"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

BORIS JOHNSON, MINISTRO DEGLI ESTERI BRITANNICO: BARCONI DI AFRICANI VANNO FERMATI IN MARE E RICONDOTTI A RIVA IN LIBIA

LONDRA – Se venisse affidata alla Gran Bretagna – anzichè al governo Renzi – la lotta contro l’invasione dell’Italia di africani che a decine di migliaia vengono trasportati nel Belpaese per 2-3miglia con i barconi che partono dalle coste libiche e per il resto su mezzi della marina italiani e di altri Paesi Ue, con ogni probabilità verrebbe vinta rapidamente.

Infatti, il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, ieri, giovedi’ 15 settembre, si e’ detto a favore dell’idea di “respingere” i barconi di migranti verso la Libia “per impedire che raggiungano l’Italia”, una misura che a suo parere avrebbe un “effetto dissuasivo”.

Di fronte al massiccio arrivo di migranti nella Penisola, “il Regno Unito e’ determinato ad aiutare l’Italia e riconosce che si tratta di un problema europeo”, ha detto Johnson nella conferenza stampa congiunta tenuta al termine del suo incontro a Firenze con il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni. “”Noi stiamo facendo la nostra parte” ha spiegato il capo della diplomazia britannica riferendosi alle due navi, “HMS Diamond” e “HMS Entreprise”, impegnate nella Operazione Sofia “per aiutare a respingere questi barconi”.

“Personalmente – ha aggiunto il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson – penso che dovremmo fermarli il piu’ vicino possibile alla costa libica per impedirgli di raggiungere l’Italia e che l’intera operazione europea debba avere un effetto piu’ dissuasivo”.

il sindaco di Londra
il sindaco di Londra

L’operazione navale europea “Sofia” (ex EUNavforMed) dovrebbe puntare – teoricamente – a lottare contro il traffico di migranti nel mar Mediterraneo, invece è un vero e proprio ponte navale che trasborda in Italia orde immani di africani nessuno o quasi dei quali ha diritto di asilo in Europa, non trattandosi di profughi.

Solo da qualche settimana le forze navali dell’operazione “Sofia” sono state incaricate di formare ed equipaggiare la Guardia costiera libica allo scopo di intercettare le imbarcazioni di migranti prima che raggiungano le acque internazionali.

Gentiloni – ieri a Firenze – alla fine dell’incontro con il ministro Johnson ha ripetuto che la questione deve essere considerata “non come un problema italiano ma come un problema europeo” ed ha anticipato che sara’ affrontata oggi al vertice informale dell’Unione Europea a Bratislava, in Slovacchia.

Ma a Bratilava il governo italiano troverà invece il muro anti invasione innalzato dai quattro stati che formano il Gruppo di Visegrad, capitanati dall’Ungheria di Orban, che hanno annunciato sia il rifiuto totale delle politiche migratorie che vorrebbe imporre la Commissione europea, sia la stessa Commissione europea in quanto tale. Infatti, la loro proposta sarà di una “revisione totale” dei Trattati costitutivi la Ue per circoscrivere e limitare quasi del tutto il ruolo e l’azione della Commissione di euro-burocrati che oggi tiranneggia le nazioni d’Europa senza aver ricevuto alcun mandato dagli elettori per farlo.

Intanto, i dati ufficiali parlano chiaro: dal 2014 l’Italia ha visto sbarcare sulle sue coste oltre 450 mila migranti africani – il 95% dei quali non ha diritto d’asilo – se negli anni scorsi la maggior parte di loro ha proseguito il viaggio verso i paesi del nord dell’Europa, passando illegalmente le fronitere di Francia e Austria, ora la chiusura di fatto delle frontiere ed il fallimento del programma Ue di rilocalizzazione li sta costringendo a rimanere in Italia, per di più mantenuti – per volontà del governo Renzi – a spese degli italiani che pagano le tasse.

Fonte: Il Nord

*

code

  1. stefano 1 anno fa

    Finalmente uno che usa il caro e vecchio buon senso!

    Cari buonisti se volete essere veramente tali fino in fondo andiamo a prenderli sulle coste della Libia con il traghetto. Non dovremmo più sentire la solita solfa del telegiornale, non ci sarebbero più morti e magari potremmo farci pagare anche il biglietto del viaggio, Pensate potremmo svuotare parte dell’ Africa e dell’ Asia sulla nostra povera penisola, dove le donne non vogliono più fare figli, dove ormai siamo tutti vcecchi e dove rischiamo che nessuno ci paghi più la pensione. Penso che in pochi anni si potrebbero spostare 50 milioni di persone di varia etnia colore religione coltura e tradizione.
    Se vi va bene date un cenno di riscontro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Mancioli 1 anno fa

    QUANDO LO DICEVA MARONI ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 1 anno fa

      Maroni che però, da ministro dell’Interno, durante il Berlusca-2, aveva già varato il piano d’ “accoglienza” per 50.000 clandestini, minacciando le Regioni che facevano resistenza ad accettare la loro quota. – Ragion per cui non venitemela a contar su! Era un altro esemplare di italiotuzzo, nient’altro,ma della variante… “padana”! – Il suo meglio, l’hobby musicale! Politicamente, un fesso, che ricordo come naufrago triste disperso sulla prua di una barchetta durante un’alluvione nell’alessandrino, poco prima che lui, e il suo partito (anime belle!) abbandonassero le seggete in Parlamento, perché governava il Berlusca-1. Questa sì che era moralità!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giannetto 1 anno fa

    Tutto chiaro… che il Gentilone fa il finto fesso… e a ragione, italiotuzzi, vi prende per fessi.- La proposta dell’inglese è il solito wihful thinking, per farsi bello gratis. Senza impegno. Una boutade! Una ciarla!. L’Inghilterra è ancor lontana, prima c’è la Francia, poi c’è la Manica di mezzo, saldamente presidiata all’uscita del tunnel. Loro non mandano navette gratis a Calais, dicendo ai baluba “Gradisca!”
    – Se 450.000 negri son sbarcati, nel 2014, nella Budella Stivaluta del Mediterraneo, però il suo popppolo non ha detto, e neppure dice adesso (nel 2016) “ohibò!”, allora è inutile starla a ravanare. Italiotuzzi, siete delle cacche. E’ questa l’incontrovertibile verità.
    – Rinnovo tal quale il mio commento odierno agli “Oligarchi che voglion cacciare l’Ungheria”.
    – La vostra shangri-la, italiotuzzi, è il 5Stelle!- Màppete, vòi mètte! A-n-védi!! Ve dicono puro che so’ … “onesti”! – E voi ci cascate, pantalonazzi, come da predica di pulpito, o da fiera di paese. Il revival di Zampanò! Ah! Ah! – La mia nonna avrebbe commentato “Me vègnen i sciatìt in-t-el vénter” (mi vengono i rospucci in pancia).
    -Come al solito ci sarà una buon’anima che, nel mercato azionario delle vacche, mi mette un (uno di numero) risibile (+), ma questa è la testimonianza che conferma in pieno la mia diagnosi: italiotuzzi = cacche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mardunolbo 1 anno fa

    Ho messo un + al Giannetto “clamans” ma non sono una cacca,nè una checca che manda in vacca ordine e naturalità della vita !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 1 anno fa

      Carissimo, le mie reazioni, anche sgradevoli, non sono mai ad personam, per il semplice fatto che personalmente non conosco le persone con cui colloquio attraverso internet. – Ti dirò di più: credo che molti dei negri che invadono il nostro paese possano essere, personalmente, individui migliori di noi. Il mio furore non è razziale, ma politico, economico, culturale, perché non vedo come un’invasione subitanea di masse ed etnie aliene non possa snaturare la struttura, che già di per sé è abborracciata, del paese Italia. Nè si hanno prospettive per l’immediato futuro di convivenze felici. Spero non dover tornare su sti 2 punti: 1. la mia assoluta estraneità a ideologie razziste… ma pure…2. la mia assoluta implicazione, nel bene e nel male, nella tradizione storica europea.
      – Sono felicissimo che tu non ti senta una cacca, e neppure una checca che manda in vacca la naturalità della vita. Infatti sarebbe questo il massimo dei peccati.- La tua sensibilità mi dice che NON sei un italiotuzzo.
      – Hai notato quante reazioni ci sono al mio indisponente becchettare sull’immigrazione clandestina di massa? – Nessuna, o quasi. Il che dimostra che per gli italiotuzzi (pure quelli alternativi!) sto problema semplicemente NON esiste. Che ti aspettavi? Sono fatti così!

      Rispondi Mi piace Non mi piace