Bloomberg: Zelensky è in grossi guai


Il viaggio del presidente dell’Ucraina negli Stati Uniti è stato definito un segno dell’imminente sconfitta di Kiev. La visita del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky negli Stati Uniti segnala l’insuccesso di Kiev nel conflitto con la Russia, scrive Bloomberg.

“Zelensky non sarebbe venuto a Washington se tutto fosse andato bene”, afferma l’autore Hal Brands.
A suo avviso, la “stanchezza finanziaria” di Kiev sta crescendo alla Casa Bianca. Brands ritiene inoltre che lo scetticismo dei repubblicani, che hanno ottenuto la maggioranza dei seggi alla Camera dei Rappresentanti nelle recenti elezioni, sia motivo di preoccupazione a Kiev.

Le prospettive per il sostegno degli Stati Uniti, secondo Brands, stanno diventando sempre più poco chiare. Inoltre, secondo lui, alcuni funzionari del Pentagono sono preoccupati che il sostegno militare all’Ucraina stia esaurendo le scorte americane di armi necessarie per attuare i piani militari di Washington.

“Più a lungo continua questo conflitto, più le sue richieste competeranno nelle menti dei politici americani con le richieste di altre contingenze che Washington potrebbe affrontare”, è convinto l’autore.

Ha anche richiamato l’attenzione sul fatto che la Casa Bianca ha annunciato nuove consegne di armi, nonché un pacchetto di sostegno finanziario da 45 miliardi di dollari. Tuttavia, non è chiaro se “l’applauso a Zelensky si trasformerà in un libretto degli assegni aperto il prossimo anno”.

“Zelensky è venuto non solo perché la Kiev ufficiale ha grossi problemi nel ricevere assistenza militare e finanziaria dalla Washington ufficiale”, afferma Alexander Perendzhiev , professore associato del Dipartimento di analisi politica e processi socio-psicologici presso l’Università di economia russa Plekhanov .

  • Qui l’aspetto principale all’interno degli stessi Stati Uniti è che ci sono gruppi all’interno dell’élite politica americana che ricevono alti profitti sotto forma di vari schemi “ombra” nel corso della fornitura di tale assistenza, così come da altri tipi di economia criminale , grazie alla crisi ucraina.

Ma ci sono gruppi politici negli Stati Uniti che o non ricevono alcun profitto dalla partecipazione degli Stati Uniti allo scontro con la Russia in Ucraina, o si considerano esclusi nel corso della distribuzione dei profitti dalla fornitura di armi e munizioni alle forze armate dell’Ucraina e delle formazioni NATO sulla linea di fuoco. Pertanto, Zelensky, in questo caso, ha agito come strumento di lobbying da parte di quei gruppi dell’élite politica statunitense che beneficiano della continuazione del conflitto militare in Ucraina.

“SP”: – E il fatto che gli americani forniscano sempre più nuovi tipi di armi non significa che quelle vecchie non aiutino più Kiev?

  • No, stiamo parlando di testare nuove armi durante le ostilità, nonché, utilizzando l’hub di armi ucraino creato dagli Stati Uniti, vendere nuovi tipi di armi ad altri paesi e / o strutture non statali.

“SP”: – Questo è ciò che i “patriot” hanno promesso all’Ucraina. Ma recentemente 19FortyFive ha nominato questi complessi tra i sistemi che Washington non trasferirà a Kiev nel prossimo futuro. Così? Adesso. Se Kiev continua a fallire, possiamo aspettare gli Abrams, gli aerei e gli ATACMS?

— Sì, dall’Occidente possiamo aspettarci consegne di nuovi tipi di armi e attrezzature militari all’Ucraina. Dopotutto, non si tratta solo di aiutare le forze armate ucraine, ma anche di realizzare enormi profitti, che sono forniti dall’hub di armi ucraino attualmente funzionante sul mercato globale criminale di armi e attrezzature militari.
“SP”: – I fallimenti di Kiev sono dovuti al fatto che le armi americane sono imperfette? Gli Stati Uniti non hanno tali armi che possono davvero aiutare Kiev?

  • I fallimenti di Kyiv non sono collegati ai problemi della fornitura di armi. Sono collegati al sistema marcio dell’attuale regime, che si riflette nel sistema statale, compreso quello militare, dell’amministrazione. E anche sullo stato morale e psicologico del personale delle Forze Armate dell’Ucraina, e in generale della società ucraina.

SP: Secondo Brands, alcuni funzionari militari sono preoccupati che il sostegno militare all’Ucraina stia esaurendo le scorte statunitensi di armi necessarie per attuare i piani militari di Washington. È così?

“Sono sicuro che non ci sia attrito, come spesso affermano i nostri avversari. Tutte queste dichiarazioni hanno principalmente lo scopo di fuorviare tutti noi russi – le autorità, la società, i media – che possono contribuire all’adozione di decisioni errate da parte della leadership russa. Il secondo obiettivo è quello di giustificare un ulteriore aumento delle spese militari e tagli ai fondi per i bisogni sociali. E i piani della Washington ufficiale, dove sono necessarie molte armi, riguardano la lotta tra Stati Uniti e Russia per le risorse artiche.

“SP”: – Allo stesso tempo, l’autore dell’articolo osserva che la “stanchezza finanziaria” di Kiev sta crescendo alla Casa Bianca. E quando raggiungerà il limite? Cosa deve accadere perché ciò accada?

  • Ciò può accadere quando inizieranno quei gruppi politici statunitensi che non ricevono alcun profitto dalle forniture militari all’Ucraina e coloro che si considerano privati ​​​​dei risultati della distribuzione dei profitti nel campo della fornitura di assistenza finanziaria e militare a Kiev ufficiale per mettere i bastoni tra le ruote dei loro concorrenti. Vale a dire, interferire con la fornitura di questa assistenza e contribuire alla sua completa cessazione.


La sua visita è un normale ricevimento di lobbying”, afferma Alexander Nemtsev, professore associato presso l’Università finanziaria sotto il governo della Russia .

Non è un caso che Zelenskyj abbia parlato più volte di “due partiti” nel suo intervento. È stato coinvolto per evitare che si raffreddi sul tema del sostegno repubblicano all’Ucraina. Dato il calo di popolarità della linea generale del Partito Democratico, è importante che condividano la responsabilità della direzione ucraina con i repubblicani. E, a giudicare dai ripetuti salti e applausi al discorso di Zelenskyj da parte dei membri repubblicani del Congresso, gli organizzatori della visita sono riusciti a raggiungere il loro obiettivo.

“SP”: – E come valuta i risultati della visita? Qualcosa sul fronte ora cambierà?

Gli Stati Uniti sosterranno l’Ucraina fintanto che adempirà al compito di indebolire la Russia. Non importa quale partito sia al potere. Penso che anche la personalità del presidente sia secondaria in questa faccenda. L’indebolimento del sostegno all’Ucraina è possibile solo in caso di grandi sconfitte militari. Gli Stati Uniti faranno di tutto per prevenirli.

“SP”: – L’autore ritiene che la “fatica finanziaria” di Kiev stia crescendo alla Casa Bianca. È così? Sembra che il Congresso si stia stancando sempre di più di questo, ma piuttosto il contrario alla Casa Bianca…

  • Spendere soldi per tali progetti da parte degli Stati Uniti è diventata la norma. Hanno speso per operazioni in Iraq e Siria, per la loro presenza in Afghanistan. Pertanto, non mi aspetterei stanchezza qui. La cessazione del finanziamento è possibile solo dopo sarà impossibile nascondere la tossicità di queste spese. E la propaganda americana sta facendo di tutto per presentare alla società americana il tema del sostegno all’Ucraina come nobile e di successo. La comparsa di tossicità è possibile dopo che la società americana ha visto l’inutilità di queste spese a seguito dei successi delle forze armate russe.
  • “SP”: – L’autore è anche convinto che lo scetticismo dei repubblicani, che, secondo i risultati delle recenti elezioni, hanno preso la maggioranza dei seggi alla Camera dei Rappresentanti del Congresso, dia origine ai disordini di Kiev. C’è una ragione? O, tuttavia, i repubblicani non lo faranno, e in effetti non hanno l’opportunità di far passare l’interruzione degli aiuti all’Ucraina?
  • Questa visita è stata necessaria per il riavvicinamento di Zelensky con i repubblicani. Da parte loro, è possibile un controllo più stretto sull’assegnazione dei fondi, ma non accetteranno di interrompere la loro assegnazione ora. Non c’è richiesta per questo nella società americana, il che significa che tali passi politici non sono politicamente giustificati per nessuno dei partiti americani.

“SP”: – L’autore si è concentrato sul fatto che la Casa Bianca ha annunciato nuove forniture di armi, nonché un pacchetto di sostegno finanziario per un importo di 45 miliardi di dollari. Tuttavia, non è chiaro se “l’applauso a Zelensky si trasformerà in un libretto degli assegni aperto il prossimo anno”. Gireranno?

Tutto dipenderà dalla situazione sulla linea di contatto. Nessuno assegnerà armi e altra assistenza a un regime debole. Il compito di Zelensky è mostrare la sua forza, e finché sarà in grado di dimostrarlo, questo può essere “venduto” all’elettore americano – i finanziamenti continueranno. Non appena ci saranno dubbi sulla sua forza, come molti altri satelliti americani, verrà azzerato. E con esso, ogni aiuto viene annullato. Proprio come sta accadendo ora in Afghanistan.

Fonte: svpressa.ru/

Traduzion: Sergei Leonov

9 Commenti
  • franco
    Inserito alle 10:06h, 24 Dicembre Rispondi

    Analisi obiettiva e plausibile , diversamente dallo show business dei giornaloni dei professorini pantofalari poltronari italioti che scrivono caxxate senza un domani e scenari dal tinello di casa loro. La verità è che bisgona stare sul campo per sapere come stanno le cose . A meno che uno non sia dotato di propri satelliti geostazionari personali , leggasi Musk e soci.

  • Farouq
    Inserito alle 14:49h, 24 Dicembre Rispondi

    Quindi ha ragione Putin quando h detto ultimamente che la gallina mangia un chicco alla volta e non c’è bisogno di operazioni su larga scala perché comporterebbero grandi perdite inutili, basta aspettare e i fanatici servi degli americani cadranno

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 16:44h, 24 Dicembre Rispondi

    Tra poco gli USA per salvare il salvabile e far pace con la Russia elimineranno fisicamente il loro dittatore -burattino Ucraino che è diventato troppo ingombrante ed inutile !
    La CIA lo ucciderà con il Polonio poi darà la colpa ai servizi segreti Russi .
    Eliminato l” ingombrate Burattino del dittatore Ucraino criminale di guerra gli USA potranno far par pace con la Russia e salvare le apparenze inoltre potranno far passare la Russia per una Nazione Criminale che assassina gli capi di Stato !

    • Giorgio
      Inserito alle 09:32h, 25 Dicembre Rispondi

      Pienamente d’accordo caro TACABANDA1964 !
      I presidenti usa, cia e pentagono hanno una lunghissima esperienza nell’assassinare leader stranieri …
      Cito i casi più noti che mi vengono in mente ….
      Nixon 1973: assassinio del presidente cileno Allende, reo di aver nazionalizzato l’industria mineraria togliendola dalle grinfie delle multinazionali usa … il sicario della cia Pinochet trasforma i campi di calcio in lager a cielo aperto …
      Bush 2003-2006: assassinio di Saddam Hussein, dopo aver utilizzato l’Iraq per tentare di rovesciare la repubblica islamica iraniana, e avendo fallito e divenuto ingombrante Saddam, gli usa invadono l’Iraq inventandosi armi di distruzione di massa inesistenti (la fialetta di Powell all’Onu), lo depongono e lo fanno giustiziare dal nuovo governo al loro servizio …
      Obama 2011: assassinio di Gheddafi per mano dei mercenari dell’isis, creati, armati e addestrati dagli usa per rovesciare governi scomodi, la stessa Killary Clinton esultando ammetterà … “l’isis lo abbiamo creato noi, ma poi c’è sfuggito di mano” ….
      Trump 2020: Cia e Pentagono organizzano un attacco missilistico mirato e assassinano il generale iraniano Soleimani … nello stile delle esecuzioni preventive tanto care ai sionisti ….
      Sarebbe utile fare un elenco completo di tutte le esecuzioni perpetrate dagli usa e dai loro complici, ma richiederebbe troppo spazio ….

    • Giorgio
      Inserito alle 09:43h, 25 Dicembre Rispondi

      Pianamente d’accordo caro TACABANDA1964 !
      D’altronde i presidenti Usa, Cia e Pentagono hanno una lunghissima esperienza nell’assassinare leader stranieri divenuti scomodi ….
      Breve elenco dei precedenti che mi vengono a mente ….
      Nixon 1973: Il sicario della Cia Pinochet assassina il presidente Allende, reo di aver nazionalizzato l’industria mineraria togliendola dalle grinfie delle multinazionali usa, e trasforma i campi di calcio in lager a cielo aperto …
      Bush 2003-2006: Dopo aver armato e usato Saddam Hussein per rovesciare la repubblica islamica iraniana (inutilmente), gli usa invadono l’Iraq con il pretesto delle armi di distruzione di massa (la fialetta di Powell all’Onu) e fanno giustiziare Saddam dal governo da loro instaurato ….
      Obama 2011: Gheddafi viene assassinato dai mercenari isis, creati, armati e addestrati dagli usa per rovesciare governi scomodi. La stessa Killary Clinton esultando per l’esecuzione di Gheddafi ammetterà … “l’isis lo abbiamo creato noi ma poi ci è sfuggito di mano” ..
      Trump 2020: Cia e Pentagono organizzano una imboscata e uccidono in un attacco missilistico il generale iraniano Soleimani, con un tipica “uccisione mirata” in pieno stile sionista ….
      Sarebbe interessante completare questo elenco, anche se prenderebbe parecchio spazio ….
      Zelensky potrebbe essere il prossimo ….

  • Francesco
    Inserito alle 16:47h, 24 Dicembre Rispondi

    Avevo intuito, come pure potrebbe darsi che la fine definitiva del conflitto sia già stata concordata. Gli Usa potrebbero aver capito che è meglio dominare mezzo mondo, che rischiare di perdere anche l’altra metà.
    Ci rimetterà l’Europa?

  • luther
    Inserito alle 17:16h, 24 Dicembre Rispondi

    Quindi il tempo della sconfitta si avvicina per zelensky? Il tempismo sembra perfetto. Dal momento della mobilitazione Putin ha cambiato le regole, l’esercito russo avanza costantemente la strategia del generale armagheddon, presto o tardi trita tutto quello che gli si para davanti. Le prodigiose armi occidentali all’esercito ucraino, hanno cambiato poco o nulla sul campo. di battaglia. La preoccupazione per la sconfitta ormai è giunta ai piani alti. La visita del comico a Washington ne è la prova. Non sappiamo come lo stato maggiore russo reagirà quando i Patriot arriveranno nel territorio ucraino, tutto fa pensare che nemmeno con questa spacconata yankee le cose si metteranno bene. Irussi dovevano crollare a causa delle sanzioni ma non è successo, dovevano finire i missili e invece dimostrano scorte che sembrano infinite, Putin doveva essere malato e si è rivelata una puttanata, la Russia doveva essere isolata a livello internazionale e si sta avverando il contrario. Sono i più Forti , come si faa negarlo, nonostante gli inevitabili errori, soprattutto però la Russia ha una classe politica amata dal proprio popolo. Forse il presunto arrivo dei Patriot avrà il solo effetto di accelerare la fine della guerra, anche se Putin ci ha ormai abituato a risposte asimmetriche e dolorose, chissà che succederà, ci sarà la tanto agognata controffensiva? Oppure continueranno ad erodere pezzo dopo pezzo quel poco che resta delle infrastrutture? O come altro procederanno? Chi lo sa? La sola cosa che riesco a pensare è che Putin ha un fine, uno scopo, e non si fermerà finché non avrà decapitato il drago. La tattica anglosassone non può nulla contro la strategia russa. Siamo…. alla resa dei conti.

  • enzo russo
    Inserito alle 17:54h, 24 Dicembre Rispondi

    Cioè quindi i nazi sionisti non vengono dati altri aiuti se non missili vecchi e arruginiti? Comunque la denazificata va avanti anzi alla luce della controffensiva naziamericana e d’uopo non cedere a nulla nessuno spazio per trattativa quello e un regime assassino che ammazza i suoi stessi cittadini non c’è spazio per trattare. anzi bisogna sferrare un attacco su larga scala su tutta la ukropazzonia e i pazzi polacchi e i pazzi di brussels sono criminali satanisti.

  • antonio piccirillo
    Inserito alle 11:39h, 25 Dicembre Rispondi

    Comunque vada a finire, non saranno gli Usa ad indebolirsi economicamente , ma noi Europei – con la nostra illusoria fedeltà ai valori democratici e l’ obbedienza ai principi della Nato:. Così non ci riusci Trump ad indebolire l’ UE e ci sta riuscendo in nome dei valori della libertà il democratico Biden. I politici europei lo sanno bene e sanno bene che la maggioranza degli elettori di qualsiasi colore politico non approva le decisioni prese fin qui, decisioni che hanno portato solo sofferenza ed illusione alla popolazione ucraina.

Inserisci un Commento