Biden colpisce la Russia

di Stephen Lendman (*)

Biden, gli intransigenti intorno a lui e quasi tutti gli altri politici e burocrati a Washington sono ostili in modo militante verso le nazioni libere dal controllo imperiale – in particolare la Cina, la Russia e l’Iran.

Il 26 febbraio, il doppio Biden (JB sotto) ha reinventato il colpo di stato Obama / Biden 2014 in Ucraina.

Il loro regime ha trasformato il governo democratico in tirannia totalitaria, uno stato come un pugnale che prende di mira il cuore della Russia.

JB ha accusato ingiustamente Mosca per ciò che è seguito. I sostenitori della linea dura degli Stati Uniti incolpano notoriamente le altre nazioni per i propri crimini di guerra, contro l’umanità e altri sporchi trucchi.

Nel marzo 2014, tramite referendum, il 96,77% dei Crimea ha votato per rientrare in Russia, scegliendo la libertà sul dispotismo installato dagli Stati Uniti a Kiev di cui non volevano far parte.
La Crimea ha ciò che è assente nell’Occidente dominato dagli Stati Uniti: la democrazia come dovrebbe essere, non la versione fantasy in America, nei paesi europei e in Canada.

Gli osservatori internazionali hanno elogiato il processo in Crimea. Le votazioni si sono svolte pacificamente e senza intoppi.
Era un processo scrupolosamente aperto, gratuito e giusto. Non si sono verificate irregolarità. Nessuno è stato visto.
Non ci sono state pressioni o intimidazioni, brogli elettorali, nessuna frode sfacciata come accade negli Stati Uniti.
Non c’era un solo soldato russo in vista. Nessuno ha invaso . Nessuno occupa la Crimea. Le affermazioni in caso contrario sono state fabbricate falsamente.
L’affluenza è stata senza precedenti, superando l’83%. A Sebastopoli l’89,5%. Uno scarso 0,72% delle schede è stato dichiarato nullo.

Il primo ministro della Crimea Sergei Aksionov si è rivolto a un raduno di Simferopoli, dicendo:
“Nessuno può portarci via la nostra vittoria. Andiamo in Russia. “
“Stiamo andando a casa”, ha aggiunto. “La Crimea in Russia. Evviva, compagni. “

Il presidente del Parlamento Vladimir Konstantinov ha aggiunto: “Ce l’abbiamo fatta! Ce l’hai fatta! “
“Questa è la nostra vittoria e nessuno ce la può togliere.”

Ludmila Balatskays, deputata al governo della città di Sevastapol, era felicissima, dicendo:
“Oggi è il giorno più bello della mia vita. Stiamo tornando alla madre Russia “.
“Ero solo una ragazzina quando ci hanno appena informato che la Crimea adesso era Ucraina. Tutto era crollato intorno a me. “
“Siamo la Russia. Siamo sempre stati russi nelle nostre anime qui in Crimea, ma oggi questo diventa di nuovo una realtà pratica “.
Sentimenti simili sono stati espressi da altri Crimeani.

Presidente Vladimir Putin in Crimea

Il regime Obama / Biden ha rifiutato l’autodeterminazione per la Crimea affermata dalla Carta delle Nazioni Unite e da altre leggi internazionali.
È un diritto universale di tutte le persone in tutto il mondo senza che nessuna interferenza straniera o di altro tipo sia legalmente autorizzata a negarlo.

La Carta Atlantica del 1941, adottata dall’America, dalla Gran Bretagna e dai loro alleati durante la seconda guerra mondiale, affermava il diritto all’autodeterminazione, i suoi principi tra cui nessun ingrandimento territoriale, nessun cambiamento territoriale fatto contro i desideri del popolo – senza autodeterminazione, restaurazione di sé -può essere accettato, l’autodeterminazione è un diritto universale per tutte le persone ovunque.
La Carta delle Nazioni Unite afferma “il principio della parità di diritti e dell’autodeterminazione delle persone …”
L’articolo 1 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR) afferma:
“Tutti i popoli hanno il diritto all’autodeterminazione. In virtù di tale diritto, determinano liberamente il loro status politico e perseguono liberamente il loro sviluppo economico, sociale e culturale “.

L’articolo 15 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo afferma: “(e) tutti hanno diritto alla nazionalità (autodeterminazione). Nessuno potrà essere arbitrariamente privato della propria nazionalità né gli potrà essere negato il diritto di cambiare la propria nazionalità. “

Nel dicembre 1960, la risoluzione 1514 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha concesso l’indipendenza ai paesi coloniali e al loro popoli, affermando il loro diritto all’autodeterminazione.
Al momento del referendum della Crimea, il presidente della Duma di Stato della camera bassa russa Sergey Naryshkin ha criticato l’ipocrisia occidentale guidata dagli Stati Uniti, rifiutando l’autodeterminazione della Crimea, pur riconoscendo il governo illegittimo di Kiev, instaurato da un sfacciato colpo di stato del regime Obama / Biden.
Il 18 marzo segnerà il 7 ° anniversario della riunificazione della Crimea con la Russia.

Putin in precedenza aveva firmato un decreto, affermando un sentimento quasi unanime del suo popolo.
I parlamentari russi lo hanno approvato in modo schiacciante. Così ha fatto la sua Corte costituzionale.

Un documento del Cremlino affermava che la riunificazione era “basata sulla libera e volontaria espressione di volontà da parte dei popoli della Crimea in un referendum nazionale, tenutosi nella Repubblica Autonoma di Crimea e nella città di Sebastopoli il 16 marzo 2014, durante il quale il popolo della Crimea ha preso la decisione di riunirsi con la Russia “.

Sono stati formati due nuovi territori costituenti russi: la Repubblica di Crimea e la città federale di Sebastopoli, a cui è stato assegnato uno “status autonomo speciale”.

Il confine terrestre della Crimea con l’Ucraina divenne il confine di stato della Russia.
La Crimea divenne automaticamente formata da cittadini russi. Coloro che desideravano mantenere la cittadinanza ucraina erano liberi di farlo.
In precedenza, alla domanda se Mosca avrebbe preso in considerazione la possibilità di restituire la Crimea all’Ucraina in qualsiasi circostanza, Putin ha detto:

“Di cosa stai parlando? Tali circostanze non esistono e non lo saranno mai “.
La Crimea è territorio russo sovrano. Non sarà consegnato all’Ucraina o ad alcun altro paese per nessun motivo.
La Crimea ha scelto di rientrare in Russia. Il loro status è permanente, non temporaneo.

Putin irremovibile sulla Crimea

Il tentativo di JB di reinventare la realtà la scorsa settimana è fallito, la sua litania di grandi bugie dalla faccia pelata non ha ingannato nessuno, dicendo:
“La Russia ha violato il diritto internazionale (sic) … e la sovranità e l’integrità territoriale della vicina Ucraina quando ha invaso la Crimea (sic)”.
Fatto: nessuna legge è stata infranta. Non si è verificata alcuna invasione russa.
Fatto: la Crimea è territorio russo sovrano. Non è “Ucraina”. JB ha mentito affermando il contrario.
Dire che gli Stati Uniti stanno con l’Ucraina e il suo popolo hanno ribaltato la realtà.
Sono terrorizzati dal regime fantoccio installato dagli Stati Uniti.
Non si è verificata alcuna annessione russa della Crimea. JB ha falsamente affermato il contrario.
Dire che gli Stati Uniti non riconosceranno mai gli eventi del marzo 2014 mostra che i loro regimi al potere rifiutano l’autodeterminazione e altre libertà democratiche fondamentali.

L ‘”aggressione” è il modo in cui gli Stati Uniti operano sulla scena mondiale, non la Russia – che opera dando la priorità alla pace e alle relazioni di cooperazione con altri paesi, non intraprendendo guerre per sempre per possederli.
Dire che gli Stati Uniti “sostengono (i) un futuro pacifico, democratico e prospero per” l’Ucraina è opposto ai loro obiettivi imperiali, alla loro ripugnanza per la pace e la democrazia come dovrebbe essere – in patria e all’estero.


Fonte: stephenlendman.org

*Stephen Lendman.org, analista,. scrittore, storico, autore di varie opere di geopolitica e storia, è nato nel 1934 a Boston, MA. Nel 1956 ha conseguito un BA presso l’Università di Harvard. Seguirono due anni di servizio nell’esercito degli Stati Uniti, quindi un MBA presso la Wharton School presso l’Università della Pennsylvania nel 1960.

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 15:13h, 01 Marzo Rispondi

    articolo strepitoso, l’Istituto Luce ne sarebbe orgoglioso

    w la propaganda

  • antonio
    Inserito alle 17:34h, 01 Marzo Rispondi

    l’ esercito di Sauron – Samuel e i mostri orchi vogliono impossessarsi del mondo dei buoni
    hobbit nani , elfi e gli uomini,
    la mitologia si avvera

  • eusebio
    Inserito alle 19:06h, 01 Marzo Rispondi

    Il ributtante quisling ucraino in occasione del settimo anniversario del ritorno della Crimea alla Russia ha affermato che la separazione della Crimea dall’Ucraina è significata l’estirpazione del cuore dell’Ucraina, la più velenosa menzogna che poteva pronunciare, l’aspirante quisling bielorussa ha convocato dall’esilio lituano una grande manifestazione per il 25 marzo a Minsk, in occasione della ricorrenza della proclamazione della prima repubblica bielorussa nel 1918, facendo presente che l’indipendenza del paese è in pericolo, a causa della sempre più avanzata integrazione tra Russia e Bielorussia.
    Anche in Ucraina i piani russi per il recupero del paese sono delineati, il deputato filorusso Rabinovitch è stato sanzionato dal governo ucraino per aver pubblicato una mappa dell’Ucraina dove la Crimea non c’è, il Donbass è contrassegnato dalle sigle delle due repubbliche separatiste, il resto del sud e dell’est è contrassegnato dal colore indicante i russofoni, il centro dal colore indicante gli utilizzatori del dialetto misto russo-ucraino e solo l’estremo ovest indicato con il colore dei parlanti ucraino.
    Ciò vuol dire che Mosca applicando gli accordi di Minsk vuole federalizzare l’Ucraina dando il diritto di secessione alle regioni russofone, mentre per la Galizia ci può essere l’annessione alla Polonia.

  • Ramona
    Inserito alle 22:43h, 03 Marzo Rispondi

    Quell,uomo scatterà la guerra , è un pazzo,con manie di onnipotenza,,,,,,, aspettatevi ,,che il bello deve ancora venire

Inserisci un Commento