"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Bidonville e degrado urbano: la nuova Italia multiculturale

In provincia di Foggia, a Borgo Mezzanone, si anticipa quale sarà l’ambiente dell’Italia multiculturale che la sinistra mondialista ci vuole imporre: degrado, violenza, mafia nigeriana padrona del territorio, famiglie italiane assediate dai gruppi di delinquenti africani.

Situazione esplosiva a Borgo Mezzanone a pochi passi da Foggia. Gli abitanti stanno facendo i conti ancora una volta con una vera e propria bidonville di migranti in totale solitudine. Lo leggiamo su La Stampa. Ogni giorno spunta una nuova baracca. «Nel punto esatto in cui un blindato dell’esercito italiano presidia l’ingresso posteriore del Cara di Borgo Mezzanone, uno dei tre più grandi centri per richiedenti asilo d’Italia, incomincia la bidonville dei migranti», leggiamo.

Lo spettacolo è veramente indecoroso. «Vedi montagne di rifiuti stratificati, roghi di plastiche, fumi neri, niente bagni, un travaso continuo di persone e le ragazze, nuove anch’esse, appena arrivate da Foggia, in attesa su vecchi divani sfondati davanti alla baracca bordello. C’è una grande discoteca sotto una tettoia verde. La chiesa degli afghani. Il ristorante dei pakistani. Ma la zona più grande è quella gestita dalla mafia nigeriana. Dove comanda un tale con due occhi allucinati, che seduto davanti a una bandiera americana, con tre cani tristi fra i piedi, domanda: «Tutto a posto?».

Borgo Mezzanone Bodonville

«Comandano i nigeriani, abbiamo paura»

Il punto cruciale è proprio questo: a preoccupare da tempo i residenti del piccolo centro sono alcune bande nigeriane che di fatto controllano la zona. La legalità da queste parti è morta da un pezzo e gli episodi di violenza si consumano in una sorta di terra di nessuno. I residenti sono esasperati e ritengono di essere stati abbandonati dallo Stato. All’inizio dell’estate c’era stata ad una rivolta dei cittadini – una delle tante- dopo che un migrante aveva derubato una anziana signora cercando persino di violentarla. Ora chiedono una linea di trasporto dove potersi spostare in pace e senza paura: “Perché la circolare è piena di stranieri – leggiamo- Noi siamo 700, loro più di 5000 e non ce la facciamo più”, spiegano i residenti. “Ci insultano, fanno la pipì per strada. Le nostre ragazze vorrebbero prendere il pullman, ma non possiamo lasciarle andare in questa situazione. Abbiamo chiesto alla squadra mobile e alla prefettura, hanno risposto che non possono farci niente. Dicono che non ci sono altri mezzi disponibili”.

Aspetti della bidonville

Bidonville di migranti

I militari presidiano il Cara, ma qualche metro più in là la baraccopoli ha una vita propria. E così un docente ammette: “Qui i problemi sono troppi. Si mischiano diverse forme di illegalità. Diversi tipi di migrazione. Siamo soli. Abbandonati. Inascoltati. Qui manca tutto, bisognerebbe ripristinare la legalità ad ogni livello”. Come si possa parlare di legalità, accoglienza e rispetto delle regole solo i buonisti lo sanno. Molte inchieste, molte segnalazioni sono state fatte, si era messa in moto una commissione parlamentare d’inchiesta. Ma restano i fatti, oggi la situazione è peggiorata.

Nota: Facile prevedere che seguiterà  peggiorando e che queste situazioni si andranno ad  estendere in molte altre zone del territorio italiano.  Di vergogne come quella del Borgo Mezzanone ne esistono molte in varie regioni  italiane e si vanno moltiplicando.
I governo Renzi/Alfano e Gentiloni, oltre alla Boldrini, Grasso, Bonino, Pisapia e soci,  hanno voluto precisamente questo, spalancare le porte a tutti, favorire il business della migrazione onde  avere l’Italia meticcia e acogliente verso tutti.I risultati si vedono.

*

code

  1. Der einame stein 3 settimane fa

    Qualche imbecille comunista mi denuncerà? Intanto mi sono convinto che di tutti i comunisti della terra (a volte alcuni perfino da
    ammirare), quelli italioti siano i peggiori in assoluto in quanto a ottusità e imbecillità da una parte, (i trinariciuti di Guareschi) e
    incapacità, sete di potere (con conseguenti vantaggi economici anche illegali) e odio profondo per chiunque non la pensi come lorodall’altra.
    Il che mi fa rimpiangere profondamente Benito, e a volte anche Adolf…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo 3 settimane fa

      ma non l’avranno vinta !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jack 3 settimane fa

    Nota:facile prevedere che seguiterà peggiorando e che queste situazioni si andranno ad estendersi in molte altre zone
    del territorio italiano.
    Certamente,ma vieni a dirlo dove abito io,una città di provincia che ancora non ha questi problemi,abitata da gente ignorante
    egoista,menefreghista,che ragiona (tanto io sto ancora bene e che cazzo me ne frega) e che avendo pure figli e nipoti piccoli
    vive come se fosse ancora negli anni ’80 o ’90,e che se ti sentisse parlare ti prenderebbe per matto.
    Gente da prendere a calci in culo finché non se ne va a fare in culo,credimi. A ‘sto punto..guarda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 settimane fa

      Terribile, ma credo che queste “isole” ci siano un po’ ovunque, anche nelle grandi citta’.Io vivo in un quartiere periferico, ma gia’ c’e’ qualche piccolo segnale.E’ solo una questione di tempo poi si manifestera’ anche da te questo problema.Intanto il comitato di affari a capo della ex chiesa divenuta la ong piu’ grande e ricca al mondo,spinge in maniera indecente per bocca del CEO mons. galantino sullo ius soli,dicendo “le unioni gay si e lo ius soli no?”Quando vedro’ concedere la cittadinanza vaticana agli africani potro’ credere alla loro buona fede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Aldus 3 settimane fa

      A proposito: che andassero a farsi fottere sia in vita che in memoria morti, questi Nomadi del cazzo. Li ricordo cantare contro “il mito della patria e dell’eroe” , e poi pontificare con la voce di questo Augusto barbone alla Marx, su tutto, nelle loro canzoni “impegnate”, quando dominava il ventaccio comunista leninista e maoista con tessera PCI nel portafogli sul culo. Lo si è visto, il loro essere schierati, come il professor Vecchioni, a libro paga dello stato, lazzarone e canterino, ora in corteo a volere lo ius soli a danno della povera gente italiana che ora per lui conta meno di niente. Dove sei Capanna del cazzo? Dove sono, oggi che davvero c’è il capitalismo più becero, e le strade sarebbero da riempire in coerenza con la loro dottrina di allora? Dove sono quelli che urlavano “fascisti, borghesi, ancora pochi mesi!” ? Eh? dove cazzo siete, oggi che scendere in piazza costa al vostro portafogli da borghesi fottuti traditori della povera gente? Dove cazzo siete?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. animaligebbia 3 settimane fa

        Anche loro,come tanti altri,sono stati parte integrante di quella autentica follia collettiva della controcultura del 68,che credo sia stata la spallata definitiva al nostro sistema di credenze,cultura,valori.Alcuni per genuino idealismo credevano davvero di migliorare la societa’,altri hanno capito e abiurato,altri ne hanno fatto un modo per guadagnare la pagnotta vendendosi,basti guardare dove sono sistemati i duri e puri di Lotta Continua ; lerner,liguori,sofri,ferrara e compagnia vendente,sistemati ai vertici dell’informazione,alla faccia degli idealisti che hanno fatto il carcere vero o ci hanno rimesso la pelle.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Renè 3 settimane fa

      Jack c’è gente che si vorrebbe leggere controinformazione dopo mangiato e tu mi pubblichi quegl’ESCREMENTI inutili dei Nomadi?!
      Musicalmente sono delle nullità. ETICAMENTE me li ricordo bene qualche anno fa ad un concerto in “regione rossa” dove festeggiavano l’ennesimo decennio d’inutilità e conformismo, così per sancire ciò: INVITARONO ENRICO LETTA SUL PALCO (!!!) ci furono due o tre “eretici” che dal pubblico mugugnarono, ma subito il “leader” del gruppo affermò che “LETTA E’ UNO DI NOI” a quel punto ci furono solo degli APPLAUSI SCROSCIANTI… il popolo di decerebrati cyborg era sollevato, il Partito, sotto forma degl’inutili Escrementi aveva ordinato che LETTA è buono, uno di noi…
      Spero che non ci siano altri “musicopatici” come me e che nessuno abbia avuto dei conati di vomito alla sola vista del mediocre letame (si spera)nomade…
      In quanto a Foggia e dintorni… hanno votato un sindaco da (quasi)5mila euro al mese (dati “trasparenti” al 2014) ex democristiano poi berlusconiano… uno di cui fidarsi…
      Circa la soluzione agl’assembramenti di afro-islamici in favelas, la soluzione c’è e dov’è stata applicata non sono più tornati…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eugenio Orso 3 settimane fa

    Quello che mi sconcerta, è il comportamento vigliacco, anti-italiano, da veri complici (o meglio, servi) di chi diffonde il degrado mascherato da multiculturalismo, delle cosiddette forze dell’ordine: in pratica, polizia e carabinieri.
    Costoro agiscono contro la popolazione italiana, contro i cittadini che dovrebbero difendere. Nella migliore ipotesi, fingono di non vedere, se ne stanno rintanati come topi in casermette e commissariati, abbandonando al loro destino la popolazione. Vigliacchi, ipocriti, servi di un sistema anti-nazionale e anti-italiano, parassiti esclusi dalle controriforme delle pensioni, che hanno colpito gli italiani …
    Costoro adducono la motivazione che non ci sono mezzi disponibili, nascondendosi dietro un dito (in ciò, supportati dai media). Vi ricordate alcuni anni fa, che girava la favoletta della mancanza di benzina per muovere le auto di servizio, onde coprire la loro vile e pelosa inefficienza? Anche in televisione, quando qualcuno sollevava lo scottante problema del mancato intervento di polizia e/o carabinieri, c’era sempre il cretino che si alzava in piedi e diceva “Ma non gli danno la benzina!”, ripetendo a pappagallo la menzogna propagata dai media.
    Per quanto riguarda i carabinieri, basta pronunciare la parola “Firenze”, a testimonianza che sono anche loro parte integrante del degrado subito dalla popolazione.
    Per quanto attiene alla polizia “di stato”, ricordo in un grave episodio, legato alla droga, nella regione in cui vivo, il Friuli Venezia Giulia. L’arresto del vice questore di Gorizia, Carlo Lorito, che fu a capo della squadra mobile di Gorizia e Trieste, con un periodo di detenzione nel celebre carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, in Campania. In quel caso, che è esploso come una bomba (sembra che Lorito fosse un “consumatore” di cocaina che cercava di appropriarsi piccole quantità di droga sequestrata), non hanno potuto nasconde e insabbiare …
    Se in Italia ci fossero forze di pubblica sicurezza degne di questo nome, sono certo che i disgraziati abitanti di Borgo Mezzanone, se la passerebbero un po’ meglio e avrebbero un minimo di difesa e sicurezza.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo 3 settimane fa

      @eugenio orso
      Ti sei dimenticato dell’esercito e della marina italiana, per non parlare della magisratura.
      Oramai l’italia è perduta, sono troppe le forze in campo che stanno facendo il gioco al massacro contro il proprio stesso popolo a vantaggio di orde di negri e maomettani, che scappano è vero, ma dalla galera in quanto ricercati nei loro paesi per reati comuni!
      La propaganda pro invasione incalza sempre più, la possiamo percepire come un macigno sulle nostre teste attraverso i media mainstream (ma anche no) tutti i santi giorni e le proteste si stanno affievolendo. Negli italiani “contro” è subentrata la rassegnazione determinata dal fatto compiuto.
      Dopo la delusione Trump, della tiepida opposizione del gruppo visegard alle imposizioni di Bruxelles ma anche di una politica di contenimento della Russia, non si riesce a vedere un po’ di luce in fondo al tunnel in questo in questo allucinante momento storico di follia collettiva che ha colpito l’Italia, in particolare e il resto d’Europa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Werner 3 settimane fa

    Multiculturalismo è sinonimo di degrado, non nascondiamocelo. Più culture all’interno dello stesso territorio non possono mai coesistere armoniosamente, tranne che nelle menti tarate dei fanatici immigrazionisti. Tra l’altro è opportuno ricordare che queste “culture” d’importazione che si stanno insediando nel nostro territorio, provengono da contesti molto particolari, ragion per cui esse sono incompatibili con la nostra. E’ persino impossibile pensare che possano essere assimilate alla nostra, visto che soprattutto gli arabo-islamici e gli africani subsahariani la rifiutano a priori.

    Il fatto che permettiamo (detto in generale ovviamente) a queste masse di allogeni di poter mettere facilmente piede nei nostri territori e di poter dettare legge, è conseguenza del nichilismo di stampo sessantottino che ha causato il declino morale, etico e civile delle società italiana ed europea nel suo complesso, un virus che ha infettato così anche le istituzioni politiche che le governano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. PieroValleregia 3 settimane fa

    … avete letto Il Campo dei Santi di Jean Raspail ? scritto negli anni 70 aveva previsto tutto ciò che sta accadendo con lucidità, chiarezza e una buona dose di cinica ironia.
    All’invasione si opposero, nel libro citato, solo una ventina di uomini e, neppure una donna …
    Gli oppositori vennero bombardati dai loro stessi commilitoni …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Marco 3 settimane fa

    I Pugliesi hanno votato il Pd ed Emiliano come presidente che ha sostituito un mondialista come Vendola anch’esso sedicente sinistrorso.
    Quindi a loro va bene cosi, non hanno nessun Salvini di cui preoccuparsi e saranno tra i primi a considerare quest’ultimo un problema preferendo lo status quo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Aldus 3 settimane fa

    I negri seri stanno a casa loro e lavorano, non sono disposti a ciondolare per le strade straniere, o vanno a lavorare come operai specializzati nelle ditte italiane e con contratto decente. Soprattutto non rompono i coglioni a nessuno e si fanno i fatti loro e pagano le tasse. Questi sono delle merde e i rifiuti della loro stessa razza e nazione. Sono stati importati da Soros ( che il male lo prenda) a tanto al quintale, e buttati in Italia come bombe ad orologeria, in combutta con i Sauditi. Non hanno né dignità né intelligenza né cultura, scoreggiano e sbraitano tutto il giorno, poltriscono, si inchiappettano fra loro, rubacchiano e spacciano e bastonano le loro donne per farle battere meglio, vanno a piagnucolare presso i “mediatori” culturali, le parrocchie, eccetera. Però sono furbissimi come le volpi, e vengono educati dai comunisti e dai cattocomunisti sui loro diritti. Aspettano solo di avere la cittadinanza, perché conoscono i loro diritti meglio degli italiani, e si trovano nel paese più stronzo del mondo, ove chi comanda vuole fare morire i propri concittadini e dare a loro quello che mai nessuno si sarebbe sognato di chiedere. Sono il risultato della cancrena cattocomunista giunta al capolinea dell’aberrazione e della deboscia: il suicidio e il masochismo più vomitevole e lercio, l’affondamento della coscienza umana. Il sonno della ragione genera mostri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Aldus 3 settimane fa

    Vorrei chiedere ai tanti meridionali disoccupati e presi per il sedere dalla loro borghesia ladra e ministeriale, se non sarebbe ormai ora di cominciare a sparare su questi negri e su chi li difende, insomma di fare i cecchini, almeno, e di far fuori i cattocomunisti che minano la nazione dal sindacalista corrotto e loro vicino di casa, al ricco ministeriale che si scalda al sole nel loro bel paese. Destarsi è un inevitabile obbligo, e del resto cos’altro possono fare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gino 3 settimane fa

    uguale alla periferia romana anni 60-70. solo che allora i bindonvillati erano italiani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo 3 settimane fa

      @gino
      E quindi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. maboba 3 settimane fa

    Dall’elenco manca il peggiore di tutti, quello vestito di bianco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Aldus 3 settimane fa

    Povera Italia!!! E’ necessario che sorga una nuova scuola che mostri con nomi nuovi ciò che è vecchio? “Resistenza etnica”= No assoluto alla presenza di centinaia di migliaia di negri e stranieri fra la popolazione italiana. “Grido del Bisogno”= L’urlo di rabbia degli Italiani disoccupati e ammalati per avere dallo Stato priorità assoluta. ” Nuova mamma latina e pietosa”= Una chiesa staccata da questa morente. ” E tanto altro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Anglotedesco 3 settimane fa

    interessante questo articolo:

    LE MONDE:”L’intesa tra Italia e Libia per fermare i migranti”

    https://anglotedesco.blogspot.it/2017/10/le-mondelintesa-tra-italia-e-libia-per.html

    Rispondi Mi piace Non mi piace