Bill Gates progetta uno Stato carcerario pandemico globale permanente


di Jeffrey A. Tucker

Un disastro epico come la risposta del COVID, si potrebbe supporre, dovrebbe ispirare un po’ di umiltà e di ripensamento su come la sanità pubblica possa essere andata così male. Hanno avuto la loro occasione, ma hanno creato un disastro globale che non ha precedenti.
Questo è più che ovvio per qualsiasi osservatore competente. Il passo successivo potrebbe essere quello di vedere se ci sono luoghi in cui le cose sono andate piuttosto bene, e la Svezia mi viene in mente per prima. Le perdite sul piano dell’istruzione sono state inesistenti perché non hanno chiuso le scuole. In generale la vita è continuata normalmente e con ottimi risultati.

Si potrebbe ipotizzare che la via svedese sia stata avvalorata. Purtroppo ai nostri leader non importa nulla delle prove, a quanto pare. La loro preoccupazione è il potere e il denaro ad ogni costo. Di conseguenza, stiamo assistendo a uno sforzo concertato non solo per raddoppiare gli errori la volta successiva, ma per renderli ancora peggiori.
Nel fine settimana sono emersi i due principali esposti.
New York Times: “Stiamo facendo di nuovo gli stessi errori” di Bill Gates.
Wall Street Journal: “Cosa ha funzionato contro la Covid: mascherine, lockdown e vaccini” di Tom Frieden (ex capo dei CDC).
Gates si avvale del suo posto privilegiato presso il New York Times per promuovere ancora una volta un Corpo di Emergenza Sanitaria Globale, insediato presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità e gestito dalle stesse persone che hanno creato la risposta alla pandemia questa volta. In altre parole, si tratterebbe del centro del governo globale che spinge il mondo a ulteriori blocchi, in attesa di un’altra serie di vaccini.
Non ha imparato nulla dall’ultimo pasticcio che ha creato, per quanto ci si possa credere. Anzi, ne è completamente spudorato. Secondo lui, l’unico problema è che non ci siamo chiusi abbastanza velocemente, non abbiamo fatto uscire i vaccini abbastanza velocemente e non abbiamo condotto abbastanza ricerche in anticipo per creare il vaccino perfetto. E sì, questo richiede necessariamente una ricerca sul guadagno di funzioni.
In altre parole, secondo Gates, dobbiamo far sì che la ricerca continui a giocherellare in laboratorio con trucchi che anticipino gli agenti patogeni del futuro, aumentando così ancora una volta il rischio di fughe di laboratorio che rendono necessari rimedi che possono essere prodotti e distribuiti solo dalle aziende farmaceutiche in cui Gates ha investito così tanto.
Di conseguenza, abbiamo questo ciclo infernale: la ricerca sul guadagno di funzioni che anticipa il prossimo agente patogeno creandolo e rischiando così una perdita di laboratorio che rilascia l’agente patogeno che poi deve essere aggiustato dai vaccini stessi, ma tutto il mondo deve essere chiuso in attesa che possano essere distribuiti a miliardi di persone.

Bill Gates con il direttore OMS


E si tenga presente che Gates non è un uomo qualunque che scrive un articolo. È lui stesso il proprietario de facto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, quindi la sua spinta per una burocrazia permanente sulle pandemie ha molto peso. La macchina burocratica dei suoi sogni scavalcherebbe la sovranità nazionale per assicurarsi che non ci sia mai più un’altra Svezia.
“È difficile per un singolo Paese fermare la diffusione di una malattia da solo”, scrive, “Molte delle azioni più significative richiedono il coordinamento dei più alti livelli di governo”.
Il modello è sempre lo stesso ed è tratto dal mondo dell’informatica. C’è un disco rigido pulito, paragonato al corpo umano o a intere società. Funzionano bene, ma poi arriva una minaccia esogena sotto forma di malware. Per sconfiggerlo, abbiamo bisogno di un software aggiornato. È chiaro che non si dovrebbe accendere il computer finché non si riesce a ripulire il disco rigido.
Sono serio: La comprensione dei virus da parte di Gates non va oltre questo. Non ha imparato assolutamente nulla in questi anni. Sta ancora ripetendo le ridicole frasi dei suoi TED Talks di anni fa.
In realtà, tutto ciò non ha nulla a che fare con i virus biologici, per i quali abbiamo sviluppato un sistema immunitario, un concetto che gli sfugge del tutto. Trova inconcepibile che la strategia migliore per le persone sane sia quella di incontrare il virus e allenare il sistema immunitario. Anzi, è sconcertato da questa idea, favorendo solo l’uso di sostanze iniettabili per combattere le malattie.


Non gli sfugge nemmeno il modo in cui i virus, siano essi provenienti dai laboratori o dalla natura, debbano obbedire alla naturale dinamica epidemiologica della diffusione patogena. Più sono letali, meno è probabile che si diffondano. È vero anche il contrario: più sono diffusi, come il COVID, meno sono gravi.
Il motivo è semplice: un agente patogeno ha bisogno di un ospite vivente. Certo, ci sono altre variabili come la latenza, ovvero quanto tempo il virus vive nell’ospite prima che compaiano sintomi debilitanti. A parte questo, un laboratorio non può creare nulla che giochi fuori da questa matrice.
Se siete in grado di comprendere questo paragrafo, posso garantirvi questo. Ora ne sapete molto di più sui virus di Bill Gates. Eppure è lui ad avere l’influenza decisiva sulla politica delle pandemie in tutto il mondo. Il motivo è estremamente rozzo: sono i suoi soldi. Non è certo la sua intelligenza. Infatti, è piuttosto scioccante come il suo denaro sia riuscito da solo a comprare il silenzio degli scienziati di tutto il mondo, che si sono dimostrati spaventosamente ossequiosi e deferenti nei confronti del fanatismo che Gates ha propinato per decenni.
Un buon esempio viene da Tom Frieden, l’autore del citato articolo del Wall Street Journal. Per tutti i problemi della risposta alla pandemia, scrive, sappiamo cosa funziona: mascherine, lockdowns e vaccini (idealmente obbligatori). Il pezzo è esasperante al punto che è frustrante persino scrivere una risposta. E questo perché la sua conclusione è già pronta nella formulazione. Lancia una serie di link ad altri studi nel caso in cui si dubiti della sua veridicità, mentre evita accuratamente l’enorme numero di studi che dimostrano il contrario.
Quindi, sì, nel corso della settimana ho passato fin troppo tempo a esaminare le prove a sostegno della sua tesi. Per quanto riguarda le mascherine, cita studi assurdi di tre anni fa. Uno ha esaminato il mascheramento in Arizona per tre settimane e ha rilevato una differenza nei tassi di infezione. Ma questo studio è stato condotto durante la più piccola ondata iniziale del 2020 ed è completamente invalidato dalle analisi successive delle stesse due contee, per non parlare delle molte centinaia di studi di qualità che non hanno mostrato alcuna differenza nella diffusione virale in funzione del mascheramento.
Un altro studio proviene da una nave della Marina Militare in cui è stato chiesto alle persone di effettuare dei self-report. Non è nemmeno una scienza seria, eppure questo ex capo del CDC lo cita. Lo stesso studio è stato promosso dal CDC per giustificare la propria spinta verso le mascherine. È apparso nella serie MMWR per tre anni, che comprendeva alcuni dei peggiori dati scientifici mai diffusi da una burocrazia moderna.
Per quanto riguarda le chiusure delle aziende, Frieden non si prende nemmeno il disturbo di citare uno studio in loro difesa. Si limita ad affermare il diritto dei governi di chiudere le aziende se vogliono. Ciò che queste persone non menzionano mai è che tali chiusure includono anche il diritto del governo di bloccare la vostra casa per le feste e la vostra chiesa per le funzioni religiose. In altre parole, si tratta di un attacco massiccio ai diritti umani duramente conquistati in 1.000 anni.
Infine, per quanto riguarda l’efficacia dei vaccini, tutti gli studi che cita si basano su modelli informatici fasulli che possono generare qualsiasi conclusione si desideri in base ai parametri delle variabili in ingresso. Sono i tipi di modelli che gli scienziati seri che lavorano, ad esempio, in economia hanno smesso di usare molti decenni fa. Eppure gli epidemiologi continuano a sguazzarci dentro per sostenere le loro politiche preferite.
Naturalmente egli ignora le molte centinaia di studi condotti negli Stati Uniti e nel mondo che non mostrano alcuna relazione tra gli interventi governativi e i buoni risultati in termini di salute durante la pandemia.
C’è una ragione per essere profondamente allarmati da questi due articoli. Gli autori parlano a nome di alcune delle persone più potenti del mondo. Stanno spiegando esattamente ciò che vogliono fare. Sono completamente insensibili alle prove. E rivelano la loro ambizione di annullare, rovesciare e abolire di fatto tutto ciò che una volta era conosciuto come libertà.
Incredibilmente, hanno la faccia tosta di scrivere queste cose nel bel mezzo della carneficina che hanno creato l’ultima volta. Tutto ciò mi ricorda il famoso riassunto dell’impero romano scritto dal grande storico Tacito, parafrasando Calgaco:
Questi saccheggiatori del mondo, dopo aver esaurito la terra con le loro devastazioni, stanno saccheggiando l’oceano: spinti dalla cupidigia, qualora il loro nemico sia ricco; dall’ambizione, se è povero; non saziati dall’Oriente e dall’Occidente: si tratta di gente che guarda con uguale avidità alla ricchezza e all’indigenza. Devastare, massacrare, usurpare con appellativi falsi, lo chiamano impero; laddove creano un deserto, invece, lo chiamano pace.
Bill Gates e Tom Frieden hanno creato un deserto e lo chiamano salute.

FONTE – https://www.theepochtimes.com/bill-gates-plots-a-global-pandemic-prison-state_5138824.html?utm_source=partner&utm_ca

Traduzione: Come Don Chisciotte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM