Caduta la “foglia di fico” dell’ISIS dietro cui gli USA si nascondevano in Siria

‘La foglia di fico dietro cui si nascondevano gli Stati Uniti  per sostenere  di combattere  l’ISIS  è sparita’
Il pretesto  della presenza delle forze degli Stati Uniti in Siria per combattere  contro l’ISIS in Siria sè stato smascherato dopo gli ultimi raid aerei della coalizione. Gli Stati Uniti sono lì perché i neocons  vogliono attaccare l’Iran, ha riferito a RT. Daniel McAdams, direttore esecutivo del “Ron Paul Institute”.

In Siria, la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha condotto attacchi aerei contro le forze filogovernative mercoledì, uccidendo circa 100 persone. Il Comando Centrale degli Stati Uniti lo ha descritto questa azione come una “misura difensiva” a favore dei “ribelli moderati”. Nonostante la sconfitta dello Stato islamico (Daesh, ex ISIS), le forze statunitensi continuano a condurre bombardamenti nel paese.

RT America’s Ed Schultz ha discusso questi ultimi sviluppi in Siria con Daniel McAdams, direttore esecutivo del Ron Paul Institute.

RT: Cosa ne pensi di questi attacchi aerei alla luce di tutti i disordini che si sono verificati in Siria? Questa è una nuova fase per gli Stati Uniti?Che diritto hanno gli Stati Uniti di difendere le formazioni illegali in Siria?’

Daniel McAdams: Certamente è una nuova fase per gli Stati Uniti e riflette il fatto che gli Stati Uniti non hanno una strategia per la Siria. Non c’è ragione per cui gli Stati Uniti mantengano la loro occupazione illegale di parte del paese. Dicono  che stanno  combattendo contro l’ISIS, ma hanno attaccato l’unica forza combattente che è stata la più efficace contro l’ISIS. Stanno combattendo contro il governo siriano. Quindi, penso che abbiamo scoperto dal Segretario di Stato Tillerson solo un paio di settimane fa che il vero scopo degli Stati Uniti è ancora (come nel 2011-2013) il cambio di regime in Siria. E penso che questo lo rispecchi. Ma per quanto riguarda l’idea che sia autodifesa, è come se irrompessi nella tua casa, e tu mi sorprendi, e ti sparo e dico “Bene, è stata l’autodifesa”. Sai, questo è essenzialmente ciò che gli Stati Uniti stanno facendo in Siria.

RT: Hanno affermato che si trattava di una misura difensiva rivolta a proteggere i “ribelli moderati”. Pensi che sia la propaganda proveniente dagli Stati Uniti?

Attacco USA contro la Siria

DM: Questo potrebbe sconvolgere alcune persone, ma il governo degli Stati Uniti, come la maggior parte dei governi, mente e seguita a mentire. E penso che ci sia una buona possibilità che questa fosse una bugia. La parte siriana ha detto di aver inviato una forza di ricognizione nell’area in cerca dei combattenti dell’ISIS. Forse stanno mentendo, chi lo sa? Ma c’è una cosa che sappiamo – che è territorio siriano e il governo degli Stati Uniti è illegalmente lì. E hanno ucciso un centinaio di combattenti. Sebbene gli Stati Uniti sostengano che fossero combattenti, non sappiamo se non erano abitanti del villaggio. Secondo le regole di ingaggio degli Stati Uniti, praticamente chiunque si muova è considerato un combattente o un militante. Di certo non possiamo fidarci degli Stati Uniti.

RT: Non abbiamo davvero alcuna definizione forte da questa nuova amministrazione quale sia la politica americana in Siria. Il nostro giudizio può essere fatto solo sulla base di raid aerei. E continuano a usare la potenza di fuoco nel paese illegalmente. Se devi dare una definizione alla politica degli Stati Uniti, quale sarebbe?

DM: Non solo non c’è politica, ma la foglia di fico è caduta. La foglia di fico era che stavamo combattendo contro l’ISIS – anche quando abbiamo permesso a quante migliaia di soldati dell’ISIS di lasciare Raqqa, mentre Raqqa cadeva, e di riorganizzarsi in realtà, ironicamente nella zona in cui gli Stati Uniti stanno operando. Che sorpresa! Ma anche quella foglia di fico della lotta contro l’ISIS è sparita. Nessuno sa perché ci sono gli Stati Uniti laggiù. Gli Stati Uniti sono lì in appoggio alle forze curde, quelle  che i Turchi stanno combattendo proprio lungo la strada. È assolutamente assurdo, essenzialmente perché sono lì. Perché i neocon vogliono attaccare l’Iran.

Fonte: RT Nws

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • atlas
    9 Feb 2018

    praticamente, per gli ignoranti sprovveduti che non hanno studiato diritti internazionali : se io ti entro in casa avrò anche il diritto di difendermi. O no ? Eh

    • Woland
      9 Feb 2018

      In realtà c’è pure una sfumatura differente. Gli USA sono in casa dei Siriani ma li ammazzano non per difendere se stessi, ma per difendere i “ribelli”
      E’ come se don Vito Corleone proclamasse il diritto di difendere i suoi scugnizzi che stanno a rubare, a stuprare e ad ammazzare a casa d’altri.

      • Kim
        9 Feb 2018

        Ricostruzione perfetta.

      • atlas
        9 Feb 2018

        Vito Corleone a parte che esiste solo nei libri. Se vuoi fare l’esempio di Siciliani che sono andati negli usa ‘a prendere’, ameri cani sono venuti nelle Sicilie a rompere. Proprio come in Siria. E’ tutto normale e fisiologico: se italiani ad es. odiano i Siciliani l’odio diventa reciproco. Quello che non è normale è che i giudei, senza patria da sempre, siano dispersi per il mondo a volere andare a prendersi tutto: come i porci che non finiscono mai di mangiare. Fino a che non scoppiano. E in Siria, come in Iraq, gli ameri cani hanno invaso senza essere mai stati nemmeno minacciati di essere a loro volta invasi. Ma l’ebreo errante, continua ad errare. E gli anglosassoni lo seguono

Inserisci un Commento

*

code