Biden dichiarato presidente degli Stati Uniti – Merkel, Johnson e Macron gli hanno già “baciato la scarpa”

Il BENVENUTO viene dato a Biden dalle élite americanizzate
dell’Occidente che hanno avuto l’opportunità di salutare il candidato
del Deep State e del Partito Democratico – Joe Biden – come neoeletto
Presidente degli Stati Uniti.

“America, è un grande onore per me essere il leader eletto del nostro grande paese. Abbiamo un duro lavoro davanti a noi, ma posso
prometterti che sarò il presidente di tutti gli americani, che tu
abbia votato per me o no. “Meriterò la fiducia che mi hai dimostrato”,
ha detto Biden sul suo Twitter.

Il canceliere tedesco Angela Merkel, il primo ministro britannico Boris Johnson e il presidente francese Emanuel Macron sono
stati i primi a congratularsi con Biden per la sua vittoria alle
elezioni presidenziali.

“Sinceri complimenti! I cittadini americani hanno preso una decisione. Joe Biden è il 46 ° presidente degli Stati Uniti. “Gli auguro felicità e successo con tutto il cuore, e mi congratulo anche
con Kamali Harris, il primo vice presidente eletto del suo paese”, ha
detto la Merkel.

“Mi congratulo con Joe Biden per la sua elezione a Presidente degli Stati Uniti e Kamali Harris per il suo storico risultato. “Gli Stati Uniti sono il nostro alleato più importante e non vedo l’ora di
lavorare a stretto contatto sulle nostre priorità comuni, dal
cambiamento climatico al commercio e alla sicurezza”, ha detto
Johnson.

“L’America ha eletto il suo presidente, congratulazione a Joe Biden e Kamali Harris. Abbiamo molto da fare per superare le sfide
odierne. “Lavoriamo insieme”, ha scritto Macron sul suo Twitter.

Le congratulazioni sono state già inviate a Washington dal presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e dal presidente del
Parlamento europeo, David Sassoli.

Stoltenberg con Gentiloni ,quello del “Assad deve andarsene e ..la Russia non dovrebbe intervenire in Siria, poeggiorerebbe la situazione…..”

Non hanno dimenticato neanche questo importante personaggio:

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha fatto lo stesso: “Conosco Biden come un forte alleato della NATO e un sostenitore delle relazioni transatlantiche. In un mondo imprevedibile, la leadership degli Stati Uniti è più importante che mai.
Una NATO forte è positiva sia per il Nord America che per
l’Europa. Insieme, gli alleati della NATO costituiscono quasi un
miliardo di persone, metà della potenza economica mondiale e metà
della potenza militare mondiale. “Abbiamo bisogno di questa forza
collettiva per affrontare molteplici sfide, tra cui una Russia sempre
più aggressiva, terrorismo internazionale, minacce informatiche e
missilistiche e il mutevole equilibrio di potere globale che è venuto
con il rafforzamento della Cina”.

Quindi l’Occidente sta tornando a se stesso. Sul percorso che ha diviso a metà l’America e portato a Trump più voti in queste elezioni rispetto al 2016.

Si cercherà di ridurre Trump a un “errore sistemico” e a un temporaneo malinteso. I prossimi giorni si vedrà se si romperà la resistenza di Trump e se questi si arrenderà.

E- si vedrà quanto vale il “Trumpismo”

Fonte: Fakti.org

Traduzione: Biljana Stojanovic

4 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 18:30h, 08 Novembre Rispondi

    Ci sono persone e popoli nati liberi e altri che amano la sottomissione e quest’ulitimi odiano i più deboli, meccanismo psicologico classico

  • atlas
    Inserito alle 19:01h, 08 Novembre Rispondi

    cmq, Biden o Trump…presidente di questa suinocrazia non poteva che essere un porco. Quì ci sarà la conferma quando lo sarà BerLuxCohen

  • Kaius
    Inserito alle 20:13h, 08 Novembre Rispondi

    Quindi tornerà la propaganda delle zoccole,dei negri e dei ricchioni.
    Per favore qualcuno faccia scoppiare una guerra

  • Mardunolbo
    Inserito alle 21:57h, 09 Novembre Rispondi

    Trump, che non è uno stupido, aveva già preso delle contromosse “alla Putin” , sapendo che i dem-merdi avrebbero fatto di tutto per estrometterlo dal potere….
    Chi avrà volgia di aspettare, si accorgerà che la frode elettorale sta venendo a galla e comincia qualche tv amercana, a parlarne.
    Penso che lo scandalo, quando uscirà, sarà gigantesco e coinvolgerà molte personalità.
    Del resto, per chi non avesse ancora capito, Trump è l’unica pedina Usa contro la porcheria mondiale.
    Altre pedine, sia pur alla loro maniera, sono Xi-jing-bing e Putin.
    Ma inevitabilmente lo scenario che scoppierà negli Usa, coinvolgerà il mondo.
    I Rockefeller sono già nervosetti :
    Rotschild è molto nervoso..
    In aggiunta per i raperonzoli che battono la tastiera tanto per sentirsi vivi:
    https://www.maurizioblondet.it/muslims-for-biden/

Inserisci un Commento