Bolsonaro e l’evangelismo brasiliano al servizio di Trump e di Israele

Alfredo Jalife-Rahme

Una delle conseguenze geopolitiche del trionfo dell’evangelico Jair Messias Bolsonaro è la creazione di un asse emisferico con il presbiterianmo presidente statunitense Donald Trump e con il primo ministro israeliano, Benjamín Netanyahu, cosa che si rifletterà con l’allontanamento del Brasile dalla Cina e la probabile uscita dal BRICS e dal MERCOSUR.
La democrazia praticata in Occidente, in particolare in Latinoamerica, per causa dei grandi scandali e della corruzione, propende a far votare piuttosto contro che a favore di un candidato. Questo è un fatto noto nei due principali paesi del Latinoamerica, Messico e Brasile, dove i votanti si sono pronunciati per un severo castigo: nel primo caso contro i due partiti di governo del PRI e del PAN, e nel secondo caso contro il PT (il partito di Lula).

Non si può sottostimare l’appartenenza di Bolsonaro al molto rispettabile credo evangelico (eresia pseudo cristiana professata da circa il 22% della popolazione) di fronte al 65% dei cattolici.
Più in là del suo secondo battesimo nelle acque del fiume Giordano, oggi sotto occupazione israeliana, nella sua apparizione immediata in Televisione dopo il suo trionfo, Bolsonaro ha stretto le mani della sua equipe di collaboratori nella campagna elettorale ed ha chiuso gli occhi per pregare.

Il giornale El Pais, collegato con gli interessi dello screditato George Soros, commenta che il credo evangelico “è diventato elettoralemte il più vantaggioso che esista in Brasile”: oggi, oltre al devoto presidente, lo ostentano 91 dei 513 deputati del Congresso. Tra i 30 partiti in cui è frammentato il Congresso, la coesione parlamentare degli evangelici sarà determinante.

Le persone comuni e gli evangelici hanno dato la vittoria trionfale a Bolsonaro, mentre le donne ed i cattolici propendevano per il suo concorrente, Fernando Haddad. José Wellington Bezerra, presidente della Assemblea degli Evangelici, ha affermato che “Bolsonaro è l’unico candidato che parla sulla base della lingua evangelica”.
Il Vescovo evangelico Edir Macedo, che dirige la Chiesa Universale del regno di Dio (una setta eretica per la religione cattolica), possiede la catena televisiva RecordTV che è divenuta la portavoce ufficiale di Bolsonaro.

L’autore cileno Miguel Torres ha commentato “il pericolo delle chiese evangeliche nella politica latinoamericana” che praticamente equipara con il neoliberismo, il quale può essere molto polemico e a mio giudizio, è molto più profondo quando i legami dell’evangelico Bolsonaro con Israele ripetono il fenomeno della Santa Alleanza tra un settore e una setta dei fondamentalisti evangelici degli USA che si sono alleati con i precetti suprematisti e dell’apartheid di israele che ostentano i denominati “cristiani sionisti”.

Sostenitori di Bolsonaro

Cosa si può sperare dalla politica estera brasiliana dopo l’elezione di Bolsonaro?

Ha iniziato a prendere forma lo scenario precedentemente preconizzato, più l’insolito mix del futuro gabinetto Bolsonaro, grande ammiratore di Trump, e la sua  equipe  militare  con la presenza del suo futuro super-ministro dell’economia Paulo Guedes: un devoto praticante del ‘pinochetismo neoliberista ‘, sia per la sua conversione come’ ragazzo di Chicago ‘sotto gli auspici di Milton Friedman e per la sua cattedra di docenza quando era  rimasto in Cile durante la dittatura militare di Pinochet.

Mentre la borsa di San Paolo, la più grande dell’America Latina, è aumentata drasticamente e la valuta brasiliana è stata rivalutata oltre l’11%, la BBC di Londra ha commentato che Guedes “è chiamato a essere il prossimo uomo forte” del governo e “avrà” la sua disposizione gli incarichi del Ministero del Tesoro, della Pianificazione, dell’Industria e del Commercio “, così come il ministero che oggi è responsabile delle concessioni e delle privatizzazioni.

Il mix di ‘pinochetismo neoliberista’ con protezionismo trumpiano di Bolsonaro, con il denominatore comune dell’ipermilitarismo, ha le sue implicazioni: si tratta di un micro-neoliberismo domestico combinato con un macro-protezionismo esterno.

Per il momento, Guedes ha attaccato il Mercosur, che considera “molto restrittivo”. A mio avviso, non è lontano il giorno in cui, per solidarietà con Trump, anche lui devoto presbiteriano evangelico, romperà con i BRIS per andare a unirsi agli schemi commerciali del trumpismo militarizzato come la devitalizzata alleanza del Pacifico con Messico, Colombia, Perù e Cile.

In un’intervista con giornale para fascista Israel Hayom , che appartiene al proprietario dei casinò di Las Vegas, l’ultra sionista talmudico, Sheldon Adelson, grande alleato di Trump e finanziatore del Partito Repubblicano negli Stati Uniti e del Likud Party di Netanyahu, Bolsonaro ha stabilito che “Israele ha il diritto sovrano di decidere quale sia la sua capitale “e ha confermato il trasferimento dell’ambasciata brasiliana da Tel Aviv a Gerusalemme, seguendo le orme di Trump e del Guatemala ha anche promesso che il suo” appoggio ad Israele nelle sedi internazionali”.

Il giudice controverso Sergio Moro -formato ad Harvard, responsabile delle operazioni Lava Jato anticorruzione e che ha imprigionato Lula- ha accettato la sua designzione come super-ministero della Giustizia e di Pubblica Sicurezza di Bolsonaro,

Bolsonaro fra i militari

Moro, descritto come un “eroe dell’anti-petismo”, è arrivato a pubblicare documenti sotto segreto giudiziario e oggi avrà ” delle competenze aggiunte “. Secondo il suo profilo militante, il giudice ha annunciato che attuerà “una forte agenda anticorruzione e anti-crimine”. Moro disdegna le sue precedenti dichiarazioni quando si era rifiutato di partecipare alla politica. I sostenitori di Lula imprigionato definiscono la nomina di Moro come la chiusura del cerchio di un “colpo di stato giudiziario, legislativo e militare” contro il PT.

Secondo alcuni analisti, l’imprigionamento di Lula e la cacciata dell’ex presidente Dilma Rousseff incorniciano il grande potere che ha acquisito la magistratura, quando i pubblici ministeri e giudici, con la mano sulla cintura, hanno arrestato centinaia di ministri, governatori, deputati e senatori il pretesto di combattere la corruzione epidemica quando lo stesso presidente uscente, Michel Temer, è stato denunciato per corruzione dinanzi al procuratore generale.

Il quotidiano britannico Financial Times ha affermato che “Jair Bolsonaro sta per sconvolgere radicalmente la politica estera brasiliana” e che “cercherà di imitare la maggior parte del programma del suo” grande alleato Donald Trump”.

Bolsonaro non nasconde che Trump è il suo “esempio” e che avrebbe imitato “gran parte del suo programma nazionalista”.

Al di là del previsto giro di vite contro il governo di Maduro in Venezuela -in combinazione con Trump e il presidente colombiano Duque e, negli ultimi 30 giorni che gli rimangono, del cancelliere messicano pro-Trump, Luis Videgaray- e del trasferimento dell’ambasciata da Tel Aviv Gerusalemme, si aspetta il suo ritiro, a imitazione di Trump sia dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite sia dall’accordo sui cambiamenti climatici a Parigi.

Secondo il Financial Times, tale “‘isolazionismo” di “Brasile in precedenza,” combinato con “l’ammirazione di Bolsonaro per Trump è un netto contrasto con la politica estera tradizionale brasiliana che aveva cercato di creare un mondo multipolare in alleanza con le altre principali economie emergenti, spesso in opposizione agli Stati Uniti. ”

Il Financial Times riferisce che Bolsonaro si schiererà con Trump nella disputa venezuelana “forse per difendere l’applicazione delle sanzioni economiche contro il governo di Maduro”.

Niente di meno che Luiz Philippe d’Orléans e Bragança, discendente dell’imperatore Dom Pedro, l’ex monarca del Brasile, che è un candidato forte per il leggendario Ministero degli Esteri, ha illustrato il percorso futuro della politica estera Bolsonaro: “Il Brasile è aperto agli affari, ma chiuso per essere influenzato dall’esterno. Dobbiamo chiudere con l’influenza delle Nazioni Unite, della Cina e dei grandi blocchi negoziali come l’Unione Europea che hanno programmi per il Brasile “.

Trump, capo militare del Nord America, e Bolsonaro, nuovo capo militare del Sud-combinato con l’adesione dellargentino’ Macri , del cileno Piñera e del Duque colombiano, senza contare il gaudio dell’ estrema destra pseudo fascista in Messico che inizia già a muovere le sue carte per tornare al potere – cambieranno drammaticamente la geopolitica del neo-dottrina Monroe militarizzata in tutto il continente americano.

Fonte: Alfredo Jalife Rahme

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti

  • robyt
    5 novembre 2018

    “Non si può sottostimare l’appartenenza di Bolsonaro al molto rispettabile credo evangelico”, su questo punto, wikipedia.en dice che Bolsonaro fa parte della chiesa Cattolica, seppur moglie e figli siano nella setta “evangelica battista” (e già questo non è una cosa normale per un Cattolico…). Ultimamente questo termine “evangelismo” è stato molto utilizzato dai media e dal mondo della informazione, ma senza un senso nella nostra lingua. Si dice che le sette evangeliche siano favorevole alla politica Israeliana, che abbia appoggiato Trump (sempre su wikipedia Trump sarebbe invece un “presbitero”) e Bolsonaro (quanto entrambi siano poi religiosi non saprei proprio quantificare, anche se così a prima impressione direi tendente a 0). Detto ciò, a cosa corrisponde la cosiddetta setta evangelica ? Questo termine viene oggi utilizzato per descrivere diverse sette protestanti, maggiormente residenti in america. Ma in realtà non c’è una vera distinzione con altre sette protestanti sempre americane, l’unica cosa in comune che io vedo è in chiave politica, quindi una sorta di movimento interculturale spirituale con pochi punti in comune. Dal punto di vista del credo religioso e della dottrina, tutte le diverse sette protestanti hanno pochissime cose in comune, in quanto ognuno crede in alcune cose ed altri in altre. In america le diverse sette protestanti sono divise in 3 tronconi principali:
    1) Mainline (liberal progressist / modernist, in some case support gay marriage)
    – United Methodist Church
    – Presbyterian Church
    – Evangelical Lutheran Church in America
    – United Church of Christ
    – Episcopal Church in America
    2) Evangelical (politically conservative)
    – Southern Baptist Convention
    – Lutheran Church – Missouri Synod
    – Most Reformed Chruchres
    – Most Independent or “non-denominational” churches
    – Most Charismatic Churches
    3) Reformed (Calvinist)
    – Presbyterian Church in America
    – Orthodox Presbyterian Church
    – Associate Reformed Presbyterian Church
    – United Reformed Churched in North America
    – Reformed Baptist

    Poi ci sarebbero in realtà anche:
    4) Anabaptist
    – Amish
    – Mennonites
    – Hutterites
    – Brethern
    5) African american denominations
    – African Methodist
    – Christian Methodist
    – Church of God in Christ
    – National Baptist Convention
    – National Missionary Baptist Convention
    6) Non denominational
    – senza denominazione / affiliazione a una chiesa principale

    • gino
      5 novembre 2018

      sabato bolsonaro ha partecipato al culto presso la chiesa battista.
      tutte te chiese protestanti hanno sede in USA, spesso furono finanziate e addirittura inventate da industriali USA (vedi i kellog e la chiesa avventista).
      teologicamente parlando sono più vicine all’ebraismo che al cattolicesimo. geopoliticamente parlando sono la testa di ponte dell’imperialismo USA in sudamerica e in africa.

      • robyt
        5 novembre 2018

        “teologicamente parlando sono più vicine all’ebraismo”. Allora, su questo punto non credo, al massimo azzarderei a dire che ci sono “predicatori” che appoggiano la politica Israeliana. Poi su quanto le diverse sette protestanti siano teologicamente lontane dalla chiesa Cattolica se ne può discutere all’infinito, partendo dal fatto che le 95 tesi di Lutero sono nate proprio come una condanna alla chiesa di Roma e tutt’ora oggi alcuni continuano a fare sermoni contro i Cattolici, seppur ormai loro siano totalmente staccati da diversi secoli e la chiesa del preconcilio di Trento (quella contro cui ce l’aveva Lutero ma anche tanti altri) non esiste praticamente più. Le sette battiste tecnicamente sono una costola dell’anglicanesimo, quindi non necessariamente protestante alle origini, però in america vengono cmq annoverati tra le varie denominazioni protestanti e si trovano in ambi i tronconi.

        • gino
          5 novembre 2018

          1) è riduttivo definire “sette” una religione che in brasile ha 50 milioni di fedeli
          2) li conosco bene e ti assicuro che ai cattolici li definiscono “pagani” (e hanno ragione… ma per me è un complimento), li detestano e in brasile i cattolici sono in sincretismo piuttosto con le religioni africane.
          la vicinanza con l’ebraismo (e con l’islam) sta nella “purezza” del concetto di divinità, ristretto a 1-2-3 persone, mentre il cattolicesimo nella pratica è un paganesimo in quanto la divinità è diluita in una marea di figure (madonne, santi, angeli, beati). per questo il cattolicesimo è teologicamente “democratico” mentre protestantesimo, ebraismo e islam sono oligarchici o “monarchici”.
          3) in brasile è l’organizzazione stessa di queste chiese ad essere filoamericana. sono padrone di 3 tv nazionali su 4 e hanno fatto una campagna elettorale chiaramente orientata.

          • robyt
            6 novembre 2018

            ma c’è una sola organizzazione o si tratta proprio di quella “evangelica battista” della moglie e figli di bolsonaro ?

          • gino
            6 novembre 2018

            le denominazioni sono molteplici, ma l’orientazione politica è la stessa

    • gino
      5 novembre 2018

      …sabato bolsonaro ha partecipato al culto presso la chiesa battista.
      tutte te chiese protestanti hanno sede in USA, spesso furono finanziate e addirittura inventate da industriali USA (vedi i kellog e la chiesa avventista).
      teologicamente parlando sono più vicine all’ebraismo che al cattolicesimo. geopoliticamente parlando sono la testa di ponte dell’imperialismo USA in sudamerica e in africa.

  • atlas
    5 novembre 2018

    esistono migliaia di filosofie create al fine di appagare naturali necessità spirituali, soprattutto di chi ha la mente disturbata dalla violenza del sistema democratico e pretende di giocare col Dio. Apprezzo i commenti di robyt

    ma la Religione, quella vera, è un’altra cosa. Con l’Islam non si scherza

  • Max Tuanton
    6 novembre 2018

    Su ” veritas vincit blog ” ci stanno I figli di bolsonaro che indossano T-shirts del Mossad e del l’esercito Israeliano

Inserisci un Commento

*

code