Bombardare Gaza e farla finita in fretta, consiglia il rappresentante americano Tim Walberg, sionista evangelico

di Steven Sahiounie

Gaza somiglia già alle conseguenze di un attacco nucleare dopo più di cinque mesi di bombardamenti costanti e intensi da parte di Israele.

Gli ebrei sono strettamente associati alla parola olocausto. La parola è culturalmente legata al popolo ebraico e ricorda un terribile genocidio avvenuto in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale che uccise milioni di persone. Non è stato il primo genocidio dei tempi moderni, quello commesso contro gli armeni e i cristiani siriani nel 1916, e probabilmente non sarà l’ultimo genocidio. Attualmente stiamo osservando il genocidio del 2024 a Gaza.

Allo stesso modo, i giapponesi sono strettamente associati alla parola Hiroshima, ricordando i gemelli attacchi statunitensi su Hiroshima e Nagasaki che trasformarono istantaneamente in cenere circa 100.000 persone e ne uccisero altre migliaia nei giorni successivi, per lo più civili.

Il 25 marzo, il rappresentante statunitense Tim Walberg, repubblicano del Michigan, è intervenuto in una riunione del municipio a Dundee, nel Michigan. Gli è stata posta una domanda sul perché i soldi degli Stati Uniti vengono spesi per costruire un porto per fornire aiuti umanitari alla popolazione di Gaza.

Walberg ha detto : “È la ragione (del presidente) Joe Biden. Non penso che dovremmo farlo. Non credo che nessuno dei nostri aiuti vada a Israele per sostenere il nostro più grande alleato, probabilmente forse nel mondo, per sconfiggere Hamas, e l’Iran, la Russia e probabilmente la Corea del Nord e anche la Cina, che aiutano Hamas. Non dovremmo spendere un centesimo in aiuti umanitari. Dovrebbe essere come Nagasaki e Hiroshima. Fatela finita in fretta.”

Dopo che il video in cui Walberg chiede di bombardare il popolo palestinese di Gaza è diventato virale sui social media, il portavoce di Walberg Mike Rorke ha confermato la validità del video .

Il Council on American-Islamic Relations (CAIR-MI), sezione del Michigan della più grande organizzazione musulmana nazionale per i diritti civili e la difesa dei diritti civili, ha condannato l’appello di Walberg a porre fine agli aiuti umanitari al popolo palestinese a Gaza e a ricorrere invece allo sterminio nucleare della popolazione civile.

I gruppi umanitari e le Nazioni Unite affermano che un porto è necessario perché Israele ha bloccato sette rotte terrestri affinché cibo e medicine possano entrare a Gaza. L’ONU avverte che la carestia è “imminente” a Gaza. La Corte Internazionale di Giustizia la scorsa settimana ha stabilito all’unanimità che Israele deve consentire l’ingresso di aiuti umanitari a Gaza perché “la carestia sta arrivando”.

Gaza sembra aver subito un attacco nucleare

Walberg è il rappresentante del Congresso degli Stati Uniti nel quinto distretto congressuale del Michigan. In precedenza ha rappresentato il 7° distretto dal 2007 al 2009 e dal 2011 al 2023. Essendo il membro di ruolo più longevo del Michigan, Walberg è l’attuale decano della sua delegazione alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Walberg il leader cristiano

Dal 1973 al 1977, Walberg prestò servizio come pastore presso la Grace Fellowship Church di New Haven, Indiana. Ha anche lavorato come pastore e come direttore di divisione per il Moody Bible Institute di Chicago.

Walberg parla spesso della fede che guida la sua politica. Laureato in tre scuole evangeliche : Moody Bible Institute nell’Illinois, Tayler University nell’Indiana e Wheaton College nell’Illinois.

A febbraio, Moody ha pubblicato una citazione di Walberg: “Vivere secondo la mia visione biblica del mondo e non soccombere ad acconsentire in alcun modo, forma o forma a tutto ciò che Dio condanna. … Non posso – con il silenzio o con una dichiarazione diretta – condonare ciò che Dio condanna ”.

In un’intervista con la rivista World, Walberg ha detto: “Tutto mi arriva attraverso il filtro della mia fede . Deve essere così se questa è più di una religione”.

Nell’aprile 2019, un gruppo ebraico dell’Università del Michigan ha ospitato un discorso di Walberg. Walberg ha parlato di come la sua religione guida il suo sostegno a Israele. Ha detto che la ragione principale per cui crede con fervore che gli Stati Uniti debbano sostenere Israele è perché crede che Dio sostenga Israele.

“Ho letto la Torah, ho letto l’intero Antico Testamento”, ha detto Walberg. “Ciò che Dio condanna, io condanno. Chi Dio ama, io lo amerò. Se non lo faccio, sono un peccatore”.

Walberg ha continuato dicendo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha “ chiarezza morale ”.

“L’esperienza più impressionante è stata poter stare con Bibi Netanyahu”, ha detto Walberg . “In sua presenza, capisco molto chiaramente che distingue il bene dal male, il bene dallo sbagliato, il successo dal fallimento .”

Protestano gli studenti dei college e delle università americane

All’indomani dell’attacco israeliano a Gaza, gli studenti universitari americani iniziarono a protestare contro il massacro israeliano di civili innocenti a Gaza. Portavano bandiere palestinesi e cartelli con la scritta “Palestina libera” e “Stop alla guerra”, tra gli altri sentimenti. I giovani americani hanno visto la guerra a Gaza come una questione di giustizia sociale che deve essere risolta, e gli Stati Uniti e altre nazioni hanno chiesto una soluzione a due Stati, in cui palestinesi ed ebrei vivano in libertà “dal fiume al mare”. .

Tuttavia, l’AIPAC, il potente gruppo di pressione israeliano che esercita un enorme potere sul Congresso e sulla Casa Bianca, ha immediatamente avviato una campagna per screditare rettori universitari, professori e studenti etichettandoli come “antisemiti”.

Walberg ha scritto una lettera in ottobre e l’ha firmata insieme ad altri 43 legislatori chiedendo al ministro dell’Istruzione Miguel Cardona di agire nei campus universitari degli Stati Uniti

Walberg e altri hanno identificato le dichiarazioni a sostegno dei palestinesi come “antisemitismo”, quando la libertà per i palestinesi invocata dagli studenti è la stessa della risoluzione delle Nazioni Unite ratificata dagli Stati Uniti e che chiede una soluzione a due Stati, che Netanyahu ha detto non sarà mai consentita in Israele.

Cristiani palestinesi

Le chiese cristiane a Gaza sono state distrutte dalle forze israeliane, inclusa una chiesa battista . Le restanti comunità cristiane sarebbero tra quelle che dovranno affrontare le armi nucleari richieste da Walberg, ex pastore battista.

“Un genocidio è stato normalizzato”, ha detto il reverendo Munther Isaac, pastore della Chiesa evangelica luterana nella città di Betlemme, in Cisgiordania , durante il suo sermone della veglia pasquale del 30 marzo, invocando la fine della guerra a Gaza.

“Come persone di fede, se affermiamo veramente di seguire un Salvatore crocifisso, non potremo mai essere d’accordo con questo. Non dovremmo mai accettare la normalizzazione di un genocidio. Non dovremmo mai essere d’accordo con i bambini che muoiono di fame”, ha detto Isaac.

“Questi sono giorni bui, bui. E in tempi come questo, noi palestinesi guardiamo la croce, ci identifichiamo con la croce e vediamo Gesù che si identifica con noi”, ha aggiunto stando accanto a una croce piantata tra le macerie per rappresentare Gaza. “A Pasqua riviviamo il suo arresto, la tortura e l’esecuzione per mano dell’impero con la complicità dell’ideologia religiosa”.

Chiesa cristiana Gaza Bombardata

Isaac ha detto , parlando ad Al Jazeera da Betlemme in Cisgiordania a Pasqua: “Penso che le restrizioni quest’anno siano decisamente aumentate. Anche noi qui a Betlemme – e Gerusalemme è letteralmente a 20 minuti da qui – non abbiamo accesso”.

Sionismo

L’opinione espressa pubblicamente da Walberg era piena di odio e razzismo. Potrebbe essere riuscito a farla franca con il suo bigotto discorso d’odio; tuttavia, è un ex leader cristiano e, a quanto si dice, dipende dalla sua fede come fattore guida nella sua vita e nel servizio pubblico.

Come ha fatto Walburg a professare la fede cristiana, suggerendo una rapida fine alla guerra israeliana a Gaza utilizzando bombe nucleari?

Walburg è un sionista. Il sionismo è un’ideologia politica fascista che si nasconde dietro la religione. Non tutti gli ebrei sono sionisti, e non tutti i cristiani sono sionisti, ma molti lo sono. Se gli ebrei seguono il loro principio religioso, “non fare del male”, e i cristiani vivono il loro principio religioso, “ama il tuo prossimo come te stesso”, allora bombardare Gaza non ha posto in nessuna delle due fedi.

Il fascismo è un dogma politico meglio descritto come “o sei con me o contro di me”. Il partito nazista tedesco era un’ideologia politica fascista. Il sionismo chiede lo Stato ebraico di Israele e l’espulsione dei palestinesi, poiché essi non hanno alcun diritto legale sulla terra dei loro antenati, e nemmeno sulla terra che attualmente possiedono legalmente. I sionisti vogliono che i palestinesi se ne vadano per loro scelta, o per deportazione, o per morte.

Il sionismo ignora il diritto internazionale e gli insegnamenti religiosi dell’umanità e il valore della vita umana.

Giappone

Walberg ha chiesto che Gaza riceva il trattamento per Hiroshima. Se chiedi ai giapponesi di Nagasaki e Hiroshima ti racconteranno una storia molto diversa da quella raccontata nei libri di testo scolastici statunitensi, perché hanno subito morti e distruzioni di massa, mentre nessun americano ha perso la vita nell’attacco.

‘Oppenheimer’, il film americano, è stato finalmente presentato in anteprima in Giappone otto mesi dopo la sua uscita, con un ritardo deliberato a causa della delicatezza del tema di Hiroshima e Nagasaki. Il film premio Oscar ha suscitato negli spettatori giapponesi reazioni contrastanti e altamente emotive.

L’ex sindaco di Hiroshima Takashi Hiraoka ha affermato: “Dal punto di vista di Hiroshima, l’orrore delle armi nucleari non è stato sufficientemente rappresentato”, ha affermato dai media giapponesi. “Il film è stato realizzato in modo da convalidare la conclusione che la bomba atomica è stata utilizzata per salvare la vita degli americani.”

Kamikawa Yoko, il ministro degli Esteri giapponese, ha detto il 2 aprile al primo ministro palestinese, Mohammad Mustafa, che il Giappone riprenderà a finanziare l’UNRWA , la più grande agenzia alimentare e umanitaria che consegna a Gaza.

Il governo giapponese ha sospeso i finanziamenti all’UNRWA a gennaio in seguito alle accuse israeliane secondo cui alcuni membri dello staff dell’UNRWA erano coinvolti nell’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

Kamikawa ha detto che il Giappone fornirà anche servizi medici ai palestinesi nei paesi vicini e prevede di offrire aiuti umanitari alle donne e ai bambini a Gaza.

Complicità degli Stati Uniti nel genocidio di Gaza

Il 19 marzo, il Congresso degli Stati Uniti e l’amministrazione Biden hanno raggiunto un accordo su un massiccio disegno di legge che finanzia l’esercito, tra gli altri programmi governativi. Il disegno di legge continuerà a vietare i finanziamenti statunitensi all’UNRWA fino a marzo 2025.

Biden aveva detto a gennaio che avrebbe temporaneamente sospeso i finanziamenti all’UNRWA sulla base dell’accusa israeliana secondo cui 12 lavoratori interinali su 13.000 a Gaza avevano partecipato all’attacco di Hamas del 7 ottobre, che uccise più di 1.100 israeliani.

Gaza somiglia già alle conseguenze di un attacco nucleare dopo più di cinque mesi di bombardamenti costanti e intensi da parte di Israele, che ha ucciso più di 32.700 persone a Gaza, tra cui più di 13.000 bambini.


Steven SAHIOUNIE
Steven Sahiounie è un pluripremiato giornalista siriano-americano con sede in Siria. È specializzato sul Medio Oriente. È apparso anche in TV e alla radio in Canada, Russia, Iran, Siria, Cina, Libano e Stati Uniti.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “Bombardare Gaza e farla finita in fretta, consiglia il rappresentante americano Tim Walberg, sionista evangelico

  1. Ma cosa mi tocca sentire…..Ho un’idea! Invece di Gaza….Perché non bombardare Israele?….così la si fa davvero finita una volta per tutte!?

  2. Gli ebrei si possono associare alla parola olocausto perché sono loro che lo fanno, a Gaza e in futuro anche la Cisgiordania sarà a rischio …

    Cari saluti

  3. Bene così. Che questi vergognosi e luridi personaggi spargano il loro verbo del male per il mondo. Più persone ci saranno ad odiarli, anche nella stessa america, più i naziUsa ed i loro compari sionisti si scavano la fossa con le loro stesse mani. L’ egemone crollerà.

  4. Io penso che soggetti come Walburg che si nascondono dietro la religione per dire cose oscene che offendono le orecchie di chi ha un minimo di sentimento umano e raziocinio
    sono per l’umanità il male assoluto visto il posto di rilievo che occupano.

  5. Questo Walberg sarebbe cristiano e insieme anche sionista oltranzista ! Ha conseguito ben 3 lauree in scuole evangeliche ? Accidenti ! Si vede che in USA ci si può laureare in fanatismo delirante ! Ormai negli USA gli psicopatici spuntano fuori come funghi dopo la pioggia ! Atomiche su Gaza ? Le uniche cose che devono essere “nuclearizzate” sono Washington, Londra e Tel Aviv !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM