Biden fa marcia indietro sull’Iran

Di Finian Cunningham (*)

Sembra evidente che il presidente Joe Biden stia facendo marcia indietro sulle precedenti promesse di riportare gli Stati Uniti all’accordo nucleare con l’Iran e altre potenze mondiali. Il che solleva la domanda: chi sta tirando le fila di Biden?

Gli attacchi aerei ordinati da Biden questa settimana contro le milizie sostenute dall’Iran in Siria non aiuteranno certamente a riparare le relazioni tra Washington e Teheran, che sarebbero necessarie per salvare ciò che resta dell’accordo nucleare.

Durante la sua campagna elettorale, il candidato democratico stava dicendo che avrebbe invertito la politica di ostilità di Trump sulla “massima pressione” nei confronti dell’Iran e se fosse stato eletto avrebbe riportato gli Stati Uniti a muoversi in conformità con l’accordo nucleare firmato nel 2015.
Trump aveva abbandonato il patto nucleare firmato dagli Stati Uniti e da altre potenze internazionali e aveva reimpostato sanzioni paralizzanti all’Iran.

Tuttavia, l’amministrazione Biden appena inaugurata sta spostando gli obiettivi con l’Iran. Il presidente e i suoi collaboratori stanno dicendo che gli Stati Uniti torneranno al Piano d’azione globale congiunto, ma solo dopo che gli iraniani avranno fatto la prima mossa invertendo i passi incrementali che Teheran ha intrapreso per ridurre gli impegni nei confronti del PACG .

L’Iran è comprensibilmente esasperato dalle richieste degli Stati Uniti. Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif sottolinea che è la parte americana che ha violato in primo luogo il trattato nucleare allontanandosi unilateralmente da quello nel 2018 sotto Trump. L’Iran afferma che spetta a Washington l’onere di cancellare le sue sanzioni e di rispettare la sua firma sull’accordo. Quindi Teheran solo a quel punto riprenderà ad aderire a tutte le disposizioni del trattato.

Mohamad Zarif, minsitro Esteri dell’Iran

Questa settimana l’Iran ha annunciato una sospensione temporanea delle ispezioni improvvise sui suoi siti nucleari da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica per un periodo di tre mesi. L’Iran dice che spetta a Washington porre fine alle sue sanzioni entro questo periodo, altrimenti il ​​JCPOA può essere considerato condannato.
Il tempo stringe su quanto farà il presidente Biden. Farà come precedentemente aveva indicato, riportando gli Stati Uniti al JCPOA, il che comporta la fine delle sanzioni unilaterali? O insisterà inutilmente nel fare pressioni sull’Iran perché si muova per primo?

Gli attacchi aerei americani sui beni iraniani in Siria suggeriscono che l’amministrazione Biden è pronta a rinnegare le aperture diplomatiche con l’Iran.

Attacchi aerei USA sulla Siria e Iraq

Perché Biden sembra retrocedere su un accordo internazionale negoziato dall’amministrazione Obama di cui era vicepresidente? Biden sembrava condannare la politica di Trump nei confronti dell’Iran durante la campagna elettorale del 2020. Allora perché sembra che ora stia facendo marcia indietro sull’idea di andare avanti con la diplomazia nei confronti dell’Iran?

Emergono due fattori. In primo luogo, Biden e il suo Segretario di Stato Antony Blinken hanno entrambi dichiarato pubblicamente che questa amministrazione si consulterà strettamente con Israele sulla politica in Medio Oriente. Israele si oppone con veemenza al fatto che gli Stati Uniti tornino all’accordo sul nucleare, con alcuni capi militari israeliani che si spingono fino a dire che sarebbe motivo di azione militare.

Il secondo fattore è l’Arabia Saudita, anch’essa implacabilmente contraria all’accordo con l’Iran, ritenendo che qualsiasi normalizzazione con Teheran aumenterebbe solo l’influenza iraniana rivale nella regione.

Biden ha recentemente tenuto cordiali telefonate con i leader israeliano e saudita in cui il presidente americano ha elogiato “l’importanza strategica” delle alleanze statunitensi. Come se volesse enfatizzare quel messaggio, la chiamata di Biden questa settimana con il re saudita Salman è arrivata poche ore dopo gli attacchi aerei statunitensi contro le milizie sostenute dall’Iran in Siria.
L ‘”importanza strategica” per gli Stati Uniti derivante dalle sue relazioni con Israele e Arabia Saudita è molteplice: deve mantenere l’egemonia americana in Medio Oriente, prolungare le lucrose vendite di armi per il complesso militare-industriale degli Stati Uniti, deve mantenere la proiezione del potere militare dal una miriade di basi e, soprattutto, sostenere il sistema del petrodollaro dal quale il potere economico americano è fatalmente dipendente.

Biden con il monarca dell’Arabia Saudita

L’importanza strategica di mantenere Israele e Arabia Saudita disponibili per lo zio Sam dà a queste due potenze regionali un veto sulla politica americana. Questo spiegherebbe perché il presidente Biden sta facendo marcia indietro rispetto alle precedenti aperture per riprendere l’accordo nucleare con l’Iran.

Alla fine, tuttavia, il potere americano in Medio Oriente è instabile e insostenibile. Si basa sul provocare tensioni e conflitti. Biden di tutte le persone dovrebbe saperlo. Ha trascorso quasi 50 anni come politico coinvolto nella promozione degli interessi mortali dell’impero statunitense in Medio Oriente.

*Finian Cunningham ha scritto molto su affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in chimica agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo giornalistico. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come redattore e scrittore in importanti organizzazioni di mezzi di informazione, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent. –


Fonte: ” Information Clearing House “
Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Farouq
    28 Febbraio 2021

    Avevo già scritto le tre leggi del sionismo:

    -Dichiarare una cosa e contemporaneamente il suo opposto

    -Umiliazione (embargo, bombardamento, ecc..) poi mano tesa al dialogo

    -Visita ad alto livello e molta cordialità ad uno Stato poi una strage nello stesso

    Menzogna, tradimento, disprezzo e senso di superiorità

  • Nicholas
    28 Febbraio 2021

    La cosa più stupida che possono fare gli iraniani è credere alle vane promesse degli USA…. chi parla con lingua biforcuta non ha mai buone intenzioni

  • Fratello Marcus
    28 Febbraio 2021

    Perché pensi che il porco sarà ricevuto dalla guida suprema? Ah ah!

Inserisci un Commento