Biden, in ginocchio dai sauditi a Riyadh

di Stephen Lendman

Nonostante in precedenza avesse definito quella la capitale mondiale della carneficina e delle frustate pubbliche “uno stato paria”, il falso Biden si farà vivo a Riyadh alla fine di questa settimana – in ginocchio – per spingere per ciò che i sauditi probabilmente non riusciranno a realizzare.

Secondo il cosiddetto accordo di produzione OPEC+, i sauditi aumenteranno la produzione di petrolio a 11,0 milioni di barili al giorno ad agosto.

Secondo Saudi Aramco, questa ha una capacità massima sostenibile di 12 milioni di barili al giorno, con piani per aumentare la quantità a 13 milioni al giorno entro il 2027.

Per un solo mese nell’aprile 2020, la produzione saudita è stata di 12 milioni di barili.

In un periodo di tre mesi precedente, era di 10,8 milioni di barili al giorno.

La sua produzione giornaliera massima sostenuta in precedenza era in media di 10,5 milioni di barili.

Non ci sono prove della capacità o volontà dei sauditi di aumentare la produzione di un milione di barili al giorno rispetto al suo livello attuale, da mantenere mensilmente in futuro.

Saudi Aramco non l’aveva mai fatto prima.
Allo stesso tempo, i sauditi sono impegnati nell’accordo OPEC+ con la Russia.
Le loro relazioni bilaterali avvantaggiano entrambi i paesi.

Tuttavia è improbabile che i sauditi mettano a repentaglio i propri interessi per servire l’agenda egemone anti-russa degli Stati Uniti.

A metà giugno, Bloomberg News ha riportato quanto segue:

Sebbene i sauditi e altri produttori regionali di petrolio abbiano concordato di aumentare marginalmente la produzione di petrolio settimane prima, è improbabile che vadano molto oltre.

Secondo lo storico del petrolio Daniel Yergin:
“Non c’è molto più petrolio in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti per cambiare davvero in modo significativo il mercato”.
“La situazione dell’offerta è così sottile.”

Petrolio Saudita

Oltre all’Iran pesantemente sanzionato, i sauditi e gli Emirati Arabi Uniti sono gli unici produttori regionali di petrolio in grado di aumentare la produzione molto oltre i loro livelli attuali, ma non quotidianamente fino alla fine dell’anno fino al 2023.

Bloomberg ha spiegato che mantenere un aumento della produzione più che marginalmente al di sopra del livello attuale “su base sostenuta (era) raramente se mai visto prima” nel regno, aggiungendo:

Se i sauditi e gli Emirati Arabi Uniti “aumentano (ndr) la produzione, l’esaurimento delle loro scorte di riserva non fa che seminare il timore che non rimanga alcun cuscinetto per coprire future emergenze di approvvigionamento”.

“Questa è l’ultima coperta di sicurezza che esiste per il mercato petrolifero in questo momento”, ha spiegato Yergin.

Anche se la produzione viene aumentata, non è disponibile una capacità di raffinazione sufficiente per produrre benzina, diesel e carburante per aerei.

Secondo il direttore della Enverus Intelligence Research Bill Farren-Price:

“L’inflazione dei prezzi dell’energia è un problema più grande del petrolio greggio”.

È oltre l’Arabia Saudita e le sue controparti del Golfo da riparare”.

E questa verifica della realtà dell’analista petrolifero Giovanni Staunovo:

“Mancanza di investimenti in nuove forniture a livello globale, scorte scarse e capacità inutilizzata in diminuzione” sono problemi che non possono essere risolti facilmente.

“Potrebbe essere necessario che i prezzi del petrolio rimangano supportati per innescare la distruzione della domanda e riportare l’offerta e la domanda in equilibrio”.

Anche se il falso Biden è in grado di sanare le relazioni logore tra Stati Uniti e Arabia Saudita, non risolverà quello che tiene alti i prezzi dell’energia.

A Riyadh incontrerà il re Salman e il principe ereditario MBS (Mohammed bin Salman), una figura dell’intelligence statunitense accusata di aver ucciso il giornalista Jamal Khashoggi nel 2018.

Non importa che mesi prima, la Casa Bianca aveva affermato che il regime di Biden tratterà solo con il re saudita Salman in un momento “appropriato”, non con MBS.

Più tardi questa settimana, il falso Biden arriverà a Riyadh in ginocchio con un ramo d’ulivo esteso al principe ereditario nella speranza di convincerlo ad aumentare la produzione di petrolio abbastanza da abbassare i prezzi.

Prima della sua visita, Biden ha pubblicato la sua spiegazione editoriale scritta da fantasmi del motivo per cui sta andando nel regno.

Dicendo che “(a) un Medio Oriente più sicuro e integrato avvantaggia gli americani (sic)” ha ignorato l’occupazione americana in corso della Siria settentrionale e meridionale alla ricerca di una guerra per procura per sempre contro il paese, insieme alla guerra dell’impero della menzogna contro lo Yemen dall’ottobre 2001, in combutta con i sauditi per gran parte di questo periodo.

E la guerra di lunga data degli Stati Uniti contro l’Iran non belligerante e non minaccioso con altri mezzi continua, perché è libero dal controllo imperiale.

E l’ISIS creato e sostenuto dagli Stati Uniti, al-Qaeda e jihadisti che la pensano allo stesso modo continuano ad essere usati nella regione e altrove dall’impero della menzogna come fanti per procura.

E non c’è fine al sostegno di lunga data degli Stati Uniti per l’apartheid Israele a spese dei palestinesi longanimi.

Entrambe le ali del partito di guerra degli Stati Uniti danno la priorità all’avanzamento dell’impero della nazione con guerre eterne e altri sporchi trucchi, a scapito della pace mondiale, della stabilità e delle relazioni di cooperazione con altri paesi.

L’egemone USA è una minaccia senza precedenti sulla scena mondiale.

È improbabile che il falso contatto di Biden con MBS raggiunga ciò che potrebbe essere facilmente ottenuto normalizzando le relazioni con Russia, Iran e Venezuela, ricchi di petrolio e gas.

Eppure questa opzione sono fuori discussione, ad eccezione della falsa sensibilizzazione alla Repubblica Bolivariana, che probabilmente sarà di breve durata, non di lunga durata.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago


1 Commento
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 10:35h, 11 Luglio Rispondi

    Gli USA sempre sbandierando democrazia e diritti, non perdono occasione per fare l’esatto contrario. E i loro tantissimi trombettieri – elenco infinito- a libro paga cosa vengono a dire e a scrivere nella loro propaganda ?

Inserisci un Commento