"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Battaglia sulle rotte del Mediterraneo: mondialisti, mafiosi, ONG e scafisti tutti contro il Governo Conte/ Salvini

di  Luciano Lago

Non si perdona al ministro Salvini di voler fermare il traffico dei migranti sul Mediterraneo, sarebbe un colpo grave e irrimediabile per il business degli scafisti e delle mafie ma sarebbe ancora più grave per il fronte mondialista costituito dai sostenitori delle migrazioni di massa e della sostituzione etnica delle popolazioni.

Questo spiega come in queste ore si stia compattando un fronte unito tra organismi internazionali come l’ONU e le organizzazioni collegate, ONG , partiti della sinistra mondialista ed intellettuali del pensiero Unico corretto e pro migrazioni.


I più duri, quanto patetici, nell’attaccare la svolta anti migrazioni sono stati i sindaci di Napoli e Palermo, rispettivamente il De Magistris , denominato “Giggino ‘o flop” e Orlando, immarcescibile sindaco di Palermo. Questi sindaci hanno esortato le navi dei migranti a sbarcare nei loro porti garantendo acoglienza umanitaria ed alloggio garantito e pasti gratuiti per tutti.

Immediata la protesta dei disoccupati organizzati e degli sfrattati e senza casa di Napoli e di Palermo che hanno accusato il rispettivo sindaco di assicurare ai migranti africani esattamente quello che loro chiedono da anni: pane, casa e lavoro assicurato. I due sindaci, che affermavano di non disporre delle risorse per assicurare un alloggio agli sfrattati ed assistenza e pasti per le famiglie in difficoltà, affermano adesso di poter disporre di tutte queste risorse, comparse miracolosamente nei loro comuni, per fornire alloggio ai migranti africani. Si sospetta un razzismo alla rovescia contro gli italiani poveri e disperati.

Le accuse contro Salvini ed il governo sono quelle di aver impresso una svolta nazista (Orlando) o di voler chiudere tutto, prima i porti, poi le strade, poi i cittadini nelle case, affermazione fatta dalla impagabile Laura Boldrini che ritiene acora di essere molto popolare nonostante la trombata ricevuta nelle ultime elezioni politiche. La Boldrini parla e pensa di essere ancora una “voce autorevole”. Peccato che non se la fili più nessuno.

Più serie sono le prese di posizone dell’ONU, supremo orgnismo mondialista che patrocina le migrazioni africane in Europa, che ha condannato l’atteggiamento del nuovo governo italiano. Ancora peggiori le accuse delle ONG di Soros che indicano nel Governo Conte/Salvini un rigurgito di nazismo o un nuovo Pinochet, in “pericolo per la democrazia”.

Silenzio invece dall’Europa che finge di non sapere e di non volersi immischiare nelle beghe fra Italia e Malta su a chi spetti l’operazione di sbarco.
Nel frattempo altre navi nelle acque libiche imbarcano migranti, nel consueto sistema di garantire il viaggio e lo sbarco in Italia, come prevedono i patti con gli scafisti, ma Salvini non ci sta, questo traffico deve finire.

Le reazioni furiose contro Salvini si devono anche al pericolo che la chiusura dei porti italiani potrebbe voler significare la fine dei processi di deportazione di migranti ridotti a schiavi per lo sfruttamento delle imprese e delle mafie e questo danneggerebbe gli “affari” delle grandi società e delle organizzazioni mafiose che, tramite il caporalato, possono contare su una mano d’opera a buon mercato.

Naturalmente i processi di deportazione dei migranti nella neolingua del sistema globalista vengono definiti come “accoglienza ed integrazione” in modo che l’opinione pubblica sia sviata e pensi che i “buoni” e gli “umanitari” si trovino dalla parte delle grandi società di capitale che sono le stesse che finanziano gli esponenti della sinistra mondialista. Niente di nuovo sono “umanitari” i bombardamenti che vengono effettuati per portare la “democrazia” quanto sono “umanitarie” le deportazioni per lo sfruttamento dei nuovi schiavi del sistema globalista.

L’eccesso di “umanitarismo” rischia però di provocare una razione di rigetto in quanti si sentono presi in giro da questa sfacciata propaganda della sinistra mondialista che ha dimenticato i diritti sociali dei lavoratori e si è concentrata sull'”umanitarismo” a favore dei migranti.

Il braccio di ferro nel mediterraneo continua…….

.

*

code

  1. Anonimo 1 mese fa

    Se Salvini non ferma l’invasione di negri ed islamici clandestini parassiti e delinquenti sarà politicamente finito.
    Salvini e la Lega si giocano tutto sul fermare l’invasione dei barbari africani, se falliscono scompariranno dalla scena politica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 1 mese fa

    attenzione che una nave ne sta raccattando 800 dalle coste libiche ed immagino che l’intenzione sia di portarli qui. Quindi, la acquarius NON DEVE aTtraccare on Italia viceversa anche l’altra arriverá.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. candido carra 1 mese fa

    Ma questa Europa ha perso la memoria? Gli USA hanno distrutto la Libia! “Loro” hanno
    creato il problema che adesso vogliono far risolvere a noi. Gli stessi che hanno
    bombardato per mesi scuole e ospedali ci vengono a parlare di pietà e accoglienza.
    Tutto questo è pazzesco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 1 mese fa

      Super concordo, questi bastardi americani mi fanno vomitare, feccia, cancro del pianeta!!!!!!!!!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Anonimo 1 mese fa

      Non c’è una guerra americana dove non siamo coinvolti, facciamo le loro guerre per il loro interesse, CRETINI CHE SIAMO! Ha ragione Salvini, riprendiamoci la dignità!
      Razza spregevole gli americani,. come il PD, si propongono come i “buoni” contro i cattivi. A questo punto preferisco confrontarmi, votare i cattivi, che almeno di essere cattivi lo dicono, e gli altri si sanno regolare, no? Con l’amico falso come ne esci? Mandandolo a ca**re, vada a fare l’amico di qualcun altro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lister 1 mese fa

    Beh, una “casa chiusa” per la Boldrina, la organizzerei…. ;D

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. XD 1 mese fa

      Eheheh!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Anonimo 1 mese fa

      Con tutte le risorse a disposizione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. amadeus 1 mese fa

    Chi si ritiene falsamente “umanitario” faccia seguire fatti alle chiacchiere portando a casa propria e a proprie spese gli invasori perché di questi si tratta, dando il buone esempio i sindaci, il vaticano, l’onu e altri che la pensano come loro, e non comandando col culo degli altri, é palese che nessuno di questi ha ancora subito uno stupro in famiglia, sarei curioso di vedere quanto durerebbe ancora la loro linea a favore degli invasori da posizionare comodamente a spese degli altri. Perciò si tappino la bocca e stiano zitti !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vincent 1 mese fa

    Come si fa a salvare 650 persone? Dove stavano? Su un megabarcone capace di ospitare 650 persone? Ma che salvati, questi disperati sono stati imbarcati sulle coste libiche e spediti come pacchi postali al soldo delle peggiori specie di esseri umani…Basta con queste notizie infernali, credono di indorare la pillola inventando che ci sono donne incinte e bambini che anche se fosse vero non diminuirebbe la gravità della situazione…non possiamo tollerare più l’arrivo di migliaia di persone su navi battenti bandiere di tutti i Paesi…solo un demente può credere che sono persone salvate, è evidente che sono imbarcate di proposito proprio perché arrivano a centinaia su navi. Se ricordiamo bene anni fa arrivavano su gommoni ed erano 30 o poche decine alla volta, adesso siamo alle migliaia per volta su navi Ong…evidentemente hanno intenzioni losche

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. 1 mese fa

    Siamo al grottesco vescovi che twittano ” ho bussato e non mi avete accolto” mentre el gaucho riceve i rappresentanti delle sette
    sorelle, mandanti e responsabili di quello che e’ successo in libia , e del conseguente flusso incontrollato di migranti e parolin parolaio interviene al bilderberg
    grottesco , non si rendono conto che non abbocca piu nessuno, sono fuori dalla realta’ , continuano imperterriti, a credere che gli italiani
    possano essere indefinitivamente presi per il culo .
    Lilli gruber, l annunziata , stanno dando le ultime mazzate alla credibilita’ (presunta ma ormai indifendibile) dei loro teatrini mediatici
    Saviano & co. #machivesenculappiu’, fazio strazio stracciacazzio , sono nel delirio totale, la fiducia degli italiani in tv e giornali
    scesa al 25% della popolazione ,il dato piu’ basso in tutta europa.
    navi Ong olandesi, francesi, tedesche? = territorio olandese,francese,tedesco, basta charter , portatevi i migranti che imbarcate nei vostri paesi
    come previsto da Dublino, basta farlo rispettare ,(sul serio) Salvini ,accusato di essere lui con la lega uno dei responsabili della firma del
    trattato di dublino, si sta muovendo bene, Dublino? ok lo metto subito in pratica .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. giannetto 1 mese fa

    Si potrebbe porre un interrogativo persistente e distruttore a tutti i pro-immigrazionisti col “cervellio da colibrì” (espressione del Generale De Gaulle):
    “Perché mai navi battenti bandiera di ogni paese, a nome di ONG di ogni paese, dovrebbero PRETENDERE di scaricare il loro carico neo-schiavista proprio in QUESTO paese, e non nei loro?”
    Ma mi temo che questo interrogativo sarebbe bypassato da contro-argomenti come:
    a. QUESTO paese ha sottoscritto sull’argomento accordi internazionali (quali esattamente? in cambio di cosa?)
    b. QUESTO paese è stato il primo a chiedere una situazione del genere (Ricordate la Bonino… e la potenza della nostrana “combine”, sinergica e multi-funzionale: carità cattolica-umanitarismo sinistrorso-mafia).
    c. Intestazioni burocratiche di linee navali e ONG son solo coperture legali. Chi c’è dietro? Ahimè! Sembra…tutti quanti!,.. dunque anche QUESTO PAESE ci è coinvolto. Non scopro l’acqua calda dicendo che molti salvataggi vengono pre-pianificati e organizzati in Italia da organizzazioni italiane.
    Ragion per cui temo che la pretesa imposizione degli stranieri cattivi alla povera Italia possa alla fine rivelarsi un caso di cooptazione, dagli intrecci misteriosi.
    – Bene comunque ha fatto Salvini ad agire come ha agito. Forse non conosceva tutti gli inghippi del marchingegno per attuare il piano Kalergi. Marchingegno predisposto da decenni dal PD per il settore Italia, abilitata come passerella di smistamento africano, …. marchingegno già infiltrato nelle midolla di tutte le loro amministrazioni, marchingegno alluso dall’ecolalico quacquaracquà di nome Orlando), e diventato un automatismo della normale operatività piddiota.
    Staremo a veder come la cosa va avanti.
    Se non altro abbiamo avuto un saggio che non bisogna aver paura d’ avere un po’ di cgl.!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 1 mese fa

      Adesso,a vicenda non ancora conclusa,spagnoli e francesi ci danno addosso,accusandoci dei peggiori crimini contro l’umanita’,che vadano a cagare,se questa e’ l’europa e’ meglio stare per conto nostro,svalutare la moneta come prima ed esportare come figli di mignotta,esattamente come si faceva prima ed andava alla grande.L’ultima beffa e’ che la emergenza umanitaria delle donne incinta era di 3 (tre) donne sbarcate a Lampedusa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Citodacal 1 mese fa

      Anche il quotidiano di Confindustria afferma che Salvini non abbia compiuto alcun illecito, a fronte di leggi e codici nazionali, europei ed internazionali (http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-06-10/convenzione-onu-e-accordi-europei-regole-mare-dietro-no-viminale-185223.shtml?uuid=AEDbjr3E).
      Non che la legalità sia dirimente nei confronti di certi loschi maneggi politico-economici, ma si deve provare a ripartire proprio da lì. Dà da pensare il fatto che Macron e soci si siano accorti d’avere il vomito soltanto due giorni dopo la decisione del nostro Ministro degli Interni (chissà che roba mangiano abitualmente…); qualcuno in Italia non è più disposto a farsi bullizzare, allora se ne cerca il discredito ridicolizzandolo davanti alla classe; ma se il ritornello stavolta non funziona, si passerà forse a certe consuete vie di fatto? (qualche distratto camionista che, dopo aver imboccato a manetta un popoloso viale contromano, si dimentica i documenti sul cruscotto?).
      Si accettano macabre scommesse, ahinoi (coi denti stretti di chi non vuole cedere).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giannetto 1 mese fa

        Chissà perché il Micro-Con deve far la morale agli altri, ma non ha remore nel blindare le sue frontiere! Del resto lo capisco. Con l’alluvione già sedimentata, da decenni, sul suolo patrio, e che gli dà sempre più gatte da pelare, se lui non fa il duro adesso con i parvenus a nuova installazione, la Francia in breve rischia di essere liofilizzata. – Fossi Orwell riscriverei in ambiente francese la Animal Farm con protagonisti i buoi, della varietà “bufali africani”, al posto degli europei maiali.
        – E pensa che per la vita intera, fino a non molto fa, ho ADORATO la Francia, la sua cultura, la sua gente, la sua cucina, il suo paesaggio, la sua lingua sublime ecc.. e non da ultimo quella mentalità “borghese” del common people che per finezza e intelligenza si elevava dieci spanne sopra la nostra. E ora che ne è? La Francia è il paese più orwelliano d’Europa.. ovviamente a senso unico. Il paese della liberté è diventato il paese dello stato d’emergenza permanente! E per opera di chi? Che tristezza!
        – In ultimo è arrivato questo baccelliere dei Rotschield a perfezionare la distruzione del suo paese e delle mie illusioni. E il dramma è che non c’è popppolo, nemmeno in Francia, che lo schiodi da quella seggetta. Ma neanche le scopatine extra-moenia del suo predecessore (in scooter fedifrago) ce lo avevano schiodato. Ci son riusciti solo da noi, italioti ipermoraloni, a spese del nostro Nano per antonomasia, con i sortilegi della valchiria Merkel e della fattucchiera Ilda. Ma con lui c’era di mezzo la nipote di Mubarak. Onde si dimostra che le scopatine extra-moenia non sono tutte uguali.
        Saluti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Citodacal 1 mese fa

          Almeno posso ancora amare la Francia che ho sempre amato: quella della Gallia celtica e bretone, quella delle cattedrali e della cavalleria medievale, della “Dame à la licorne” (manifattura fiamminga, ma gli arazzi della serie furono commissionati da un lionese), di Bernart de Ventadorn e di re Luigi IX (con un debole per l’Occitania e la Grande Armée dell’Imperatore). Cosa spartisce con la Francia attuale? Ben poco o nulla. Del resto pure io spartisco ben poco con l’attuale secolo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. giannetto 1 mese fa

            @ Citodacal – Come dice nelle sue Memorie Jean Marie Lepen, tutto quel che abbiamo amato è scomparso. Non può essere evocato neppure nel fantasma di qualche zombie. Quando lo riesumano, è per “turismo culturale”, ossia per fuffa commerciale. Ticket per lo spettacolo son et lumiere ecc… ! – Meglio non pensarci più. Meglio non vedere quel che si vede.
            Percorrendo abbastanza spesso la Francia in auto, ora per me personalmente è diventata pure il moloch orwelliano degli autovelox, che è in ipertrofia. – E se ti beccano a 95 quando il limite è di 90, ti arriva di sicuro a casa il ticket supplementare di 50 euro, per un misfatto di tanta gravità!

            Mi piace Non mi piace
          2. giannetto 1 mese fa

            @citodacal – « Le monde que nous avons connu est mort, je préfère garder mes images intactes. Depuis est survenue une catastrophe. » (JM Le Pen)

            Mi piace Non mi piace