Boris Johnson ha ordinato una inchiesta su Geroge Soros per i suoi finaziamenti alla campagna anti-Brexit


Il governo del Partito conservatore britannico ha avviato un’indagine urgente sul miliardario liberal George Soros, oltre a sostenere che il finanziere globalista ha coinvolto milioni di persone in una campagna per bloccare la Brexit e abbattere il primo ministro britannico Boris Johnson.

Soros, noto in tutto il mondo come “l’uomo che ha rotto la Banca d’Inghilterra”, sta affrontando un’indagine su quasi £ 3 milioni ($ 3,85 milioni) che la sua fondazione ha portato a una campagna anti-Brexit volta a far cadere il Premier Johnson.

I conservatori hanno chiesto un’urgente indagine della Commissione elettorale nell’organizzazione americana Open Society Foundation (OSF) di George Soros. La mossa segue un rapporto di The Mail di domenica che ha scoperto una traccia cartacea che rivela che l’OSF ha incanalato ingenti somme di denaro in una campagna che cerca di bloccare la Brexit alle urne.

La fondazione di Soros con sede a New York ha inviato i soldi al gruppo pro-UE Best for Britain (BfB).

Il finanziamento è stato inviato al gruppo tramite un avamposto di Londra, aggirando il divieto di donazioni straniere a organizzazioni politiche.

Best for Britain (BfB) ha progettato un sito Web che dice alla gente come votare tatticamente per i candidati sostenitori di Remain, che, in caso di successo, cancellerebbe le speranze della maggioranza del signor Johnson, secondo il Mail.

Lo sviluppo arriva dopo che i liberaldemocratici, il partito verde e il plaid Cymru havevano stretto un patto “Unisci per rimanere” per non opporsi in 60 seggi, per dare le migliori possibilità di un candidato rimasto.

BfB si descrive come un “compagno di viaggio” con l’alleanza, che dovrebbe utilizzare i suoi dati.

Moscovici con Soros

Soros, ebreo di nascita e di origine ungherese, ha contribuito a costruire la sua fortuna scommettendo contro la sterlina britannica il Mercoledì Nero nel 1992, causando il panico nel governo di John Major e guadagnandogli la sua notorietà.

Il globalista, sionista Soros afferma che il suo amore per la Gran Bretagna lo ha portato a fare una campagna contro il “tragico errore” di lasciare l’Unione Europea.

Recentemente ha affermato che i fondi che ha dato per l’attività anti-Brexit “non sono stati utilizzati per scopi partigiani o elettorali. Erano destinati a “educare” il pubblico britannico “.

Dal 2017, BfB ha ricevuto 2,7 milioni di sterline (3,47 milioni di dollari) dalla fondazione Soros. Le somme sono state rivelate nei conti della filiale di Londra della fondazione, che condivide un edificio per uffici a Westminster con altre organizzazioni anti-Brexit, tra cui Open Britain e il movimento europeo.

Entrambi questi gruppi hanno svolto un ruolo fondamentale nella campagna di voto popolare per un secondo referendum.

Facebook sembra destinato a essere un campo di battaglia chiave nelle elezioni e BfB ha investito molto nella pubblicità sulla piattaforma, spendendo un totale di £ 613.000 da ottobre 2018.

Solo negli ultimi 30 giorni, BfB ha speso £ 137.000 ($ 176k) in 165 diverse pubblicità sponsorizzate.

Quasi uno su quattro elettori affermava che intendevano votare tatticamente a questa elezione – equivalente a quasi 7,8 milioni di voti, molti dei quali in zone marginali chiave.

Lo strumento di voto tattico di BfB, GetVoting.org, prevede che se il 30 percento degli elettori pro-Remain usasse il proprio voto in questo modo, avrebbe impedito ai conservatori di vincere la maggioranza, sulla base dell’analisi dei seggi su 46.000 persone nel Regno Unito.

Unite To Remain, guidato da Heidi Allen, ex deputato di Tory diventato liberale democratico, afferma che almeno 44 dei 60 seggi sono “altamente vincibili” se si utilizza il voto tattico.

Nelle elezioni del 12 dicembre, la Lib Dems non si era opposta agli altri due partiti nel patto in 43 aree, i Verdi in dieci e Plaid Cymru in sette.

La signora Allen ha affermato che l’accordo tra le parti era “senza precedenti nella moderna storia politica britannica.

“Ieri sera, Andrew Percy, che si candida alla rielezione dei Tories a Brigg e Goole, ha dichiarato:” Chiedo alla Commissione elettorale di indagare urgentemente se si è verificata una violazione delle norme di spesa e di chiarire come se al meglio La Gran Bretagna stia spendendo questi milioni provenienti da oltremare.

“Le regole sono chiare: le donazioni straniere su questa scala non possono essere spese per una campagna elettorale.

“Abbiamo bisogno di condizioni eque e paritarie – e ciò significa garantire che i gruppi radicali che cercano di contrastare la volontà democratica del popolo britannico non fungano da via per il denaro d’oltremare per influenzare le elezioni in questo paese.

La Bonino premiata da George Soros

“Il BfB ha dichiarato ieri sera:” I nostri bilanci sono archiviati in modo appropriato e chiariscono che abbiamo ricevuto denaro dalla Open Society Foundation.

“Durante periodi regolamentati come le elezioni, utilizziamo donazioni consentite nel Regno Unito le attività di campagna regolamentata per rispettare le regole della Commissione elettorale. “Nessun finanziamento da donazioni straniere viene utilizzato per finanziare questo.

George Soros con Gentiloni

“Attendiamo con impazienza la Commissione elettorale a confermare questo caso.

“Dato il danno che un governo Johnson e una forte Brexit potrebbero infliggere al Paese, abbiamo ricevuto un gran numero di donazioni da tutta la Gran Bretagna”.

Nota: Si sapeva che Soros e la sua Open Society finanziano la anti-Brexit e tutte le organizzazioni e movimenti che operano per sradicare gli stati nazionali in vista di un nuovo ordine mondiale che abolisca le frontiere e favorisca le migrazioni dall’Africa in Europa. In Italia ci sono diverse organizzazioni e movimenti che ricevono i finanziamenti da Soros. Si distingue il partito della Bonino,Più Europa” e movimenti globalisti di vario tipo , ONG di varie denominazioni che si dedicano a traghettare i migranti oltre a organizzazioni che finanziano i viaggi e che forniscono assistenza legale agli stessi migranti, una volta sbarcati in Italia. Soros finanzia anche movimenti politici globalisti e pro UE e da ultimo ci sono vari indizi che i movimento delle “sardine” sia niente altro che una nuova filiazione di Soros and company.

https://www.dailymail.co.uk/news/article-7668695/Tories-call-investigation-3million-George-Soros-funnelled-anti-Brexit-campaign.html

Fonte: Mail On Line

Traduzione e nota: Luciano Lago

3 Commenti

  • luciano casprini
    24 Dicembre 2019

    e chiaro che questo individuo ha fatto anche in Italia movimenti per immigrazione libera al fine di sconvolgere l’equilibrio del paese con la complicità di esponenti dcei partiti che più di ogni altro si sono avvicinati ai finanziatori internazionali per l<a reazione dell'ordine mondiale.
    Quello che dispiace che mentre in inghilterra fanno indagini per questa intrusione , in Itakia vi sono i partiti cosigffetti europei che fanno di tutto per rendere L'Italia succube dei desiderata di SOROS

  • Nicholas
    26 Dicembre 2019

    La ruota gira per tutti…… Chi di spada ferisce di spada perisce……. Prima o poi soros……

    • Carmelo
      5 Gennaio 2020

      Grande Boris un mito da imitare non come gli agnellini sinistroti comunisti Italiani

Inserisci un Commento

*

code