"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

BMW Produrrà auto elettriche in Gran Bretagna grazie alla Brexit

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI… TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)
lunedì 31 luglio 2017

LONDRA – E’ passato poco piu’ di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all’indomani di questo storico referendum non si sono affatto verificate.

A tale proposito e’ interessante notare come la BMW abbia deciso di produrre la versione elettrica della Mini ad Oxford, un gesto che molti hanno visto come un segnale di fiducia verso l’economia britannica e soprattutto negazione della presunta “pericolosità della Brexit propagandata dai suoi detrattori.

La BMW aveva l’opportunita’ di produrre questa auto elettrica in Germania o in Olanda e invece ha scelto la Gran Bretagna e tale decisione ha assicurato il futuro di questo storico impianto automobilistico che impiega 4500 persone piu’ l’indotto.

Molti temevano che l’imminente fuoriuscita della Gran Bretagna dalla UE avrebbe portato la BMW a investire altrove ma cosi’ non e’ stato e un portavoce della casa automobilistica tedesca ha dichiarato che sono stati molti i fattori che hanno spinto a questa decisione e investire a Oxford si e’ rivelato la migliore opzione possibile.

La BMW vuole che almeno il 15% delle auto vendute ogni anno dal 2025 siano elettriche e questa decisione riflette in pieno questa visione per il futuro e molti osservatori credono che questa versione elettrica della Mini sara’ un enorme successo.

Auto BMW

Questo non e’ un caso isolato, lo scorso ottobre la Nissan aveva dichiarato di voler continuare a produrre auto in Gran Bretagna anche se in quel caso ci sono state voci che il governo britannico abbia offerto alla societa’ giapponese dei sussidi, decisione ovviamente perfettamente lecita, per incentivare gli investimenti produttivi che creano prima di tutto nuovi posti di lavoro, ma assolutamente vietata, secondo le stupide e arbitrarie imposizioni della Ue agli stati membri.

Come e’ facile immaginare questa notizia sia stata ampliamente riportata in Gran Bretagna e molti non si sono lasciati scappare l’occasione per dimostrare che nonostante la Brexit l’economia britannica va a gonfie vele usando questa notizia come prova per dimostrare questa tesi.

In Italia invece questa storia e’ stata completamente censurata perche’ non solo demolirebbe le menzogne montate ad arte dai giornali di regime riguardo i benefici della UE ma avrebbe conseguenze imbarazzanti anche per il governo visto che la BMW non ha pensato neanche per un secondo di investire nel nostro paese.

Noi ovviamente non ci stiamo e abbiamo riportato questa notizia perche’ riteniamo che il popolo abbia il diritto di sapere.

GIUSEPPE DE SANTIS – Londra

*

code

  1. egenna 5 mesi fa

    Italexit…
    Cordiali saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 5 mesi fa

    Quando un contenitore è riempito per metà della sua capienza ci saranno persone che lo vedranno metà vuoto ed altre metà pieno.
    I primi sono i cosiddetti catastrofisti che si sentono aggrediti a 360° dal male e sono compatibili perché frutto di una gestazione errata della loro genitrice, questi sono i comunisti, legati a doppia mandata alla materia che li zavorra.
    I secondi sono i spiritualisti che essendo legati alla luce vedono il positivo negli accadimenti della vita, sono in netta minoranza rispetto ai primi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aldus 5 mesi fa

      Non so di che tipo di spiritualisti tu stia parlando. Se intendi coloro che si beano del bene che vedono o credono di vedere attorno, allora sono dei mistici abbandonati al loro sogno zuccheroso e sono autonarcotizzati ed è meglio lasciarli nel loro girone di ignavi. Se mi parli di quelli che vedono il Bene nonostante la bruttura del comportamento attuale degli umani e si indignano e si ribellano alla schiavitù dei sensi corporali, e provano pure indignazione per il male che soffre l’umanità, allora questi valgono oro, perché sono svegli qui e Là, e certo hanno pure amore per la propria nazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 5 mesi fa

        Se c’è una cosa che mi è chiara è che non si può piacere od accontentare tutti, infatti anche qui ci sono due bottoni: “Mi piace” e “Non mi piace” e spesso in coda ai miei commenti tutti e due sono schiacciati, quindi per quanto riguarda la spiritualità faccia lei.
        Tutti sono a conoscenza che ogni individuo sogna, lei ha mai visto il sogno di un altro? Questa per me è la spiritualità.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Aldus 5 mesi fa

    Il popolazzo che ha riempito come bruchi la spiaggia di Gallipoli l’altro ieri creando un verminaio di tintarellisti e fornendo ai tiggì l’estro di dire che tutti vanno in ferie e le cose allora vanno a gonfie vele, non sa e non vuole sapere un cazzo. Intento a fare la pecora e senza la capacità di voler pensare a fondo, è solo uno sfondo opaco davanti al quale pochi decisi faranno la lotta contro i tiranni e gli oppressori. Occorrono intellettuali rivoluzionari e capipopolo che condividono, come ai tempi delle 5 giornate di Milano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mario Rossi 5 mesi fa

    Caro Aldus……. a me i capipopolo non piacciono per niente io non ho mai avuto un capo neanche quando ufficialmente me lo hanno presentato. Io ragiono sempre con la mia testa e se qualcosa non mi sta bene o me la fanno cambiare o cambio aria io. Quindi lascia stare i tintarellisti che facciano quel cazzo che vogliono, l’importante è che non pago io. Io pago solo per me, lavoro solo per me e per me gli altri possono anche crepare!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. VelenoSS 5 mesi fa

    Ma i giornalini italiani letti solo dagli italioti non dicevano che l’Inghilterra sarebbe morta a causa della Brexit e che la ridicola e puzzolente Milano sarebbe diventata la nuova sede di banche e grandi aziende?
    Che figuraccia per i falliti giornalisti italioti e per coloro che,con le loro tasse,li leggono pure oltre che finanziarli 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 4 mesi fa

      Visto le notizie che propalano non sono affatto falliti i giornalisti italiani, anzi sono assurti al rango di nababbi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace