Brigate rosso sangue: la risposta de La Terra dei Padri a Curcio

Brigate rosso sangue” il racconto del primo omicidio delle Brigate rosse che ebbe come vittime i due militanti missini Giuseppe Mazzola e Graziano Giralucci uccisi il 17 giugno 1974 nell’assalto alla sede dell’Msi di Padova.
E’ la risposta de La Terra dei Padri alla vergognosa esibizione del terrorista Renato Curcio del 9 u.s. a Modena, invitato a parlare pubblicamente da un circolo Arci: Curcio è stato l’ispiratore di quell’assassinio e venne condannato (in appello) a sedici anni e due mesi e otto mesi per concorso morale in omicidio.
Mazzola era un carabiniere in congedo sessantenne mentre Giralucci, neppure trentenne, era un noto rugbista e un agente di commercio: vennero freddati dai brigatisti con colpi di pistola alla testa; lasciarono, rispettivamente, moglie e quattro figli, moglie e una bimba di tre anni.
Il libro “Brigate rosso sangue” ripercorre questo orrore e sarà presentato sabato 26 ottobre alle ore 19.00 a La Terra dei Padri con l’autore, Fabio Ragno, il curatore, Mario Bortoluzzi e l’editore, Marco Carucci. Apre l’incontro Beatrice de Maio de La Terra dei Padri.
A seguire, alle ore 21.00, ci sarà il concerto della Compagnia dell’Anello che verrà aperto proprio dalla canzone “Padova 17 giugno” dedicata a Mazzola e Giralucci e cantata da Bortoluzzi, voce del gruppo e curatore del libro.
L’appuntamento è presso la sede del circolo identitario in via N. Biondo 297, Modena.

Inserisci un Commento

*

code