Big Pharma è immorale per principio, ecco perché non possiamo fidarci di nulla


di Lance D Johnson.

Da agosto 2013 a dicembre 2018, l’industria farmaceutica ha pagato più di $ 12 miliardi (in pagamenti distribuiti) a
1.036.163 medici,
1.249 ospedali universitari e
2.191 aziende.
L’attuale modello di “medicina” incoraggia la corruzione, le tangenti e il controllo istituzionale su scienziati, media e operatori sanitari.
Questo sistema dominato dalle grandi aziende farmaceutiche è anche legalmente autorizzato a commercializzare direttamente ai consumatori, consentendo il lavaggio del cervello perpetuo della popolazione generale e dei professionisti medici.
Peggio ancora, Big Pharma è strutturata per generare alti rendimenti per i propri azionisti; il sistema non ha alcun incentivo a promuovere una salute migliore per una popolazione. Questo incentivo ad alto rendimento fa emergere i comportamenti più spaventosi e le decisioni aziendali più antiumane .
Big Pharma è riuscita a convincere intere popolazioni che non esiste un’immunità naturale, né altre soluzioni contro le infezioni oltre ai suoi prodotti per la salute .

Ad esempio, durante l’epidemia di covid-19, alcuni medici hanno avuto il coraggio di utilizzare antivirali sicuri ed economici come l’ idrossiclorochina, lo zinco , l’ ivermectina. , glutatione, vitamina D e C. Ma invece di promuovere trattamenti antivirali sicuri e facili da usare, l’establishment di Big Pharma ha combattuto per sopprimere trattamenti e altri approcci per aiutare le persone a costruire una risposta immunitaria sana.

Niente di nuovo sotto il sole, per chi sa come funziona questo monopolio. Nel corso dei decenni, la nutrizione tradizionale e la fitoterapia sono state sistematicamente ritirate dalla medicina occidentale.

Questa rimozione di informazioni vitali e soluzioni di immunità naturale alla fine apre la strada all’autorizzazione all’uso di emergenza degli investimenti in vaccini “troppo grandi per fallire”. Poiché queste aziende combattono per il dominio, la loro influenza sulle agenzie di regolamentazione, sui media e sulla “scienza” porta ad attività commerciali non etiche ed è per questo che nessuna azienda farmaceutica può essere degna di fiducia.

L’avidità delle grandi aziende farmaceutiche rende i sistemi medici vulnerabili, specialmente durante un’epidemia

Solo nel 2020: ​​Pfizer, GlaxoSmithKline, Johnson & Johnson, Sanofi, Gilead e AstraZeneca hanno generato un flusso di entrate combinato di $ 266 miliardi.
Anche se l’industria pullula di denaro, il governo federale degli Stati Uniti ha consegnato ai monopoli di Big Pharma almeno 18 miliardi di dollari in fondi pubblici per sviluppare vaccini contro il covid-19. Questo travaso di ricchezza dal popolo americano viene effettuato senza un solo voto da parte del popolo stesso.

Il Congresso non rappresenta la Volontà del Popolo; anche loro sono redenti da questa mostruosità di Big Pharma.
Negli ultimi dieci anni, GlaxoSmithKline (GSK) è stata multata di 3 miliardi di dollari per aver pagato tangenti a medici americani.
In Gran Bretagna, GSK è stata multata per corruzione di produttori di farmaci generici.
GSK ha pubblicato un articolo su una rivista medica che ha ingannato i genitori sulla sicurezza di un antidepressivo per i loro figli.

Per guadagnare altri 100 miliardi di dollari, GSK ha aumentato il prezzo di un inalatore per l’asma del 18% nel mercato statunitense. Man mano che gli azionisti incassano, ferire le persone diventa più probabile che sia una pratica commerciale.
Pfizer ha anche aumentato il prezzo dei farmaci essenziali su cui fanno affidamento i pazienti.

Pfizer ha aumentato il prezzo di un farmaco antiepilettico di cui avevano bisogno 48.000 pazienti britannici. In un anno, i servizi sanitari nazionali hanno dovuto pagare più di venticinque volte il prezzo originale di questo farmaco solo per mantenere in vita questi pazienti.

Nel complesso, i grossisti e le farmacie del Regno Unito hanno dovuto affrontare aumenti dei prezzi del 2.300%, che hanno aiutato Pfizer a generare profitti per 16 miliardi di dollari solo lo scorso anno.

In una sperimentazione farmacologica in Nigeria, Pfizer ha approfittato di un’epidemia, ha mentito sul suo trattamento sperimentale per la meningite e ha sottoposto i bambini a farmaci sperimentali non sicuri, senza fornire un adeguato consenso informato ai genitori.
Alla fine Pfizer ha dovuto pagare alle famiglie colpite 75 milioni di dollari, centesimi rispetto all’importo salvato dal governo federale nel 2020.

Johnson & Johnson (J&J) è attualmente l’azienda farmaceutica di maggior successo al mondo, con un fatturato di 82 miliardi di dollari nell’ultimo anno. Questo successo si basa anche su aumenti immorali dei prezzi, tra cui un aumento senza precedenti del 19% dei prezzi dei farmaci per la leucemia e il cancro alla prostata e un aumento del 16% dei prezzi dei farmaci per l’HIV.

AstraZeneca sta costruendo il suo impero tagliando i farmaci generici che potrebbero fornire opzioni più convenienti per i pazienti. La Corte di giustizia europea ha recentemente sostenuto la Commissione europea e ha stabilito che AstraZeneca ha abusato della sua posizione di mercato per bloccare i farmaci generici.

AstraZeneca ha manipolato i mercati ritirando la sua autorizzazione all’immissione in commercio per Losec, mentre introduceva una versione di seconda generazione del farmaco. Questa tattica ha sospeso gli studi clinici abbastanza a lungo da impedire alle aziende farmaceutiche di farmaci generici di portare sul mercato un’alternativa più economica.

Il sistema di avidità, censura e controllo di Big Pharma rende i sistemi medici vulnerabili e mette a rischio la vita delle persone, specialmente durante un’epidemia.

fonte: https://www.afinalwarning.com

Traduzione: Luciano Lago

20 Commenti
  • Mario
    Inserito alle 12:02h, 19 Giugno Rispondi

    RUSSIA CINA IL FUTURO DELL ‘ UMANITÀ

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 12:02h, 19 Giugno Rispondi

    tutto giusto e tutto verissimo, l’industria farmaceutica andrebbe resettata, pensano a guadagnare non curare, pensano a prolungare le malattie, non a fermarle.

    ma…
    quando dopo un anno e mezzo di martellamento mediatico leggi queste cose capisci che non è solo big pharma il problema…

    “Siamo venuti da lontano per fare vaccino.
    Abbiamo dormito in macchina per riuscire a farlo.
    Siamo stati tutta la notte ad aspettare davanti al centro per vedere che non venisse nessuno prima di noi.
    Ora mi sento libero!”
    Parole di un 14enne. Povero ragazzo, genitori indegni.

    https://t.me/RadioSavana/1719

    • Sandro
      Inserito alle 18:53h, 19 Giugno Rispondi

      per ARDITI, A DIFESA DEL CONFINE.

      Si può pensare che “prendo” il problema da lontano. Ma nulla avviene per caso e tutto ha una fonte. Ci si chiede chi finanzia quello e chi quell’altro, per aggiustare il tiro a proprio vantaggio (nel caso in questione , le industrie farmaceutiche).

      Nessuno si è mai chiesto, o almeno così pare, chi ha finanziato la legge 151 del ’75.

      Questo – il fatto posto in evidenza – è o potrebbe essere uno dei risultati.*
      Siamo scuri che a questo ragazzino sia stato dato il diritto di possedere un padre e una madre? L’articolo proposto parla di genitori indegni. Di sicuro i genitori li ha avuti. Genitore è chi genera. Ogni animale, di qualsiasi specie, se sano, può divenire genitore; basta che il maschio “copri” la sua femmina. Per farla breve, una famiglia unita, non disturbata da un governo “ballerino”, sa bene cosa fare , o almeno tentar di fare, per mantenersi in salute.

      *altro probabile (?) risultato: (notizia di oggi) “Alessandra, uccisa dall’ex marito davanti al figlio: “Mi ha chiesto 200 euro per vedere il bambino e ho perso la testa”

      • Arditi, a difesa del confine
        Inserito alle 05:13h, 21 Giugno Rispondi

        io ho riportato l’articolo, non ho commentato, il commento “genitori indegni” è dell’autore, non mio

        genitori indegni? in parte, ricordiamo che dopo 18 mesi di continuo, assiduo, imperterrito bombardamento mediatico i risultati non possono che essere questi.
        si sono rinchiusi in casa milioni di italiani con la scusa di un terribile virus che sembrava uccidesse le persone anche solo aprendo la finestra sul balcone, dopo questi arresti domiciliari è iniziata la seconda parte della campagna mediatica, il vaccino visto come lascia passare per la libertà.
        mettiamoci nei panni di quel bambino, a 14 anni non hai preoccupazioni, il mondo è tutto da scoprire, la scuola, gli amici.
        ecco, a 14 anni a sto bambino gli hanno tolto tutto, costringendolo a stare in casa, frequentando noiose lezioni online.
        è normale a quel punto che il bambino veda il vaccino come la soluzione ai problemi ed il ritorno ad una vita normale (che sarebbe quella che un bambino di 14 anni avrebbe diritto)
        sui genitori, beh certo, loro sono adulti e magari avrebbero potuto pensare, ma anche lì torniamo al discorso di cui sopra, ed inoltre non siamo tutti uguali, c’è chi è più forte mentalmente e chi meno, chi si può fare suggestionare o convincere e chi invece crede solo a quello che vede
        in definitiva quello che è successo non è altro che la dimostrazione di quanto affermava Goebbels : ripeti una bugia 1000 volte e diventerà verità

  • sublime
    Inserito alle 12:06h, 19 Giugno Rispondi

    Hai detto tutto,ho detto tutto.

  • atlas
    Inserito alle 12:46h, 19 Giugno Rispondi

    giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; altrimenti è solo propaganda https://twitter.com/heather_parisi/status/1405786393201180676

  • atlas
    Inserito alle 12:48h, 19 Giugno Rispondi
  • Sandro
    Inserito alle 14:38h, 19 Giugno Rispondi

    Quando si è saputo che la somatostatina, che in tempi non sospetti era venduta in farmacia al prezzo quasi paragonabile all’aspirina, veniva utilizzata dal prof. Luigi Di Bella per la cura e guarigione di alcuni tipi di cancro (ne blocca la crescita), il prezzo si è decuplicato fino a non essere più disponibile per le tasche di molti. Il lisozima, potente antibatterico e antivirale, – misteriosamente introvabile durante il picco della prima fase di “pandemia” e immeritatamente snobbato da medici allineati e coperti – , scoperto da Fleming nel 1922 e che per tal ragione è privo di brevetto, è prodotto, in ESCLUSIVA, da una SOLA casa farmaceutica. Ragion per cui per cui, il lisozima, non essendo prodotto in “generico” da industrie concorrenziali, è venduto ad un prezzo che definirei vergogno.

    • Sandro
      Inserito alle 14:42h, 19 Giugno Rispondi

      “””” che definirei vergognoso.

  • rossi
    Inserito alle 15:28h, 19 Giugno Rispondi

    io continuo a ripeterlo, ragazzi vi state allenando? Pesi, corsa ecc… fra un po’ deflagra la guerra, quella vera e ci vorrà il braccio forte forte nel colpir…… ci vorrebbe le guerra sarebbe catartica e i maledetti borghesi allucinati da hollywood si cagheranno sotto, già adesso si stanno cagando sotto per una influenza!?!, non valgono niente sono scarafaggi…………..

    • Vincenzo
      Inserito alle 15:51h, 19 Giugno Rispondi

      Tranquillo, gioia mia, l’allenamento è la prima cosa da parecchi anni. a questa parte. Non aspettiamo che il momento opportuno per continuare quanto iniziato nell’autunno del ’43. Sarà interessante verificare i cosiddetti “panzoni” dei nipotini dei cosiddetti “vincitori”. Auguri ai “Servizi”!!!!

  • atlas
    Inserito alle 16:02h, 19 Giugno Rispondi

    “era nato prematuro con una sofferenza fetale, aveva problemi di carattere motorio che avevano richiesto una serie di interventi”…però è morto di ‘covid’…ma il punto è un’altro: aveva fatto o non aveva fatto il ‘vaccino’ ? Credo non ce lo diranno mai

    https://corrieredellumbria.corr.it/news/cronaca/27649747/covid-mario-ruocco-morto-15-anni-pediatra-no-paziente-rischio.html

  • Giorgio
    Inserito alle 19:20h, 19 Giugno Rispondi

    Poche chiacchiere ……. chiudere con il fuoco i laboratori di ricerca, succursali delle maledette multinazionali, con i cosiddetti ricercatori chiusi dentro ……
    uccidere un biologo-virologo allineato e asservito non è reato …… ma un atto di giustizia ……

  • salvatore ricciardini
    Inserito alle 20:24h, 19 Giugno Rispondi

    Anche la Sandoz Novartis ha aumentato il prezzo del generico del Cialis .Hanno iniziato con euro 28,00 confezione da 4 adesso, diceva il mio amico farmacista, costa 32 euro a pacchetto. Cosa costa a loro di più, visto che è un generico.Questi nonn si fanno concorrenza e mirano a tiranneggiare chi deve acquistare i loro farmaci.

    • Sandro
      Inserito alle 21:23h, 19 Giugno Rispondi

      per SALVATORE RICCIRDINI
      Ma già è tanto che lo si trova in commercio. Per taluni che gestiscono (intendono gestire) la nostra vita privata, è considerato un farmaco per sporcaccioni; per coloro che non hanno “timor di (un) dio”. Ma quando qualcosa fa mercato il timore si mette da parte. Eppure sono riusciti a far togliere dalla produzione, per molti anni, uno spermicida che avrebbe potuto salvare molte donne da aborti procurati.

  • salvatore ricciardini
    Inserito alle 20:28h, 19 Giugno Rispondi

    Lo stesso aumento vale per i purganti.Aumentano tutto,solo lo stipendio,NO

  • Claudio
    Inserito alle 22:47h, 19 Giugno Rispondi

    Per me, IL TERMINE CASE FARMACEUTICHE, NON ESISTE PRATICAMENTE PIU, LO DEDICO A PICCOLE POCHISSIME, MA ONESTE AZIENDE FARMACEUTICHE. PER I BIG DEL SETTORE IL TERMINE DISTINTIVO È SOLO: COSCHE FARMACEUTICHE!!!, (sti maledetti)

  • antonio
    Inserito alle 13:19h, 20 Giugno Rispondi

    anche il papa di roma è nell’ affare

Inserisci un Commento