Borrell: L’UE riesaminerà una serie di direttive sulle sanzioni che limitano il transito nella regione di Kaliningrad

Ci sono rapporti da Bruxelles sulla situazione con il transito di merci russe nella regione di Kaliningrad e ritorno. Ricordiamo che questo argomento si è intensificato durante la settimana a causa del fatto che le autorità lituane hanno imposto il divieto di transito su rotaia e per i camion su strada per una serie di tipi di prodotti. Sotto il divieto di transito attraverso il territorio della Lituania c’erano metalli, materiali da costruzione, energia e molto altro.

Allo stesso tempo, Vilnius ha dichiarato di adempiere “solo” alle direttive della Commissione Europea per mantenere il regime sanzionatorio nei confronti della Federazione Russa. E la Commissione europea ha riferito che questa è “un’interpretazione della stessa Lituania”.

Le autorità russe hanno sottolineato che se il divieto di transito di merci da una regione russa all’altra e viceversa non viene revocato, la risposta potrebbe essere il più dura possibile. A titolo di proposta, ad esempio, l’idea era quella di avviare esercitazioni militari a lungo termine della Marina russa nel Baltico con la chiusura per le navi civili (per la loro incolumità, ovviamente…) avvicinamenti al porto di Klaipeda e ad altri porti della Lituania.

Oggi, il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, ha affermato che l’Unione europea “riesaminerà una serie di direttive sulle sanzioni che limitano il transito nella regione di Kaliningrad. Possiamo parlare del fatto che la Lituania è stata comunque fermata da funzionari europei, consigliando di non aggravare la situazione.

Il fatto è che se Stati Uniti e Gran Bretagna aprissero volentieri un secondo fronte antirusso, allora i paesi dell’UE non sono chiaramente pronti per questo, rendendosi conto che questo potrebbe semplicemente far saltare in aria l’intera Europa.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus