Blinken ha fallito il progetto “World Front against Russia”

placeholder


I politici occidentali non sono soddisfatti della neutralità rispetto al conflitto ucraino. Chiedono al mondo intero di decidere sul “lato giusto della Storia
Il G20 non ha concordato un documento finale a seguito della riunione del gruppo di lavoro sulla transizione energetica, tenutasi il 19-20 luglio. Anche a causa del tentativo di includere una clausola “sulla condanna dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina”. In precedenza abbiamo notato che i politici occidentali non sono soddisfatti della neutralità in relazione al conflitto ucraino. Chiedono al mondo intero di decidere sul “lato giusto della Storia”.

Gli Stati Uniti ei loro alleati usano l’atteggiamento di alcuni paesi nei confronti del regime di Kiev come indicatore di “amico o nemico”. Ci sono continui tentativi di includere in qualsiasi documento adottato su piattaforme internazionali una condanna della Russia. Chiamiamolo l’uso del “soft power” per formare un fronte unito anti-russo nel mondo. Ma notiamo che questo sta già provocando una notevole irritazione nei paesi non occidentali. Così, al recente vertice UE-America Latina, l’unico che ha apertamente sostenuto Kyiv è stato il 37enne presidente del Cile, un ex attivista studentesco Gabriel Borich. Considerando che, ad esempio, il presidente brasiliano Lula da Silva ha affermato che il mondo ha effettivamente iniziato a stancarsi dell’Ucraina e vale la pena cercare una soluzione pacifica al problema ucraino. Quindi, abbiamo ancora un altro segno che ha avuto luogo un mondo multipolare. Su molte questioni la voce dell’Occidente ha già cessato di essere decisiva, trasformandosi in consultiva.


Fonte: russtrat.ru/

Traduzione: Mirko Vlobodic

8 commenti su “Blinken ha fallito il progetto “World Front against Russia”

  1. Il piano dell’Elite é l’agenda di davos: distruggere l’Europa, distruggere gli europei, annientare gli europei. Eliminarli.

  2. Basta ucraina non ne possiamo più distruggetela subito e parliamo di altro se non siete capaci come si vede arrendersi agli americani lo avete già fatto con gorbaciov e eltsin.

  3. la cricca cabalistica a cui appartiene è una demon-struttura perniciosa per i cittadini liberi. queste notizie non le troveremo sull’organo di Zelefhurer in italia ovvero repubblica , magari i loro scribacchini fanno il tifo per gli attacchi terroristici su mosca….

  4. Parliamo di altro la russia ha una sanità sfasciato una scuola a pezzi che hanno distrutto loro non sanno fare aerei civili mozzarelle formaggi un sistema pensionistico da fame pochi studenti universitari nemmeno i prosciutti gelati voglio dire copiate copiate invece tolgono ricchezze ai russi e portano i soldi a l’estero copiate copiate bene il Giappone ha sempre copiato, copiate .

  5. In Cina il ministro degli esteri Quin Gang è stato dimissionato in quanto pare che la sua amante, una giornalista di Hong Kong, fosse un agente dell’occidente, è tornato al suo posto il filorusso e filoarabo Wang Yi, forse è per quello che in poche settimane a Pechino erano sfilate tutte quelle figure del gabinetto Biden più Kissinger, tutti rigorosamente ebrei. Forse l’elìte cinese ha avuto una sbandata ma russi ed arabi l’hanno rimessa subito in carreggiata, del resto la Cina non è un paese europeo dove i padroni del discorso ebrei possono fare dieci parti in commedia per rimbecillire la popolazione.
    Ne sono testimoni personaggi come Edward Luttwak, ebreo rumeno che ha combattuto per Israele nella Guerra dei Sei Giorni e che è vissuto anche in Italia dove frequentava ambienti comunisti, ma che noi italiani conosciamo come commentatore televisivo americano di destra.
    Oppure Fiamma Nirenstein, in gioventù militante comunista ma poi giornalista e parlamentare di centrodestra.
    Gli ebrei sono molto bravi ad interpretare parti molto diverse, in Italia ci saranno 20000 ebrei ma pare facciano tutti i giornalisti, chiaramente in favore dell’entità sionista e sempre contro il mondo islamico.
    Entità sionista ormai in piena guerra civile, nelle manifestazioni contro il vecchio premier cardiopatico ci sono già decine di feriti ed arrestati.
    Era dall’epoca della Prima Guerra Giudaica che gli ebrei non si combattono tra loro, all’epoca finirono con il Tempio distrutto e decine di migliaia di crocifissi, a Gerusalemme gli archeologi negli anni Settanta ritrovarono anche la sepoltura di uno di loro, Johanan figlio di Hagalgol, c’erano ancora i chiodi infissi nelle ossa.

  6. interessante il discorso di eusebio che ha molti ganci con la realtà fattuale che viviamo quotidianamente ma che ci sfuggono perchè operanti in aree circondariali elitarie , in circonferenze sfuggenti ai più , all’utente comune anzi utonto si direbbe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM