Capo Frasca, tutti insieme contro le basi militari: migliaia di giovani alla manifestazione


Di Luigi Garau

area-vasta
Sventolano le bandiere dei quattro mori, si stimano alcune migliaia di partecipanti, il mondo dell’antimilitarismo si ritrova a Capo Frasca, con loro gli indipendentisti storici e manifestanti provenienti anche da oltre Tirreno e da altri paesi europei

Di Luigi Garau
Sventolano le bandiere dei quattro mori, si stimano alcune migliaia di partecipanti, il mondo dell’antimilitarismo si ritrova a Capo Frasca, con loro gli indipendentisti storici e manifestanti provenienti anche da oltre Tirreno e da altri paesi europei. Tantissimi i giovani che popolano la marcia di protesta, gli slogan sono quelli “classici” di queste manifestazioni: “A foras s’Italia de sa Sardigna”, “Foras sa Nato de sa Sardigna” e così via. Un’onda di protesta civile e multicolore, tassativamente non violenta, sfila in una giornata calda di ottobre, un sabato che andrà a sommarsi alle tante altre manifestazioni di protesta contro le servitù militari nell’isola.

https://www.castedduonline.it/capo-frasca-tutti-insieme-contro-le-basi-militari-migliaia-di-giovani-alla-manifestazione/

I numeri vengono riepilogati in un manifesto: 3.500.000 mq di basi militari in Sardegna, 2.300.000 nel resto d’Italia, MQ di basi militari per km2 di suolo: 145 in Sardegna, 8 nel resto d’Italia, MQ di basi militari per abitante: 2,10 in Sardegna, 0,03 nel resto d’Italia. Numeri che chiedono una riflessione, sicuramente un confronto tra protagonisti, numeri che richiamano l’attenzione della Regione e dello Stato.

Tra i giovani manifestanti anche un ragazzo romano e un croato, venuti appositamente per l’occasione e nel mezzo, un docente calabrese appena trasferito in Sardegna e che già si sente coinvolto in questa onda di protesta.
Gigi Garau

Fonte: Cagliari Casteddu

Inserisci un Commento

*

code