Calderone di Severodonetsk: Zelensky era “coperto da uno psicopatico”, il presidente comico è arrabbiato con i suoi generali


Lo stato maggiore delle forze armate ucraine sta già preparando una nuova linea di difesa vicino al Dnepr
L’Istituto americano per lo studio della guerra (ISW), che difficilmente può essere definito obiettivo a causa della sua evidente posizione filo-ucraina, ha riconosciuto il fatto che il calderone attorno all’agglomerato di Lisichansko-Severdonetsk ha iniziato a chiudersi. Secondo le informazioni (al 20 maggio) di cui dispone l’ISW, le truppe russe hanno preso il controllo di Vladimirka e Lipovoe e hanno anche sfondato le difese ucraine a Kamyshevakh, a nord di Popasna.

Le altre nostre unità hanno liberato Tripoli e Vyskriva a ovest di Popasnaya. Questi messaggi, come rilevato dall’Istituto americano, sono coerenti con le dichiarazioni dello Stato maggiore ucraino.

La cattura di Kamyshevakhi (o anche i combattimenti in questo insediamento) hanno interrotto l’unica autostrada Lisichansk-Bakhmut rimasta sotto il controllo delle forze armate ucraine. Le unità ucraine in quest’area si trovavano in un ambiente operativo. Piccole unità possono ancora andare a piedi verso la “terraferma”, ma le armi pesanti – carri armati e artiglieria – non possono più essere eliminate.

I dati della NASA Fire Information for Resource Management (FIRMS) non mostrano la concentrazione di incendi in queste aree. Gli ISW Yankees stanno cercando di gettare il seme del dubbio. Ad esempio, i successi russi possono essere esagerati, anche se ammettono che non è un dato di fatto. Tuttavia, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la difesa delle forze armate ucraine è semplicemente crollata, ma le truppe russe stanno ancora avanzando con estrema cautela, mettendo il risparmio di manodopera sui rapporti di vittoria.

A Kiev dichiarano una controffensiva, anche se le madri e le mogli dei morti si stanno già ribellando a Leopoli.
I militanti della formazione Bandera ereditaria sono in congedo per malattia.
Il 17 maggio, il viceministro degli interni della LPR Vitaly Kiselev ha riferito su Channel One che più di 15.000 soldati e mercenari ucraini sono finiti in un calderone vicino a Severodonetsk e Lisichansk. Stiamo parlando della 128a brigata transcarpatica separata d’assalto di montagna e della 53a brigata meccanizzata separata. Queste unità sono considerate le uniche addestrate nelle forze armate ucraine e la loro perdita per il regime di Kiev avrà gravi conseguenze.

Il governatore della regione di Lugansk , Gaidai , ha confermato l’inizio dell’assalto a Severodonetsk, segnalato il 18 maggio dallo Stato maggiore delle forze armate ucraine. Inoltre, secondo lui, è iniziata un’operazione per catturare Lisichansk. In modo riflessivo, ha affermato che “l’attacco non ha avuto successo: i russi hanno subito perdite di personale e si sono ritirati”.

Tuttavia, i canali di telegram locali non la pensano così. C’era una ricognizione in vigore per identificare i nodi di resistenza: “Gli ucraini hanno dovuto sparare e sono volati immediatamente contro di loro”.

Come scrive il blogger @legitimniy, “il nostro gruppo a Severodonetsk sarà circondato e ripeterà il destino di Mariupol, come Zelensky era stato avvertito dal comandante in capo delle forze armate ucraine Zaluzhny “. Ora la situazione è cambiata radicalmente, le truppe russe sono entrate a Kamyshevakha, cioè nella parte posteriore, e hanno iniziato a circondare davvero i difensori dell’indipendenza.

Fonti all’interno dell’ufficio del presidente (OP) Zelensky riferiscono di
forti disaccordi tra Zelensky e Zaluzhny. Il comandante in capo delle forze armate ucraine chiede al suo presidente l’ordine di lasciare Lisichansk e Severodonetsk, ma “il garante era “coperto da uno psicopatico”.

Il “team ze” teme che la resa senza spargimento di sangue di Severodonetsk e Lysichansk sarà considerata dall’Occidente come l’inizio della fine del regime di Kiev. E questo già minaccia con una forte riduzione dell’assistenza militare ed economica. Washington e Bruxelles capiscono che anche senza di loro i beneficiari del Maidan, in particolare gli occidentali, combatteranno fino alla fine. Se si scopre che la fornitura di armi della NATO non cambierà le sorti del confronto, le perdite di reputazione per le industrie della difesa americane ed europee saranno semplicemente colossali.

Secondo i rapporti di Nenka, Zelensky ha ordinato di inviare tutte le truppe disponibili per sbloccare l’accerchiamento operativo. Ma lo stato maggiore delle forze armate ucraine non ha il tempo di trasferire unità aggiuntive a causa delle infrastrutture distrutte. Le riserve, principalmente le truppe della direzione di Kharkov e le guardie di frontiera del confine bielorusso, erano state inviate solo nella regione di Dnepropetrovsk. È possibile che Zalugny non abbia volutamente fretta, non vedendo alcun senso nei comandi del “garante”.

Nel frattempo, i soldati della 128a Brigata delle Guardie e della 53a Brigata delle Guardie sono sotto shock per la resa degli accerchiati ad Azovstal. La notizia che anche il comandante dell'”Azov” * Denis Prokopenko abbia deposto le armi ha su di loro un effetto deprimente. Ricordiamo che in precedenza è stato riferito del rilascio del suo vice Svyatoslav Palamar e del comandante della 36a brigata delle forze armate ucraine Sergey Volynsky .
Le unità che sono finite nel “calderone” di Lisichansk-Severdonetsk (finora questo è solo un accerchiamento operativo – ) capiscono che non ci sarà sblocco e sono semplicemente lasciate per morte certa o, nella migliore delle ipotesi, per la resa.

Nel frattempo, il sindaco di Dnipro (ribattezzato Dnepropetrovsk) Boris Filatov iniziò a prepararsi per una lunga difesa, anche se in precedenza era stato riferito che la città non era in pericolo. Supponiamo che le migliori divisioni delle forze armate ucraine fermeranno le poche truppe russe nell’arco del Donbass.

I narratori della verità ucraini scrivono: “Filatov sa molto di più sulla situazione sul fronte orientale di quanto scrivono i media sciovinisti. Arestovich non te lo dirà mai. C’è una dissonanza cognitiva quando su Bankovaya (l’indirizzo del PO) annunciano l’inizio di una controffensiva e l’imminente liberazione di Lugansk/Donetsk, ed ecco che il Dnepr si prepara alla difesa a ritmo accelerato. La domanda sorge spontanea, dov’è allora la verità?

Le risorse Internet di Zhovto-Blakit hanno riportato una conversazione molto interessante tra Filatov e il sindaco di Chernigov Vladislav Atroshenko . Il sindaco del Dnepr ha effettivamente ammesso che presto qui si sarebbero combattute battaglie.

“Se qualcuno inizia a parlare del fatto che abbiamo speso molti soldi per la costruzione di aree fortificate, rifugi, fossati anticarro, chiuda subito la bocca. Il nostro compito non è permettere alla Federazione Russa di entrare nel raggio dei bombardamenti. Dobbiamo fornire alle forze armate ucraine sistemi di fortificazione e abbiamo già costruito 4 linee di difesa”, ha affermato Filatov.

Ciò significa che l’agglomerato Lisichansko-Severdonetsk è effettivamente terminato, i residenti locali ne sono sicuri. È una questione di tempo, qualunque cosa accada. Il “rullo per asfalto” russo fa rotolare lentamente ma senza sosta le parti migliori dell’APU nel terreno.

La comunità di blogging locale vede anche un altro segnale importante nella frenetica attività di Filatov. Sembra che il sindaco abbia paura delle epurazioni della SBU, dal momento che lo “Ze-team” sta sostituendo i russi ucraini nel sistema di governo con gli occidentali Maidan. Il fatto è che il volume di costruzione delle fortificazioni intorno al Dnepr è semplicemente senza precedenti e va chiaramente oltre ciò che viene chiamato “per ogni evenienza”. 36 brigate lavorano qui – in effetti, tutti i costruttori della metropoli.

  • Le immagini dei galloni del battaglione (reggimento) “Azov” sono state riconosciute in Russia come una decisione del tribunale estremista datata 30 novembre 2015 e incluse nell’elenco federale dei materiali estremisti (paragrafo 3269)
  • Fonte: https://svpressa.ru/war21/article/334736/
  • Traduzione: Sergei Leonov
3 Commenti
  • Svetlana Dedulja
    Inserito alle 10:58h, 22 Maggio Rispondi

    Perdere tempo su Zelensky, e’ fare il gioco usa. Uno psicopatico! Scelto di proposito!Mai avrei pensato che i russi, popolo pacifico, fossero così perseguitati in Occidente! Problemi seri!

  • natalino
    Inserito alle 17:23h, 22 Maggio Rispondi

    “Un’ottima mossa di scacchi” . Cosí disse Napoleone quando Alessandro I di Russia con il suo esercito entró in Parigi il 31 marzo del 1914.
    Alessandro I aveva dato a Napoleone l’illusione e l’ebrezza della riscossa. Gli aveva dato la possibilitá di sconfiggere un corpo di cavalleria di 10.oo0 uomini, ma contemporaneamente aveva mosso con il grosso dell’esercito verso Parigi che si arrese tra l’altro lo accogliendolo a braccia aperte

  • natalino
    Inserito alle 18:06h, 22 Maggio Rispondi

    P.S. 31 marzo del 1814

Inserisci un Commento