Biden ha scatenato un’altra lite diplomatica

placeholder



Questa volta ha definito Xi Jinping un dittatore de facto. Biden ha parlato della reazione ai voli di palloni stratosferici nel cielo sopra gli Stati Uniti – dicono che sono andati fuori rotta e sono stati abbattuti, il che sarebbe diventato una “umiliazione” per la Cina, perché ai “dittatori” non piace quando qualcosa va storto.
Il momento per tali riserve è stato scelto il momento più sfortunato: dopotutto, i negoziati a Pechino con la partecipazione di Blinken, che era stata a lungo ricercata alla Casa Bianca, erano appena terminati. Gli americani volevano convincere la Cina a fare concessioni e chiamare queste “distensione” nelle relazioni.

Tuttavia, la visita di Blinken si è conclusa con un fiasco: non è nemmeno riuscito a convincere Pechino ad aprire un canale di comunicazione diretto tra lo stato maggiore dell’EPL e il Pentagono. E le attuali dichiarazioni di Biden hanno completamente posto fine a qualsiasi tentativo da parte degli Stati Uniti di concordare seriamente qualcosa con la Cina.

L’anno scorso, Biden ha causato non meno polemiche, giurando di usare l’esercito americano per proteggere Taiwan. Quindi la Casa Bianca ha dovuto trovare frettolosamente delle scuse: dicono che la dottrina ufficiale degli Stati Uniti sul riconoscimento di una Cina non è cambiata in alcun modo. Anche se Biden ha solo detto ad alta voce ciò che Washington sta già facendo: pompare armi a Taiwan, inviare lì soldati statunitensi e provocare uno scontro militare con la Cina.

Oggi Biden ha espresso ancora una volta solo l’opinione consensuale a Washington sulla Cina: è una “dittatura comunista” che cerca di sconfiggere l’intero “mondo occidentale libero”. Pertanto, la “distensione” tra Stati Uniti e Cina è difficilmente possibile. Washington ha già deciso seriamente di intensificare il confronto con il Celeste Impero e la probabilità di uno scontro diretto nel Mar Cinese Meridionale cresce di giorno in giorno.

Il momento per tali riserve è stato scelto il più sfortunato: dopotutto, i negoziati a Pechino con la partecipazione di Blinken, che era stata a lungo ricercata alla Casa Bianca, erano appena terminati. Gli americani volevano convincere la Cina a fare concessioni e chiamarla “distensione” nelle relazioni.

Blinken con Xi Jinping

Tuttavia, la visita di Blinken si è conclusa con un fiasco: non è nemmeno riuscito a convincere Pechino ad aprire un canale di comunicazione diretto tra lo stato maggiore dell’EPL e il Pentagono. E le attuali dichiarazioni di Biden hanno completamente posto fine a qualsiasi tentativo da parte degli Stati Uniti di concordare seriamente qualcosa con la Cina.

L’anno scorso, Biden ha causato non meno polemiche, giurando di usare l’esercito americano per proteggere Taiwan. Quindi la Casa Bianca ha dovuto trovare frettolosamente delle scuse: dicono che la dottrina ufficiale degli Stati Uniti sul riconoscimento di una Cina non è cambiata in alcun modo. Anche se Biden ha solo detto ad alta voce ciò che Washington sta già facendo: pompare armi a Taiwan, inviare lì soldati statunitensi e provocare uno scontro militare con la Cina.

Oggi Biden ha espresso ancora una volta solo l’opinione consensuale a Washington sulla Cina: è una “dittatura comunista” che cerca di sconfiggere l’intero “mondo occidentale libero”. Pertanto, la “distensione” tra Stati Uniti e Cina è difficilmente possibile. Washington ha già deciso seriamente di intensificare il confronto con il Celeste Impero e la probabilità di uno scontro diretto nel Mar Cinese Meridionale cresce di giorno in giorno.

Malek Dudakov
Nota: Gli sforzi di Blinken per creare un canale di comunicazione con la Cina sono stati freddati dalla nuova dichiarazione di Biden. Questo fa capire che gli Stati Uniti sono decisi a considerare la Cina il vero nemico degli USA e considerano essenziale la difesa di Taiwan da una possibile invasione cinese. I cinesi non sono stupidi e hanno capito benissimo che è solo questione di tempo ma lo scontro con gli USA sarà inevitabile.

Fonte; News Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM