è diventato il critico più esplicito della “dittatura del CRIF (Conseil representative des Institutions juives)”, l’equivalente francese di AIPAC e ADL messi insieme. Grazie al lavoro di Soral e del suo team di investigatori, letteralmente milioni di francesi sono diventati consapevoli dell’osceno potere del CRIF e del loro nefasto intrigo per criminalizzare qualsiasi critica nei confronti di Israele o del potere ebraico, con il pretesto di lottare contro “l’antisemitismo” ”.

Una volta ho confrontato il Soral con un esorcista, perché con le sue stesse parole costringe i demoni a uscire e rivelare se stessi. È diventato il bestie noir del nostro circo politico e mediatico corrotto, e cristallizza il loro odio. Nel 2014, il primo ministro Manuel Valls aveva dichiarato guerra a Soral e al suo amico umorista Dieudonné, diventando questa (mettere a tacere Soral e Dieudonnè) una priorità nazionale. Questa furia da parte di uno statista che aveva dichiarato, su una radio ebraica, “un legame eterno con Israele attraverso mia moglie” contribuì al discredito di Valls e al prestigio di Soral, specialmente dopo che Valls tornò pateticamente alla sua natia Catalogna dopo il suo divorzio.

Ogni frase ricevuta da Soral lo rende più forte, perché gli dimostra che ha ragione. Soral è straordinariamente pericoloso perché non si scusa mai. Potrebbe presto diventare il primo francese imprigionato per un cartone animato politico, e quindi la prova vivente che la democrazia francese è morta. Un anno di carcere è tutto ciò di cui ha bisogno per scrivere il suo prossimo libro: “Mon Combat”.

Fonte: Unz Review

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti

  • franca
    5 Maggio 2019

    magari il titolo del suo prossimo libro potrebbe essere diverso. Con quel titolo ce n’è già un altro abbastanza famoso in lingua tedesca…

  • Sed Vaste
    5 Maggio 2019

    Sono gli ebrei quella masnada Di Banditi combriccola di Ladri deiditi al Furto e all cinama depravato a dover essere incriminati per le loro infinite Menzogne una su Tutte l’OLOCAUSTO TRUFFA siluro finito diritto nel Didietro dei Poveri tedeschi tedeschi che ancora oggi pagano indennizzi miliardari per Falsi Oloscampati immaginari truffatori Ebrei digitatแ: l’antisemitismo e’ Un trucco video”

  • Sed Vaste
    5 Maggio 2019

    Voltaire considerava gli Ebrei I’ll popolo piu abominevole Della Terra ,Immanuel Kant scrisse fin” gli ebrei sono LA nostra disgrazia” gli ebrei popolo razzista intollerante con tutti gli altri ,plagiatore affamatore di popoli ,con la proprieta di tutte le Banche e di tutti I Media tutti i politici e governi si sono fatti Loro prostitute ( salvini di maio fini berlusca ecc tutti con kippah e salivazione da lama)

  • Sed Vaste
    5 Maggio 2019

    L’Ebreo Gad Lerner o mustro ! ha cercato di far lo stesso che ha fatto finkielkraut coi i gilet gialli facendo l’Agente provocatore andando a una manifestazione di Forza Nuova solo che I camerati non se lo sono filati , c’era da farne un lechon in salsa kosher digitate” gad Lerner ebreo Prato” e che chutzpa tacci sua e LA sua tribu’ di circoncisi !

  • PESCE ERNESTO
    6 Maggio 2019

    “Sale juif” significa sporco ebreo. l”Occidente usa la parola “sporco” per gli africani, in particolare e i neri in generale “sporco negro”. per i sionisti chiamare “sporco ebreo” copre la loro natura bestiale, maccellaio, peggio dei nazisti,

  • Mardunolbo
    6 Maggio 2019

    Soral è effettivamente un esorcista ed eroe perchè combatte e grida e scrive per tutti coloro che vogliono capire ed aprire gli occhi su come è formata e gestita la società odierna.
    Non solo Francia, Inghilterra ed Usa, ovviamente. Ma tutta l’Europa, salvo qualche solitaria nazione , ex est europeo, sono serve del sionismo ed i partiti sovranisti, pure ! Questa è la triste realtà.
    Non dimentichiamo che Soral è pure cristiano credente, a maggior ragione perseguitato, come tutti i cristiani che sfidano il potere.

Inserisci un Commento

*

code