Bulgaria: “L’Ucraina insiste per fare questa guerra, ma tutta l’Europa ne paga il conto”

Il presidente bulgaro Rumen Radev ha sottolineato che “più armi [questo conflitto] assorbe, più persone muoiono”.

Il presidente bulgaro Rumen Radev ha detto venerdì che mentre l’Ucraina insiste nel continuare il conflitto contro la Russia, l’Europa è costretta a pagare il conto che genera.

Vediamo tutti che questo conflitto si sta decisamente approfondendo , le vittime stanno aumentando. Più armi [il conflitto] assorbe, più persone muoiono. Più danni [si verificano], maggiore è il rischio, più a lungo durerà questa guerra”, ha avvertito il leader.

“Non pensare solo all’Ucraina”: il presidente bulgaro rifiuta l’assistenza militare a Zelensky
In questo contesto, Radev si è espresso contro l’adesione accelerata dell’Ucraina alla NATO.

“Voglio chiarire che l’Ucraina insiste a fare questa guerra, ma deve anche essere chiaro che tutta l’Europa ne paga il conto. Questa guerra ha molte dimensioni. Dico ancora una volta che non è puramente militare, ha anche un aspetto economico, dimensione sociale, politica. È una minaccia e un rischio per tutta l’Europa “, ha affermato.

Risposta dall’Ucraina
In risposta, sabato l’ambasciata ucraina in Bulgaria ha pubblicato una dichiarazione in cui difende che ciò che Kiev vuole di più è la pace e “sta facendo tutti gli sforzi possibili per ripristinare la pace”.

“Vogliamo sottolineare che la fornitura di risorse per la difesa all’Ucraina non comporta un aumento del numero di vittime e danni, al contrario, significa che [ci sono] più vite salvate”, si legge nel testo, aggiungendo che garantire La sicurezza dell’Ucraina sta per “garanzie di sicurezza per l’Europa, inclusa la Bulgaria”.

Presidente Bulgaro

“Non devi pensare solo all’Ucraina
All’inizio di luglio, il presidente bulgaro ha chiesto la pace. “Credo che l’Ucraina abbia il suo posto nell’UE, ma il mio appello è questo: in questo momento sentiamo la parola ‘vittoria, vittoria, vittoria’. Sì, certo è una parola importante per qualsiasi paese che è in guerra, ma inoltre vogliamo sentire di più la parola “pace”. E lo sforzo principale dovrebbe essere quello di raggiungere la pace “, ha dichiarato.

Inoltre, ha sottolineato che “non bisogna pensare solo all’Ucraina”, riferendosi a problemi come l’inflazione, la crescente recessione, l’aumento delle tensioni sociali e del populismo e la presa del potere da parte dei partiti radicali in Europa. “Ovviamente l’Ucraina è la cosa più importante al momento, ma dobbiamo pensare al futuro dell’Europa nel suo insieme, a come questa guerra influenzerà l’Europa”, ha concluso.

Nota:

Il presidente bulgaro, con questo suo comunicato, si distacca dalla linea degli ultra atlantisti di ferro, come ad esempio la Meloni, e sottolinea le conseguenze nefaste per l’Europa nella insistenza a pompare armi sempre più potenti al regime di Kiev.
Una saggezza a cui altri leader europei non arrivano, accecati dal loro servilismo verso gli stati Uniti, trascurando gli interessi dei loro popoli.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione e nota: Luciano Lago

10 commenti su “Bulgaria: “L’Ucraina insiste per fare questa guerra, ma tutta l’Europa ne paga il conto”

  1. Alla fine noi italiani con il cervello non ”lavato’ dai nostri strapagati scribacchini saremo costretti a diventare cittadini bulgari per sottrarci ai nostri servi degli anglosassoni ?

  2. effettivamente non pare ragionevole che la maggior parte dei paesi europei si senta in alcun modo minacciata dalla Russia; probabilmente sentono così i paesi che nel 1991 facevano parte del URSS e si sono dichiarati indipendenti (Lettonia, Estonia e Lituania, che dopo il dominio svedese fecero parte della Russia dal 1721 al 1918 e dal 1940 al 1991) e probabilmente anche la Finlandia che dopo il dominio Svedese passò alla Russia nel 1721 fino al 1918. Forse non esiterebbero a tenere in scacco tutta l’Europa per le loro rivalse ora che sanno di essere utili nella crisi USA.

  3. Aumentano le crepe in Europa.
    Con il ministro della difesa inglese che si è dimesso , aumentano i problemi in Europa.

  4. Se la Bulgaria non vuole essere complice di una guerra ingiusta voluta dagli USA e non vuole pagare la guerra dei Nazisti Ucraini può sempre RIFIUTARSI !
    Una nazione libera ed indipendente cosiddetta “democratica” se ha un governo di paurosi rammolliti senza palle può sempre chiedere tramite referendum popolare se sono disponibili a morire di fame perché lo vuole la NATO la UE oppure gli USA !

    1. che fai fai dell’umorismo gratuito? vorrei? non è un ristorante e tu non sei un cliente gradito , ci siamo capiti?
      Redazione pubblicatemi la risposta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus