Biden ha rifiutato di riconoscere le “linee rosse” nel contesto dell’Ucraina

La Russia avverte del rischio di guerra con la NATO al confine con l’Ucraina

L’ambasciatore russo a Londra, Andrei Kelin, avverte che l’escalation delle tensioni al confine ucraino potrebbe innescare un conflitto bellico tra Russia e Occidente.

“ C’è il rischio di una guerra per errori di calcolo al nostro confine orientale, e questa è l’ultima cosa che vogliamo. Dobbiamo prevenire questo tipo di escalation, se si verifica “, ha detto Kelin questa domenica durante un’intervista alla stazione britannica Times Radio .

Allo stesso modo, ha sottolineato la necessità di una totale de-escalation tra Russia e Regno Unito per prevenire una “guerra calda”, poiché ha ritenuto della massima importanza condurre negoziati per evitare un aumento delle tensioni.

Alla domanda se la Russia risponderà ai movimenti dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) verso il confine orientale dell’Ucraina, Kelin ha chiarito che si tratterà di un’altra escalation di tensioni, sebbene il suo Paese non abbia intenzione di entrare in Ucraina.

Le tensioni tra la Russia e i paesi occidentali si sono intensificate dopo la reincorporazione della Crimea nella Federazione Russa nel 2014. Da allora, Washington e i suoi alleati dell’Alleanza Atlantica hanno aumentato la loro forza militare negli stati confinanti con la Russia, con il pretesto di quella che chiamano “la minaccia russa”.

Forze russe in Crimea

Kiev e i suoi alleati occidentali, in particolare gli Stati Uniti, hanno recentemente denunciato quello che definiscono un massiccio accumulo militare da parte della Russia vicino ai confini dell’Ucraina. Accusano infatti Mosca di aver schierato più di 90.000 soldati nell’area e di aver provocato un attacco entro l’inizio del 2022 contro il suo vicino occidentale.

Fingendo tutto questo, il blocco militare occidentale ha trasferito migliaia di truppe nei Paesi baltici e nella regione del Mar Nero, aree troppo vicine ai confini russi, che Mosca vede come una minaccia diretta alla propria sicurezza.

La Russia sostiene che il dispiegamento delle sue unità dell’Esercito nell’area in questione risponde alla necessità di difesa e deterrenza contro la minaccia di un possibile attacco della NATO e dell’Ucraina.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti
  • Enriquelosroques
    Inserito alle 09:22h, 04 Dicembre Rispondi

    Quando finiranno queste bugie occidentali? Siamo dentro ormai in una società distopica orwelliana. Nella neolingua orwelliana pace è guerra, e guerra è pace. Dove il cattivo è buono e il buono è cattivo. Bugie su bugie. Crimini su crimini. Una società al contrario. Bisogna rendere imbelle l’occidente intero.

    • Redazione
      Inserito alle 17:09h, 06 Dicembre Rispondi

      Si riaffaccia lo psicopatico troll che infesta il sito con i suoi commenti osceni. Procedere a nuova disinfestazione…..

      Ci scusiamo con i lettori…

      La Redazione

  • Nexus
    Inserito alle 09:33h, 04 Dicembre Rispondi

    Viviamo in una società che si regge sulla menzogna.
    I politici occidentali mentono ai loro popoli.azione
    I loro “sudditi” fingono di credergli… per convenienza, opportunismo, conformismo, paura, rassegnazione, costrizione.
    La verità è scomoda, la verità fa male.

  • Nicholas
    Inserito alle 10:24h, 04 Dicembre Rispondi

    Dopo le dichiarazioni di Giorgetti, penso che a presto l’Europa diminuirà le forniture di gas Russo. Creando, così, una guerra fredda tra Europa e Russia.
    Fra qualche anno, probabilmente si passerà alle armi.

  • Agostino
    Inserito alle 14:09h, 04 Dicembre Rispondi

    Non so se alla fine prevarrà il buonsenso sulla malafede. Di sicuro c’è che la Russia sta schierando uomini e mezzi militari entro i propri confini e nel proprio territorio mentre la Nato sta dislocando uomini e mezzi bellici appartenenti ad altri paesi occidentali dentro i confini ucraini e a un “tiro di schioppo” da quelli russi. Sfido chiunque abbia un briciolo di biuonsenso a negare che siamo di fronte a una macroscopica evidenza di falsificazione della realtà. La Russia è una superpotenza militare ed è sicuramente in grado di “mangiarsi” l’Ucraina se questa si azzardasse ad attacare il Donbas, in maggioranza russofono ed a sottometterlo con un bagno si sangue. Ed è per questo che Putin ha dislocato vicino al confine, a casa propria, un esercito con uomini mezzi al fine di dissuadere il governo Ucraino dall’intraprendere una tale avventura, non certo per minacciare una invasione. Semmai è la Nato che non ha alcuna ragione legale per essere là, dato che l’Ucraina non ne fa parte e non vi sono in atto da parte della Russia azioni belliche con occupazione violenta e armata di territori altrui. Il governo ucraino dirà “Ma la Russia si è annessa la Crimea”. Falso perché la Crimea, che era già parte della Russia, ha votato in massa un referendum, mi risulta con tanto di osservatori internazionali, decidendo di ritornare in seno alla madre Russia, dopo la breve parentesi, tutta interna all’URSS, voluta da Kruscev che l’aveva trasferita all’Ucraina che però (e non è una cosa di poco conto) era parte integrante della stessa URSS. Dunque dov’è il crimine della Russia? Dove sta la violazione del diritto internazionale da parte della Russia? Ci siamo dimenticati di quanto è avvenuto nei Balcani ad opera della Nato? Guardate, in questo pericoloso addensarsi di oscure nubi belliche, per qualcuno forse la cosa non è attinente, ma sappiate che siamo in piena attuazione del segreto di Fatima. Suor Lucia, la veggente di Fatima ha rivelato in tempi non sospetti a Padre Agostino Fuentes, postulatore della causa di beatificazione degli altri due pastorelli veggenti di Fatima, che la Russia sarà lo strumento che Dio utilizzerà per punire il mondo, e io credo questo mondo occidentale, divenuto massonico satanista e che vuole imporre un Nuovo Ordine Mondiale con l’arroganza, l’aggressione politica, mediatica, economica, finanziaria e sanzionatoria. E l’unica potenza, che gli si oppone è la Russia, la Santa Russia, non più comunista, unica potenza cristiana mondiale che ancora può definirsi tale. Non meravigliamoci se un giorno ed entro breve tempo assistessimo al dilagare delle forze armate di invasione della Russia in occidente, non meravigliamoci se ciò accadesse con picchi di distruzione mai visti prima e con milioni di cadaveri a terra. La Russia sarà forse costretta ad attaccare cadendo per certi versi nella trappola massonico satanista della Nato. Non vincerà la guerra e non la perderà nemmeno, ma avrà liberato il mondo dalla morsa Anticristica e massonico satanista determinando la dissoluzione e l’annientamento del progetto attualmente in progress del Nuovo Ordine Mondiale. Sarà allora che il nuovo Papa della rinnovata Chiesa Cattolica Apostolica Romana (forse unificata con la stessa Chiesa Ortodossa Russa) in continuità apostolica con il Santo Padre Benedetto XVI, consacrerà quel Grande Paese al Cuore Immacolato di Maria come chiesto a Fatima e avremo un lungo periodo di pace. Alla fine è sempre Dio il vero “Signore del tempo e della storia” che decide il corso degli eventi mondiali. Per noi è una questione di fede perché è la fede che fa la differenza.

Inserisci un Commento