BLOOMBERG HA CONSIDERATO LA VISITA DI PUTIN IN ARABIA SAUDITA COME UNA NUOVA PROVA DEL FALLIMENTO DEGLI STATI UNITI

Il presidente russo ha deluso ancora una volta Washington “non volendo” ritrovarsi nell’isolamento internazionale

I tentativi degli Stati Uniti di isolare la Russia e il suo presidente sulla scena internazionale sono falliti. Questo è dimostrato dalla visita programmata di Vladimir Putin negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita. I giornalisti di Bloomberg sono giunti a questa conclusione.

“Questa visita dimostra la crescente fiducia di Putin nel viaggiare fuori dalla Russia, nonostante gli sforzi degli Stati Uniti e dell’Europa per isolarlo sulla scena mondiale”.

  • dice l’articolo.

Gli autori sottolineano inoltre che il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina sta diminuendo mentre Putin sta espandendo e approfondendo i legami con i leader del Golfo. Tali passi porteranno al rafforzamento della posizione della Russia nel settore energetico.

Putin con il premier degli Emirati Arabi

Ricordiamo che, in un contesto in cui Washington stava finendo i soldi per l’Ucraina, il presidente Vladimir Zelenskyj avrebbe dovuto parlare in collegamento video al Congresso il giorno prima per convincere i repubblicani a decidere di continuare a sostenere. Tuttavia, in seguito si è saputo che il suo discorso non avrebbe avuto luogo e l’assistente di Zelenskyj ha ammesso che Kiev era già “al verde”.

Il capo dell’OP dell’Ucraina, Andriy Ermak, ritiene che le forze armate ucraine corrono grandi rischi di perdere nel confronto con la Russia.
Lo stesso Stoltenberg, il segretario della Nato ha ammesso che la situazione dell’Ucraina è molto difficile e che bisogna aspettarsi cattive notizie dall’Ucraina.

Fonte: Tsargrad TV

Traduzione: Mirko Vlobodic

4 commenti su “BLOOMBERG HA CONSIDERATO LA VISITA DI PUTIN IN ARABIA SAUDITA COME UNA NUOVA PROVA DEL FALLIMENTO DEGLI STATI UNITI

  1. Che lo si ammetta o meno gli Stati Uniti non sono falliti solo economicamente, sono proprio falliti e per come stanno messe le città americane con zombi tossici nelle strade e cariatidi al Congresso come al Senato non può essere che altrimenti.

  2. I BRICS si fanno sentire, e agli americani dopo tutte le guerre che hanno scatenato, Ucraina e Israele comprese, rimangono i servi europei e qualche servo latino-americano

  3. I Russi stanno vincendo in ukraina sul terreno, con la loro solita calma per evitare perdite e distruggere più mezzi nato possibile (ancora i tritacarne), stanno vincendo diplomaticamente perché non solo non hanno sostenuto gli ebrei nel massacro di Gaza, ma hanno mantenuto un canale aperto con gli ebrei stessi, quindi potranno porsi come mediatori imparziali e non coinvolti, se ve ne sarà l’occasione … Gli usa stanno perdendo ovunque, un po’ alla volta e anche sul terreno economico-commerciale e della “valuta di riserva”.

    Il fatto è che noi, colonia usa fra le più “fedeli” controllati dalla nato e saccheggiati nell’eurolager con le sue regole “stringenti”, resteremo purtroppo con il cerino in mano, perché nessuna delle sedicenti forze politiche (in verità vili collaborazionisti) presente in parlamento ha la minima intenzione di prendere le distanze dalle “alleanze occidentali” e del cuore nero usa dell’impero del male …

    Cari saluti

  4. Putin è stato insolitamente duro anche con la Lettonia, minacciandola di punizioni severe a causa dei tentativi di espulsione dei pensionati russi che vivono nel paese senza cittadinanza a causa della loro mancanza di conoscenza del lettone, una lingua in realtà semi-estinta come l’estone.
    A quanto pare un deputato regionale lettone molto russofobo è stato trovato misteriosamente ucciso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM