“BRICS Plus” potrebbero realizzare un Nuovo Ordine Mondiale

di Salman Rafi Sheikh
Russia e Cina lottano da tempo per stabilire un nuovo ordine mondiale, un ordine che non avrà l’Occidente come centro e il dollaro USA come valuta principale che modella il sistema economico globale. Il nuovo ordine mondiale sarà multipolare. All’interno di questo ordine sarà possibile fare trading senza del dollaro USD.

Ma sebbene la multipolarità e gli accordi valutari diversi dal dollaro USA indichino alcune delle caratteristiche chiave del nuovo ordine – e siano molto importanti – non sono di per sé i meccanismi che potrebbero potenzialmente produrre un nuovo ordine mondiale. Perché un nuovo ordine diventi possibile, è necessario che molti più paesi oltre alla Russia e alla Cina lo sostengano. Più recentemente, ciò è diventato possibile grazie a quello che finora è noto come BRICS – un raggruppamento extraregionale di Brasile, Russia, India, Cina, e il Sud Africa che l’Occidente ha fino a poco tempo fa liquidato come insignificante e irrilevante. Questo attributo, tuttavia, non è più il caso di usarlo.

Come ha recentemente riferito il paese ospitante dell’ultimo vertice BRICS, il Sud Africa, quasi 40 paesi hanno espresso interesse ad unirsi al gruppo. Questo numero supera di gran lunga i potenziali candidati attualmente a disposizione della NATO, mostrando non solo la direzione in cui soffia il vento globale, ma riflettendo anche che questo potrebbe essere l’inizio della fine dell’egemonia occidentale. Come hanno notato i resoconti dei principali media occidentali, la ragione principale del crescente interesse nell’adesione ai BRICS è la crescente insoddisfazione nei confronti delle “potenze occidentali tradizionali”, con i paesi disponibili che sperano anche che “l’adesione sbloccherà vantaggi tra cui il finanziamento dello sviluppo e un aumento commercio e investimenti” – qualcosa che il sistema dominato dall’Occidente non è riuscito a realizzare negli ultimi decenni.

Un altro rapporto ha rilevato l’elenco delle lamentele contro l’Occidente, affermando che molti paesi sono colpiti da:
“Pratiche commerciali abusive.
Esigenza di punire i regimi sanzionatori. Percezione di negligenza nei confronti delle esigenze di sviluppo delle nazioni più povere. Il dominio del ricco Occidente su organismi internazionali, come le Nazioni Unite, il Fondo monetario internazionale o la Banca mondiale”.

Ancora più pericoloso per l’Occidente è che molti paesi potenti e pieni di risorse – si stanno allineando con la politica di un nuovo ordine mondiale alternativo. Ciò, ad esempio, include l’Arabia Saudita, un paese che un tempo era un importante alleato degli Stati Uniti ma che ora è uno dei paesi più entusiasti di unirsi al gruppo – non solo perché i BRICS offrono una piattaforma che potrebbe aiutare il Regno a raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo economico. lontano dalla sua tradizionale dipendenza dal petrolio , ma anche perché l’Arabia Saudita è anche uno stato che, negli ultimi anni, è diventato sempre più insoddisfatto di Washington, anche se quest’ultimo ha tentato di pianificare un colpo di stato contro Muhammad bin Salman (MBS). .

Con l’Arabia Saudita pienamente alleata con Russia e Cina, potrebbe portare il suo “potere petrolifero” a pesare davvero sull’Occidente, la maggior parte del quale dipende dai prezzi del petrolio a basso costo per far crescere e sopravvivere la sua economia. La partecipazione dell’Arabia Saudita ai BRICS rafforzerà quindi anche l’OPEC+. Si tratta di una grave battuta d’arresto per Washington e l’UE, che hanno cercato – e sperato – di rompere l’OPEC+ sin dall’inizio delle operazioni militari russe in Ucraina e dal conseguente aumento dei prezzi del petrolio.

L’Iran è un altro caso. Ha ricchi giacimenti di petrolio e di gas e sembra anche essere un paese pesantemente colpito dal tradimento degli Stati Uniti nei confronti dell’accordo nucleare e dalle relative sanzioni imposte. Grazie alla diplomazia proattiva della Cina, l’Iran e l’Arabia Saudita hanno già normalizzato i loro legami, con l’OPEC che già guarda al petrolio iraniano per colpire i mercati il ​​prima possibile. Se l’Arabia Saudita e l’Iran aderissero ai BRICS, ciò potrebbe mobilitare l’intero Medio Oriente.

Nel sud-est asiatico, anche l’Indonesia – un’altra potenza regionale – sta tenendo d’occhio l’adesione ai BRICS, con il presidente Jokowi pronto a partecipare al vertice dei BRICS in Sud Africa. Il vice ministro del Commercio Jerry Sambuaga ha dichiarato ai media che “l’interesse c’è, il potenziale è chiaro e l’opportunità è da cogliere”. Essendo l’Indonesia la più grande economia del Sud-est asiatico, potrebbe verificarsi un effetto boomerang che si diffonderebbe in tutta la regione, dove gli Stati Uniti hanno cercato di ottenere un forte punto d’appoggio militare negli ultimi anni.

Il Sud-Est asiatico è una regione profondamente interessata allo sviluppo economico. I BRICS offrono proprio questo attraverso la possibilità di commerciare in valute diverse dal dollaro statunitense. La de-dollarizzazione – supervisionata dalla Nuova Banca per lo Sviluppo dei BRICS – è proprio l’opportunità che paesi come l’Indonesia potrebbero avere in mente, ovvero essere in grado di espandere il commercio senza rischiare sanzioni.

Tali possibilità hanno certamente creato isteria in Occidente. Ci sono ragioni molto forti per questo. In primo luogo, quando l’amministrazione Biden ha deciso di espandere la NATO per includere l’Ucraina e, quindi, scatenando il conflitto nell’Europa orientale, sperava che questo conflitto creasse uno scenario in cui l’isolamento russo – e cinese – sarebbe diventato inevitabile. Questa mossa si è chiaramente ritorta contro, il che non è altro che una grave battuta d’arresto geopolitica.

In secondo luogo, si è rivelata controproducente nella misura in cui le contromanovre di Russia e Cina, ad esempio il processo di normalizzazione in Medio Oriente, hanno permesso a sempre più nazioni di trarre effettivamente vantaggio dalla competizione tra le grandi potenze . Stanno sempre più facendo le proprie manovre.

Naturalmente, questi Stati ne traggono vantaggio, ma anche Russia e Cina, più degli Stati Uniti, ci guadagnano nella misura in cui parte delle manovre degli Stati più piccoli includono la fuga dalla pressione statunitense per scegliere tra l’Occidente o il blocco capitanato da Russia/Cina.
Finora hanno avuto successo. “BRICS Plus”, in questo contesto, sta creando ancora un altro spazio che renderà ancora più difficile per l’Occidente collettivo imporre unilateralmente la propria volontà. Quando nessuno Stato, o regione, può imporre la propria volontà unilateralmente, significa che non detiene più il potere che aveva una volta. Quando sempre più paesi saranno in grado di esercitare l’autonomia strategica, allora potremo davvero parlare di multipolarità e di un nuovo ordine mondiale.

Salman Rafi Sheikh, analista ricercatore di Relazioni Internazionali e Affari Interni ed Esteri del Pakistan, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook” .

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM