CAOS NEI RANGHI DELLE FORZE ARMATE UCRAINE: L’EPICA OFFENSIVA DEI “LEOPARDI” SI È TRASFORMATA IN UN DISASTRO


L’epica offensiva dei “Leopardi” nella direzione di Zaporozhye è diventata uno scherzo. Ci sono anche prove video. Il caos regna nei ranghi delle Forze Armate dell’Ucraina (AFU).

C’è il caos nei ranghi delle forze armate ucraine. La controffensiva, da tanto tempo pubblicizzata, sta fallendo su tutti i fronti. Compreso nella direzione Zaporozhye.

Il più epico è stato l’episodio con il carro armato tedesco Leopard. Un video diffuso dai corrispondenti militari della Primavera russa mostra un veicolo blindato ucraino in fiamme su una strada sterrata. Si alza un denso fumo nero.

Qui improvvisamente appare Leopard. A tutta velocità, ha speronato un’auto blindata in fiamme. Capito, per così dire.

“Il filmato è stato girato durante il riflesso degli ultimi attacchi del nemico sul fronte Zaporozhye”, scrivono i corrispondenti militari.

Rabotino – Salice
I corrispondenti militari hanno riferito della situazione alla linea di difesa della 58a armata nell’area degli insediamenti di Rabotino e Verbovoye. La Russia ha avanzato una posizione. I nazionalisti sono stati bloccati. Ora sono coperti da tutte le armi del distretto.

Il nemico sta cercando di sfondare ulteriormente. I carri armati sono venuti in aiuto della fanteria russa.

  • riferiscono i giornalisti.

I gruppi tattici della compagnia dell’esercito ucraino sono stati inviati in battaglia. Tentano di attaccare, ma viene sparato contro di loro un enorme fuoco.

Vengono liquidati i militanti che sono riusciti a fare irruzione nelle trincee russe nei pressi di Rabotino. I soli che funzionano.

Carri ucaini/Nato distrutti

Il nemico sta cercando di prendere piede, trascinando nuove forze nel sito di svolta, sono letteralmente bruciate dai nostri pesanti sistemi di lanciafiamme e carri armati,

  • scrivono i corrispondenti militari.

I veicoli corazzati nemici sono in fiamme, incendiati. Le forze armate ucraine stanno cercando di aumentare la pressione. La battaglia vicino a Rabotino-Verbovoy va avanti per circa due ore.

Onda dopo onda
Le forze armate ucraine organizzano un’ondata di offensive dopo l’altra. Tutto senza successo. Nel pomeriggio del 17 giugno, il ministero della Difesa russo ha riferito che nell’ultimo giorno il nostro esercito ha respinto tre attacchi di nazionalisti nella direzione di Zaporozhye.

Il rappresentante ufficiale del dipartimento, il tenente generale Igor Konashenkov, ha specificato i nomi degli insediamenti in cui si sono svolti i combattimenti. Questi sono Zherebyanka, Mirnoe e Malaya Tokmachka.

Le riserve delle forze armate ucraine si sono avvicinate all’area del villaggio di Stepovoe. Hanno aperto il fuoco su di loro. Di conseguenza, il nemico ha perso non solo personale, ma anche cinque veicoli corazzati.

I carri armati sono in fiamme, gli aerei sono in fiamme
L’Alleanza del Nord Atlantico è sempre più coinvolta nel conflitto in Ucraina. Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin a margine dello SPIEF-2023.

La NATO, ovviamente, è coinvolta nella guerra in Ucraina. Di cosa stiamo parlando, ci sono consegne di equipaggiamento militare, equipaggiamento militare pesante,
ha osservato.

Un serio pericolo di trascinare ulteriormente l’alleanza nel conflitto sono i piani per fornire aerei F-16 all’Ucraina.

Tuttavia, ha affermato Putin con sicurezza, queste parti subiranno la stessa sorte dei carri armati Leopard.

Fonte: TSargradTv

Traduzione: Mirko Vlobodic

7 commenti su “CAOS NEI RANGHI DELLE FORZE ARMATE UCRAINE: L’EPICA OFFENSIVA DEI “LEOPARDI” SI È TRASFORMATA IN UN DISASTRO

  1. una domanda si pone agli astanti e alle spettabile controinformazione : ma se i numeri delle purtroppo perdite per i poveri ragazzi ucraini sono quelli – detti anche dal nipote di kennedy – da dove attingono per questa controffensivah? non saranno come dicono alcuni truppe nato camuffate?

    1. No, purtoppo rastrellano ovunue li trovino gli ultimi ucraini che non sono fuggiti in Europa..vecchi e bambini compresi. Poi ci sono anche i mercenari stranieri..ma quelli scappano piuttosto di farsi massacrare in prima linea, gli altri invece vengono costretti a farsi massacrare (se rifiutano spesso vengono giustiziati sul posto, senza processo ovviamente

    2. Ci sono anche quelle……oltre ai poveri ucraini arruolati a forza tra gli studenti delle scuole medie e fra i pensionati…

      Saluti

      Luciano Lago

      1. L’Ucraina aveva nel 2021 circa 44 milioni di abitanti. Ipotizziamo che dopo le iniziali conquiste territoriali russe e le fughe verso l’estero siano rimasti in Ucraina 30 milioni di persone. Ipotizziamo che il numeri o di maschi coincida con quello delle femmine. Facendo i conti a spanne avremo 15 milioni di maschi, di questi almeno la metà nella fascia di età dai 18 ai 60 anni ovvero 8 milioni di potenziali baionette. Di carne per il cannone ne hanno ancora tanta.

  2. triste ed inverecondo ciò che accade tutto per l’ideologia woke-gender della cabala elitista ed elitaria della ue di cui la nato è jl braccio armato forzoso bellicista. ma anche l’ideologia del dip-di-stato-usa della giunta biden , odio ancestrale anti russia in ossequio ai dettami degli innominabili e invisibili…fantasie? direi di no! anzi , pure peggio!

  3. Non possono sottrarsi alle armi.Solo quelli che erano all’estero prima del conflitto e quelli scappati all’inizio sono salvi.In Ucr. regna il terrore perché il partito di Zel. ha il monopolio assoluto.Solo i pochi ricchi sono esenti dalla prima linea ,perché pagano, il resto ,salvo pochissimi nazionalisti, sono condannati.Così mi è stata spiegata la situazione ,da una famiglia Ucro-Canadese ,a Toronto, di mia conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM