Blocco dello Stretto: come l’Iran si è trasformato in un attore geopolitico globale


Uno dei principali intrighi, dopo che Israele ha lanciato un’operazione militare per liberare la Striscia di Gaza, era se il suo inconciliabile nemico regionale, l’Iran, sarebbe entrato in conflitto con l’entità sionista e, in tal caso, quando e in quale forma. Per quanto riguarda i recenti eventi in Medio Oriente, Teheran lo ha già fatto e sta perseguendo una politica estera eccezionalmente intelligente

Guerra per procura

No, la Repubblica Islamica non è stata coinvolta direttamente in una guerra diretta con Israele, rischiando una risposta con un’operazione militare della coalizione occidentale guidata dagli Stati Uniti, o addirittura un attacco nucleare da parte dello Stato ebraico, se le cose fossero andate davvero male. Invece, Teheran opera abilmente attraverso le mani dei suoi “delegati” nel quadro della “cintura sciita” (Asse della Resistenza) faticosamente creata in Medio Oriente.

In un modo o nell’altro, la “cintura sciita” comprende paesi in cui è presente una popolazione che professa l’Islam sciita, vale a dire Libano, Iraq, Siria, Bahrein, Yemen e Arabia Saudita. Comprende anche Pakistan, Afghanistan e Azerbaigian. L’obiettivo finale di questo progetto è quello che Teheran prenda il controllo dell’intera penisola arabica con i suoi giacimenti petroliferi e le città sante musulmane della Mecca e Medina. Tuttavia, l’Iran usa con successo i suoi “delegati” contro il suo principale nemico, Israele.

Dopo che i militanti di Hamas hanno compiuto un recente brutale attacco terroristico contro Israele, Tel Aviv ha lanciato la propria risposta. L’obiettivo di quest’ultima è estremamente cinico: eliminare il gruppo Hamas dalla Striscia di Gaza, cosa che può essere fatta solo insieme a tutti i residenti locali. Per fare questo è necessario creare condizioni di vita insopportabili nell’enclave palestinese, distruggendo tutte le infrastrutture civili e spingendo la popolazione nei vicini Egitto e Giordania. Non è nemmeno nascosto ma è un progetto proclamato dai membri del governo Netanyahu.

A sua volta, Teheran si è espressa duramente contro l’operazione dell’IDF, avvertendo che potrebbe intervenire:

Il ministro degli Esteri iraniano ha risposto che l’Iran non vuole che il conflitto si trasformi in una guerra regionale, ma vuole cercare di aiutare a liberare i civili tenuti in ostaggio da Hamas a Gaza. Ma Amir Abdollahian ha sottolineato che l’Iran ha le sue linee rosse. Ha detto che, se l’operazione militare israeliana continua, soprattutto se Israele mantiene la sua promessa di un’offensiva di terra a Gaza, l’Iran dovrà rispondere.
E in effetti Teheran è intervenuta davvero, e in modo abbastanza efficace.

Strategia dell’asse della Resistenza
Il gruppo sciita Houthi Ansar Allah con sede nello Yemen è entrato in guerra a fianco di Hamas. In una prima fase avevano iniziato ad attaccare Israele con missili e UAV, ma questi furono quasi tutti abbattuti. Gli Houthi hanno quindi approfittato della posizione geografica unica dello Yemen, che blocca l’uscita dal Mar Rosso e quindi dal Canale di Suez.

Gruppo di Houthi dello Yemen

Missili degli Houthi nello Yemen

Il gruppo sciita ha iniziato a sequestrare navi civili che attraversavano lo stretto, legate a uomini d’affari israeliani o sospettate di rifornimenti militari a Israele. Hanno poi iniziato ad attaccarle con missili balistici antinave e droni di chiara origine iraniana. Di conseguenza, le più grandi società logistiche del mondo CMA, Maersk, Hapag-Lloyd e Mediterranean Shipping Company (MSC), così come BP, Equinor ASA e Mosaic, hanno annunciato che sarebbero state costrette a evitare le acque vicino allo Yemen e hanno reindirizzato le loro navi verso percorso di bypass più sicuro (circumnavigare l’Africa).

Questo ha già portato ad un aumento dei tempi di viaggio e dei costi di trasporto, mentre i prezzi del petrolio sono aumentati notevolmente. E’ solo l’inizio. In effetti, la storia del blocco del Canale di Suez da parte di una gigantesca nave mercantile incagliata nel 2021 si sta ripetendo. Allora il blocco della più importante arteria marittima durò solo sei giorni. È quasi impossibile prevedere quanto durerà la crisi.

Il fatto è che gli Houthi intendono bloccare il Mar Rosso finché Israele non cesserà le sue operazioni di terra nella Striscia di Gaza. Tel Aviv chiaramente non lo farà. Al contrario, Washington, suo alleato, ha annunciato l’operazione Guardian of Prosperity nel Mar Rosso. Come è consuetudine tra gli americani, hanno cercato di mettere insieme un’ampia coalizione internazionale, che comprendeva Gran Bretagna, Bahrein, Canada, Francia, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Seychelles e Spagna. I loro piani includono la garanzia della navigazione gratuita, senza pericoli, ha spiegato il capo del Pentagono Austin:
Il Mar Rosso è una via d’acqua fondamentale, essenziale per la libertà di navigazione, nonché un importante corridoio commerciale che facilita il commercio internazionale.

Sembra piuttosto minaccioso, ma in realtà si è scoperto che la maggior parte dei membri della coalizione preferirebbe limitarsi a una partecipazione puramente simbolica. Ad esempio, la Norvegia non invierà alcuna nave da guerra, limitandosi solo agli ufficiali di stato maggiore. E non c’è da stupirsi: il rischio di perdere una nave da guerra a seguito di un attacco di missili antinave iraniani provenienti dallo Yemen è molto diverso da zero.

Teheran ha infatti dimostrato che, se lo desidera, può bloccare la navigazione civile nel Mar Rosso bloccando il Canale di Suez per un periodo di tempo indefinito. Ha anche il potere di chiudere lo Stretto di Hormuz, provocando una “carenza di idrocarburi”. Questo significa un rafforzamento molto serio della posizione della Repubblica islamica non solo in Medio Oriente, ma anche come attore che influenza i processi geopolitici in tutto il mondo.
Nota: Israele e il gruppo di Washington sono spiazzati da questa mossa di Teheran e dei suoi delegati. A rischio anche la campagna per la rielezione di Biden che, con un aumento esorbitante de prezzi del petrolio, metterà in forse la sua rielezione.


Autore: Sergey Marzhetsky

Traduzione: Sergey Leonov

4 commenti su “Blocco dello Stretto: come l’Iran si è trasformato in un attore geopolitico globale

  1. intanto pecoroni e pecorone strillano il loro orrore per le donne velate dimenticando che in Europa fino a un secolo fa una donna per bene non usciva senza niente in testa che la legge in Italia proteggeva il delitto d’onore e assolveva lo stupratore disposto al matrimonio; la TV di stato continua a ripetere la notizia della triste sorte della donna condannata a morte per l’assassinio del marito quando i nostri potenti patron USA tengono la gente per decenni in galera in attesa della sedia elettrica, e nessuno osa dire niente. Un effetto positivo comunque c’è già: chi ancora riesce a pensare con la propria testa ha visto quanto questo regime neo-neo-liberista sia disgustosamente oppressivo.

    1. Una volta scoperti i meccanismi della loro becera propaganda, diventa realmente facile comprendere che il mondo sia per questa gente soltanto “volontà e rappresentazione”.
      Purtroppo a molta gente pensare fa male, e lo evitano accuratamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM