Blackwater sta pianificando l’invio di 5000 mercenari in Venezuela per il cambio di regime


Apr 30, 2019

Gli appaltatori privati ​​della Blackwater, soldati ispanici e statunitensi che difendono la base militare della coalizione a Camp Golf nella città di Najaf, Iraq, 2004. (Foto di archivio in alto)
La famigerata società di contractors statunitense Blackwater ha fatto pressioni sull’amministrazione del presidente Donald Trump e sulle figure di opposizione del Venezuela per una missione segreta per rovesciare il presidente del paese latinoamericano, Nicolas Maduro.

L’esclusivo rapporto della Reuters di martedì, citando quattro fonti anonime, ha rivelato che Erik Prince, il fondatore della controversa società di sicurezza privata, che è anche un convinto sostenitore di Trump, si è offerto di schierare un esercito di mercenari nel paese sudamericano per estromettere Maduro.

Secondo il rapporto, Prince ha cercato principalmente investimenti e sostegno politico per il suo piano da influenti sostenitori di Trump e ricchi cittadini venezuelani che vivono da molto tempo in esilio.

Le fonti hanno detto di aver richiesto almeno 40 milioni di dollari in fondi più una fetta dei miliardi di dollari che il Venezuela ha in beni congelati in tutto il mondo.

Nei suoi incontri privati, che vanno dagli Stati Uniti a diversi paesi europei, Prince ha stabilito un piano per reclutare fino a 5.000 mercenari per conto del leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido, che ha sfidato Maduro da gennaio proclamandosi presidente.

Le fonti che avevano una conoscenza diretta del piano di Prince hanno detto che questo è iniziato con operazioni di intelligence e sulla base di tale piano hanno continuato a schierare in Venezuela tra 4.000 e 5.000 forze dalla Colombia e da altre nazioni latinoamericane per portare a termine la missione.

Il tentativo è ancora in corso in quanto una fonte ha affermato che Prince ha tenuto riunioni solo da metà aprile.

Non è ancora chiaro quali funzionari dell’Amministrazione Trump Prince sia stato in grado di raggiungere.

All’inizio di quest’anno, il consulente per la sicurezza nazionale John Bolton è stato fotografato tenendo tra le carte riservate due righe di scrittura: “Afghanistan -> Welcome the Talks”, che faceva riferimento ai negoziati in corso tra Washington e il gruppo militante dei talibani e “5.000 soldati in Colombia”.
Il falso consigliere di sicurezza nazionale di Trump è stato visto mentre teneva appunti che suggerivano che Washington stava pianificando un importante dispiegamento di truppe in Colombia tra le tensioni del Venezuela.
La linea misteriosa potrebbe fornire indizi sui piani segreti di Washington per portare a termine un intervento militare in Venezuela, un’opzione che il funzionario americano ha detto è sul tavolo insieme ad altre misure economiche e diplomatiche.

Un portavoce di Guaido ha detto a Reuters che i funzionari dell’opposizione del Venezuela non hanno discusso delle operazioni di sicurezza con Prince.

Questo mentre tal, Lital Leshem, direttore delle relazioni con gli investitori della società Prince Frontier Resource Group, aveva recentemente confermato l’interesse di Prince nelle possibili operazioni in Venezuela.

“Prince ha una soluzione per il Venezuela, così come ha una soluzione per molti altri posti”, ha detto senza fornire ulteriori dettagli.

Marc Cohen, un portavoce di Prince, aveva detto all’inizio di questo mese che il capo della Blackwater “non ha intenzione di operare o attuare un’operazione in Venezuela” e ha rifiutato di rispondere a ulteriori domande.

Una fonte ha detto che Prince insiste sul fatto che il Venezuela ha bisogno di un “evento dinamico” per rompere lo stallo politico.

Maduro ha denunciato Guaido, che è stato riconosciuto come presidente del Venezuela da un certo numero di nazioni occidentali, un fantoccio degli Stati Uniti che cerca di organizzare un colpo di stato.

Le principali istituzioni governative venezuelane, inclusi i militari, rimangono fedeli a Maduro nonostante le pressioni internazionali a unirsi a Guaido.

Durante la guerra in Iraq, il governo degli Stati Uniti assunse Blackwater per fornire sicurezza alle operazioni del Dipartimento di Stato.

Nel 2007, i dipendenti di Blackwater hanno scatenato l’indignazione internazionale uccidendo a freddo 17 civili iracheni a Baghdad, senza motivo.

Mercenari della Blackwater

Il fondatore di TVTV Blackwater ha offerto mercenari anche in Afghanistan dove sono in servizio attualmente.
Prince ribattezzò la società di sicurezza Blackwater e la vendette nel 2010 dopo lo scandalo. Tuttavia, ha recentemente aperto una società chiamata Blackwater USA, che vende munizioni, silenziatori, coltelli, sistemi difesa e servizi di scorta.

Ha anche cercato di convincere l’amministrazione Trump a sostituire i soldati Usa in Afghanistan con gli appaltatori della sicurezza dopo l’annuncio di Trump di ridurre il numero di forze straniere nel paese.

Dal 2014 Prince gestisce il “Frontier Services Group” con sede a Hong Kong, che fornisce servizi di sicurezza, aviazione e logistica a ditte cinesi che operano in Africa.

Prince ha donato $ 100.000 a un comitato di azione politica che ha sostenuto l’elezione di Trump. Sua sorella, Betsy DeVos, è la segretaria di educazione dell’amministrazione. .

Le due fonti con conoscenza diretta del piano di Prince per il Venezuela hanno detto che lo stesso Prince sta cercando $ 40 milioni da investitori privati.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

.

2 Commenti

  • namelda
    30 Aprile 2019

    il becchino Prince fa il suo sporco lavoro :spillare quattrini e ammazzare , e non ha alcun interesse
    a soluzioni temporali rapide o ad accordi politici,
    ritengo tuttavia che le indicazioni di Russia e Cina siano state molto chiare e non credo
    che saranno modificate dallla presenza eventuale di 5000 tagliagole prezzolati cui interessa sopratutto salvare la ghirba per godersi l’ingaggio.

  • Mardunolbo
    2 Maggio 2019

    I tagliagole prezzolati, giustamente così chiamati, anzi ratti mercenari ,come li chiamano in Siria, devono fare fine analoga ai loro colleghi nello Yemen: devastati e feriti e morti negli scontri con le milizie che difendono la nazione ! Così finiscono i ratti mercenari… Penso che in Venezuela farebbero fine altrettanto veloce con ritorno assicurato in sacchi di plastica neri ! “qui giace defunto, ratto mercenario che cercò dollari in terre altrui” Questo è il degno epitaffio per questi esseri.

Inserisci un Commento

*

code