"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Bologna, azione squadristica dei collettivi: “Annullato un dibattito sulla Siria’”.

BOLOGNA –Se non sei conforme al pensiero unico della sinistra mondialista e filo USA, non ti è concesso di parlare. Così a Bologna dove era previsto un dibattito sulla Siria organizzato da Azione Universitaria.

Blitz dei collettivi nella facoltà di Giurisprudenza a Bologna per chiedere l’annullamento del dibattito sulla guerra in Siria organizzato dagli studenti di destra di Azione universitaria in programma alle 17 in facoltà (via Zamboni 22) nella sala delle Armi. Il collettivo Hobo stamattina ha ‘occupato’ la presidenza‘, annunciando sulla propria pagina Facebook che gli attivisti sarebbero rimasti lì finché il dibattito non fosse stato annullato, invitando tutti a ritrovarsi alle 16 in piazza Verdi per protestare contro l’iniziativa di Azione universitaria.
Il Collettivo universitario autonomo (Cua), invece, questa mattina si è sistemato in presidio davanti alla sala che avrebbe dovuto ospitare il dibattito.

INCONTRO ANNULLATO E FACOLTA’ CHIUSA PER EVITARE ‘SITUAZIONI DI PERICOLO
E alla fine l’incontro è stato annullato. Di più: la facoltà di Giurisprudenza ha chiuso i battenti, annunciando che a partire dalle 14 “ogni attività didattica e seminariale” è sospesa. Lo hanno annunciato la presidente della Scuola di Giurisprudenza, Nicoletta Sarti, e il direttore del dipartimento di Scienze Giuridiche, Giovanni Luchetti, spiegando di aver deciso la chiusura della sede di via Zamboni 22 per “evitare che una situazione già molto tesa” a causa delle proteste dei collettivi Cua e Hobo contro il dibattito poi annullato “sfoci in situazioni di pericolo per gli studenti, i docenti e il personale tecnico e amministrativo“. (Dire.it)
—————————————————————————————————–
ECCO IL COMMENTO DI SEBASTIANO CAPUTO, REPORTER E GIORNALISTA IN VARIE ZONE DI GUERRA TRA CUI LA SIRIA,SUI FATTI DI BOLOGNA,DOVE UN BRANCO DI PREPOTENTI IGNORANTI HA IMPEDITO LA SUA CONFERENZA.
CERCHEREMO IN FUTURO DI OSPITARLO PRESSO IL NOSTRO CIRCOLO, “LA TERRA DEI PADRI DI MODENA”, UN OASI DI LIBERTA’ E DI PENSIERO NON CONFORME A CUI NESSUN SEDICENTE ANTAGONISTA PUO’ DETTARE ORDINI! (FABIO De MAIO)

Una giornata surreale. Ero stato invitato da un’associazione studentesca per intervenire sul tema della guerra in Siria all’università di Bologna. Improvvisamente, stamattina, diversi collettivi hanno alzato le barricate occupando l’aula in cui doveva svolgersi la conferenza convincendo alla fine il Rettore ad annullare l’incontro. L’argomento di questi individui?
“Se si deve parlare di Siria si deve parlare della rivoluzione in Rojava”.

Arrivato a Bologna ho chiesto agli organizzatori di accompagnarmi fuori dall’università per vedere coi miei occhi questi “squadristi della subcultura” col rischio di farmi linciare, io, un giornalista sottopagato che fa con passione un mestiere in via d’estinzione, quello del reporter in zone poco raccomandabili, accusato di essere un sostenitore del “fascista” Bashar al Assad. Dopo essere stato ad Aleppo nel momento più caldo della guerra, coi cecchini disseminati in tutta la città e i bombardamenti a pochi metri di distanza, posso avere paura di giovanotti che non hanno mai lavorato un giorno della loro vita?

Senastiano caputo

Piccoli occidentalisti borghesi, a differenza vostra che impedite il dibattito, vi rispondo con gli argomenti di chi è stato davvero in quei luoghi senza farne una battaglia ideologica (con categorie politiche occidentali!). 1. Il partito comunista siriano è alleato con Assad, io ho intervistato il segretario a Damasco, mentre tu sventolavi bandiere con la falce e il martello fuori dall’università. 2. In alcune zone l’esercito siriano collabora con i combattenti curdi contro i gruppi jihadisti. 3. Il Rojava, che idealizzi esoticamente ma non sai che è conteso da diversi clan, non vuole essere indipendente bensì una regione autonoma all’interno della nazione siriana. 4. Per non parlare delle basi americane sul territorio costruite dopo lo scoppio della guerra.

Ps: abbiamo fatto lo stesso il nostro incontro in una sala trovata all’ultimo ed eravamo una quarantina. Tutte persone curiose, educate e appassionate. Tre caratteristiche rivoluzionarie in questa epoca di arroganti e narcisisti.
SEBASTIANO CAPUTO

*

code

  1. animaligebbia 2 settimane fa

    La mamma dei cretini e’ sempre incinta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 2 settimane fa

      E in parecchi la ingravidano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. PieroValleregia 2 settimane fa

      … anche perchè questa mamma è, come dire, un po di “larghe vedute”, modo elegante di mia madre per definire una puttana che, ignoro se sia “ottimista e di sinistra” come cantava Lucio Dalla diversi anni fa;
      Signore e signori, di cosa vi stupite ? loro sono “antifa”, pro gender, no-borders e tutto il resto di caravan serraglio radical chic e, pur essendo (o in quanto tali) “adorano” pure, “el papa”
      @Animaligebbia: le porgo i saluti di Giorgio …
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 2 settimane fa

        e pur essendo atei (scusate mi era sfuggito)
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Citodacal 2 settimane fa

          Pur essendo atei, mostrano un fideismo pseudo-religioso che non spartisce nulla di reale né con la fede, né con la ragione.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Annibale55 2 settimane fa

    Eccoli là i fascisti di sx …FORZA SIRIA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gino 2 settimane fa

    ancora nel 91 gli “autonomi” (e anch’io) occupavano scuole e strade per protestare contro l’azione americana in iraq… ora sti schifosi non sono altro che schiavetti piddini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 2 settimane fa

      Chi si ricorda delle falangi usate da de magistris per impedire a Salvini di parlare a Napoli?.Un mio conoscente,30 anni all’antiterrorismo,ora in pensione,un giorno chiacchierando mi dice : “Sai perche’ i centri sociali sono intoccabili? perche’ i capi lavorano con noi e per noi,quante manifestazioni ho visto infiltrare da questi figli di papa’ per renderle violente e mandare tutto in vacca.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gino 2 settimane fa

        eh, pure io ho amicizie “nel settore” che mi raccontano cose simili…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eugenio Orso 2 settimane fa

    Finalmente sappiamo, senza più ombra di dubbio, a cosa servono i “collettivi” sinistroidi, fatti di lobotomizzati, pacifinti e drogati.
    Sono i cani da guardia, nelle città, della globalizzazione neoliberiste, i locali lanzichenecchi delle élite finanziarie dominati, i bravacci di Soros, JP Morgan e Goldman Sachs …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo 2 settimane fa

    I lobotomizzati ratti dei collettivi sinistroidi, hanno scoperto che esiste la striscia di terra siriana chiamata Rojava, abitata dall’etnia curda sunnita, convertitasi al matriarcato e alle teorie ecologiste di vendoliana memoria, che però a loro gliele insegna il (ex?) terrorista Ocalan assurto a paladino dei diritti umani al servizio dei neoliberisti americani ed europei che con questi “utili idioti” intendono continuare la loro sporca guerra, la dove i loro alleati del Daesh hanno fallito, a danno dell’intero popolo sirano.
    Dunque, Nulla di strano che i ratti, di cui sopra sollevino la questione “Rojava” come prioritaria e anti Assad, nei loro dibattiti (e negli altrui dibattiti) sulla Siria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tania 2 settimane fa

    Una volta credevo nella sinistra, e conseguentemente odiavo quelli di destra, ma mi ricordo un giorno, un giorno davvero particolare, avevo 17 anni e dalla fermata dell’autobus a casa c’era un bel pezzo di strada da fare a piedi, e io mi immergevo totalmente nei miei pensieri, proprio il mondo attorno a me spariva, e pensavo di essere intelligentissima, anzi, la più intelligente dell’intero Universo, ma non con superbia, anzi, mestamente direi… era come constatare una cosa che nemmeno ti interessa più di tanto, e pensavo agli uomini, al comunismo, ai grandi ideali, e all’improvviso mi prende questa cosa stranissima, mi chiedo “ma se saremo tutti comunisti e quelli che non lo sono dovranno sottostare alle nostre regole saranno infelicissimi” e una tristezza infinita, una pena indicibile mi prese per queste persone infelici, allora decisi che il giorno che al primo sentore il comunismo avesse trionfato io avrei votato per gli altri. Una forma come un altra di vigliaccheria, lo so, che sarebbe meglio votare per quello a cui credi senza fare poi diventare un mostro il tuo partito, rimanendo puliti dentro e incidendo sui tuoi compagni.
    Questa cosa fatta dai collettivi è inaccettabile, lo dice una comunista vera.
    Mio marito lo dice sempre, il prototipo del fascista lo trovi ovunque.
    Perché il vero fascista è : o fai quello che dice lui o fai quello che dice lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      -1, mi sembrava di aver detto una cosa così carina.
      Scusate la mia leggerezza insostenibile dell’essere, tra discorsi così seriosi, ma ci stanno, eccome se ci stanno, peccato che parliamo parliamo e niente cambia mai dal tempo di Adamo ed Eva.
      Oggi mi chiedevo, e se nel mondo mettessimo tutti i sistemi assieme? Liberi…
      Comunismocapitalismofascismo, ma in piena vera democrazia, cioè l’imprenditore che applica il socialismo, l’altro il lavoro precario, l’altro che frusta i suoi dipendenti, uno che vuole dirigenti in gamba, l’altro che vuole dirigenti solo in grado di massacrare le maestranze, l’imprenditore che si confronta con i sindacati, quello che non li vuole, le maestranze che si appoggiano ai sindacati e quelle che li detestano, chi sarebbe/ro i più gettonati del sistema?
      Cioè, di cosa abbiamo veramente bisogno per essere felici, perché cercare di essere felici è il bisogno primo dell’essere umano, no? La grande massa, quindi democraticamente, cosa e chi sceglierebbe?
      Sarebbe bello ci fosse questa possibilità di poter scegliere ognuno come gli va, a chi non andrebbe bene questo? Ai megaricchi, alle teste incoronate, ai mafiosi, al papa, ai sionisti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tania 2 settimane fa

      Ma anche alla Boldrini, Grasso, Gentiloni, Lorenzin, Orfini, Cirinnà, che prendo no rimborsi per le spese di soggiorno a Roma abitando a Roma… e anche un rimborso per andare in aeroporto e prendere l’aereo per andare a Roma a Montecitorio abitando a Roma…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 2 settimane fa

        70 romani che ci costano 4 e passa MILIONI di euro che buttiamo dalla finestra, peggio, nelle tasche di questa feccia parassita!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Sergio 2 settimane fa

    Piddioti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. animaligebbia 2 settimane fa

    Grazie,ricambio,e spero che ci segua ancora e commenti ancora,”da esterno”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Werner 2 settimane fa

    Bisogna fare pulizia di questa feccia sinistrosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Tania 2 settimane fa

    Quelli di “sinistra” sono diventati le stampelle, i pilastri, degli stessi che hanno sempre combattuto, e solo perché molto intelligentemente il potere ha capito che gli conveniva di gran lunga mettere su questi e farseli “amici”, che un amico è un verme se ti tradisce.
    E’ poi bastato poco, come per tutto, sfruttare tutto e tutti come ha sempre fatto, ora come ora mi vengono in mente i jeans che noi portavamo rotti perché non avevamo le lire per comprarli nuovi, oggi costano moltissimo, davvero ogni manifestazione umana il potere la fa sua per farci profitto, è libero da preconcetti, bada al sodo, i soldi, che gli permettono di controllare gli umani, senza i quali sarebbe fuffa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Tania 2 settimane fa

    Il mondo in finta confusione….
    Assad è un dittatore fascista appoggiato da un comunista, Putin, che non è un comunista, ma solo il capo di un immenso paese ex comunista e oggi capitalista con reminiscenze(meno male per i russi) dell’ex sistema, grande identità di nazione, di popolo, Assad attaccato da un paese democratic_fascista/ monarchico/imperialista/sionista, e questa altrettanto feccia sarebbero i “buoni”.
    La nouevelle cuisine…
    Rimane che Assad ha la faccia onesta, davvero sembra una persona onesta sia nel muoversi che nel parlare, a me piace, a pelle. Quando si dice “mi sembra una brava persona”, mi ricorda Vito, che ci posso fare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      E Putin per me è un mito…
      Lo ammiro in maniera cosmica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. XL 2 settimane fa

    “Perciò ovunque si vede, non si sa se con più meraviglia o ilarità, la guardia rossa far la guardia al tempio di mammona”
    (Silvio Gesell, “Sistema economico a misura d’uomo”, 1917)

    “La sinistra fa sempre il gioco del grande capitale; a volte perfino senza saperlo”
    (Oswald Spengler, “Il tramonto dell’occidente”, 1922)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. andrea carancini 2 settimane fa

    Complimenti a Sebastiano Caputo per la sua testimonianza e vergogna agli ignorantoni della Facoltà di Giurisprudenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Paolo 2 settimane fa

    Se i collettivi “nostrani” sono di sinistra, io sono Che Guevara.
    Ma guardateli, manco sanno che il Ba’th siriano è l’ultimo baluardo socialista nel Medio Oriente!
    Forse lo sanno, ma sono pagati per ignorare la verità.
    Poveretti mi fanno solo pena. Andate pure coi democristiani e i buonisti radical chic, ve li meritate!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Renè 2 settimane fa

    Il Sig Caputo zittito dai compagni, si difende facendo intendere che lui è un vero compagno e/o rispettoso dei comunisti, che va ad intervistare un verme comunista in Siria invece di sventolare bandiere rosse a Bologna.
    Leccare il c… alla fallimentare quanto marcia ideologia comunista, per difendersi dalle aggressioni dei comunisti è lisergico: i compagni vanno sfottuti ad oltranza, sono solo dei patetici servi ed il comunismo è la demente dittatura dei burocrati, non meritano alcun rispetto, solo schifo, irrisione e sbeffeggio.
    Ma veniamo allo sfottò: il partito di Assad è NazionalSocialista… “nazista” ed il divertente sta proprio qui, infatti Kursciov affermò che i partiti Nazisti Baath erano PROGRESSISTI e tutti i pecoroni di sinistra digerirono istantaneamente il “contrordine compagni” il Partito ordinava che d’ora in poi i NAZISTI (nordafricani) erano BUONI e così fu.
    Oggi forse Assad è tornato ad essere “fascista” ma la cosa esilarante è la totale assenza di cervello che affligge il popolo di sinistra, il Partito ordina, contrordina, riordina… e loro eseguono senza fiatare, senza porsi una domanda, è per questo vanno sfottuti, presi in giro, derisi, irrisi, sbeffeggiati…
    Tra i compagnisti dei centrisociali ci sono anche parecchi aspiranti capibastone del Partito, non hanno convinzioni politiche, questi vogliono solo farsi notare dai boss locali per scalare il potere e riempirsi le tasche di soldi pubblici.
    Dunque non si può discutere con dei fanatici decerebrati o con dei ladri incalliti, tantomeno si deve concedere rispetto ad un’ideologia tanto sanguinaria quanto demente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 2 settimane fa

      I partiti Baath sono socialisti,si tratta di economie miste simili a quella italiana dal dopoguerra a tangentopoli,non sono nazionalsocialisti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Glu 2 settimane fa

    Secondo me non è più tempo di definirsi neutrali, anche se posso cercar di capirlo. Nel cercar di esser neutri si finisce ar lavorare a gratis per soros come quei quattro coglioni. r

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Paoloribalko 2 settimane fa

    ma per questi idioti (soprattutto per i loro mandanti sionisti, ben mascherati) è cominciato il conto alla rovescia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. ERNESTO PESCE 2 settimane fa

    BOLOGNA ROSSA, ROSSA DI VERGOGNA. DURANTE LA GUERRA IN INDOCINA, MASSIMO D’ALEMA ERA SEGRETARIO GENERALE DELLA FGCI (FEDEDERAZIONE GIOVANILE COMUNISTA ITALIANA, NON AVEVA NESSUN PESO POLITICO NEL MOVIMENTO STUDENTESCO.
    A BOLOGNA C’ERANO DEI GIOVANI CHE SI OPPONEVANO ALLE DUE SUPERPOTENZE ( USA E URSS). SI DIBATTEVA SULL’AGGRESSIONE MILITARE DELL’IMPERIALISMO AMERICANO COSI’ COME DEI MISFATTI DEL SOCIALIMPERIALISMO SOVIETICO NEL TERZO MONDO, IN PARTICOLARE IN AFRICA.
    OGGI, AZIONE UNIVERSITARIA DEGLI STUDENTI DI “DESTRA” SONO QUELLI CHE SI OPPONGONO AI MISFATTI DEGLI AMERICANI, DEI SIONISTI E DEI MONARCHICI ARABI REAZIONARI
    INVECE ILCOLLETTIVO UNIVERSITARIO AUTONOMO (CUA) E IL COLLETTIVO HOPO SONO DEI SQUADRISTI PEGGIORI DI QUELLI DI MUSSOLINI. SONO NUOVI “BALLILA”

    Rispondi Mi piace Non mi piace