Bortnikov ha menzionato il numero degli arrestati dopo l’attacco terroristico al Crocus City Hall (Mosca)

Bortnikov: sono state arrestate più di 20 persone coinvolte nell’attacco terroristico al Crocus City Hall

BISHKEK, 24 maggio – RIA Novosti. In relazione all’attacco terroristico al Crocus City Hall, sono state arrestate più di 20 persone ha riferito il direttore dell’FSB (Servizio Federale per la Sicurezza ndr.) Aleksandr Bortnikov in una riunione del Consiglio dei capi delle agenzie di sicurezza e dei servizi speciali degli Stati membri della CSI, a Bishkek:
«Stiamo attualmente individuando l’intera cerchia delle persone coinvolte nel delitto, più di 20 persone sono già state arrestate, compresi gli autori diretti e i complici».

Secondo il capo dell’FSB, due dei quattro partecipanti all’attentato sono arrivati ​​in Russia dalla Turchia poco prima dell’attentato. Uno dei detenuti ha ammesso di essere da lì arrivato il 4 marzo. Secondo lo stesso, gli è stato offerto mezzo milione di rubli per uccidere delle persone.

Alexander Bortnikov, direttore FSB

«Un altro imputato, Faridun Shamsiddin, a febbraio ha pubblicato su Instagram* foto da Istanbul. Otto fotografie sono datate il giorno 23 febbraio, quasi tutte contengono la geolocalizzazione “Aksaray, Istanbul”. Tra queste c’è una foto dello stesso Shamsiddin e filmati presumibilmente girati alla Moschea Fatih. Come risultato dell’indagine, è emerso che la preparazione, il finanziamento, l’attacco e il ripiegamento dei terroristi sono stati coordinati via Internet da militanti del gruppo Vilayat Khorasan (Stato islamico dell’Iraq e del Levante – Provincia di Khorasan ndr.)  della zona afghano-pakistana», ha aggiunto Bortnikov.

«Alla fine dell’attacco, i terroristi hanno ricevuto il preciso ordine di spostarsi verso il confine ucraino, dove da quella parte era stata preparata una “finestra”», ha poi riferito.

Il direttore dell’FSB ha inoltre sottolineato che si può già affermare con certezza che l’intelligence militare ucraina è direttamente collegata all’attacco terroristico.

Attacco al Crocus C.H. di Mosca, 22/03/2024

A suo avviso, uno degli obiettivi degli autori dell’attacco terroristico era quello di danneggiare le relazioni dei paesi della CSI utilizzando fattori religiosi e nazionali.
«I nostri oppositori geopolitici contano di distruggere l’equilibrio interetnico e interreligioso unico che si è sviluppato nel corso di un lungo periodo di convivenza dei nostri popoli», ha dichiarato Bortnikov, esprimendo al contempo gratitudine ai suoi colleghi dei servizi segreti dei paesi della CSI, per aver fornito alla Russia la massima assistenza nelle indagini sull’attacco terroristico.

«Voglio assicurare che tutte le circostanze del crimine saranno accertate e che tutte le persone coinvolte non sfuggiranno alla condanna», ha concluso il capo dell’FSB.

L’attacco terroristico al municipio Crocus City Hall di Krasnogorsk è avvenuto il 22 marzo. Diversi uomini facendo irruzione nell’edificio hanno sparato a bruciapelo sulle persone, lanciato bombe incendiarie e dato fuoco all’auditorium. Secondo gli ultimi dati, sono morte 145 persone.

  • Le attività di Meta (social network Facebook e Instagram) sono vietate in Russia in quanto considerate estremiste.

Fonte: https://ria.ru/20240524/krokus-1948043684.html

Traduzione di Eliseo Bertolasi

2 commenti su “Bortnikov ha menzionato il numero degli arrestati dopo l’attacco terroristico al Crocus City Hall (Mosca)

  1. Risultato di tutto rispetto. Soprattutto considerato che nel civile e libero occidente quasi tutti i casi di terrorismo, al qaeda a parte, sono ancora aperti ed irrisolti. I pochi chiusi incolpando meri e propri capri espiatori, come Lee Osvald nel caso di JFK.

    1. Vero caro LOLLO, comprese, qui da noi, le stragi terroristiche dei cosiddetti anni di piombo e la strategia della tensione !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM