BATTAGLIA PER CHASOV YAR: L’ESERCITO RUSSO AVANZA IN QUATTRO DIREZIONI NELLA REGIONE DI ARTYOMOVSK

L’esercito russo continua ad espandere la zona del suo controllo attorno alla principale roccaforte ucraina in direzione di Artyomovsk. Secondo i rapporti preliminari, le forze russe hanno preso il controllo del paese di Bogdanovka, situato a nord-est di Chasov Yar.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa deve ancora confermare ufficialmente il suo pieno controllo sul paese, nelle cui strade si combatte da molti mesi. La conferma ufficiale da parte degli ufficiali militari russi potrebbe essere pubblicata tra qualche giorno, poiché l’avanzata russa è sempre accompagnata dalle necessarie operazioni di rastrellamento dei territori conquistati, e l’esercito ucraino continua a lanciare contrattacchi nel tentativo di riprendere il controllo delle aree perdute. Pertanto, le zone di controllo delle parti in guerra potrebbero cambiare e le linee del fronte potrebbero essere instabili nei prossimi giorni. Il controllo russo del paese è stato segnalato per la prima volta il 7 aprile, ma ci vorrà del tempo prima che le forze russe rafforzino la loro roccaforte nella periferia meridionale di Bogdanovka.
Sia fonti militari russe che ucraine hanno confermato l’8 aprile che l’esercito russo era avanzato verso la periferia meridionale di Bogdanovka. Nuove conquiste divennero possibili grazie agli attacchi laterali e all’avanzata nelle foreste vicine al paese.

Secondo i rapporti dal fronte, gli attacchi riusciti nel villaggio vengono effettuati dalla 200a Brigata Separata della Flotta del Nord della Marina russa. Una delle unità d’élite delle forze speciali ucraine è stata distrutta nelle battaglie a Bogdanovka.

Contemporaneamente all’avanzata a Bogdanovka, le forze russe hanno sfondato la difesa ucraina a nord del paese e si sono avvicinate alla periferia del villaggio di Grigorovka. Le truppe russe hanno attaccato da due direzioni Dubovo-Vasilyevka e Bogdanovka, hanno catturato le roccaforti ucraine e raggiunto il confine orientale del villaggio di Grigorovka. Il controllo dell’insediamento faciliterà l’assalto alla principale roccaforte ucraina nella zona di Artypmovsk, Chasov Yar.
Vicino a Grigorovka si trova un importante punto dominante in altezza, dal quale l’artiglieria russa potrà colpire le posizioni ucraine proprio a Chasov Yar.

A loro volta, le forze armate ucraine stanno tentando di contrattaccare alla periferia occidentale di Bogdanovka, ma si stanno già ritirando a ovest verso l’adiacente villaggio di Kalinovka, situato nella periferia nord-orientale di Chasov Yar. Secondo i primi rapporti, gli scontri sono scoppiati nella zona di via Lesnaya, alla periferia orientale del villaggio.

Se confermata, la vittoria russa a Bogdanovka rappresenta una minaccia per la guarnigione ucraina a Chasov Yar dal fianco nord-orientale. Questo successo fornisce un supporto significativo alle operazioni russe in corso sul fianco orientale di Chasov Yar, dove la 98a divisione aviotrasportata dell’esercito russo sta già lanciando attacchi nelle strade del distretto del Canale.

Dopo aver preso piede in periferia, le forze russe sono entrate nella zona residenziale della città di Chasov Yar. I paracadutisti russi sono riusciti a entrare nelle strade dell’insediamento e a prendere piede negli edifici a più piani locali. Le forze russe stanno avanzando nella periferia orientale, avvicinandosi alla principale linea di difesa delle Forze Armate ucraine nel distretto orientale. Nella periferia orientale di Chasov Yar, secondo quanto riferito, gli scontri sarebbero già in corso nella zona di via Gorbatov nel distretto del Canale. Nei giorni scorsi, i militari delle Forze Armate della Federazione Russa hanno combattuto nei pressi della scuola locale n. 77, ma finora non ci sono filmati che confermino il controllo delle forze russe sull’edificio.

Nel mezzo delle operazioni offensive russe in corso a Grigorovka, Bogdanovka e nel distretto del Canale, le truppe russe stanno avanzando sul fianco sudorientale dal villaggio di Krasnoe (ex Ivanosvskoe), recentemente conquistato . Mentre le forze russe continuano ad attaccare con successo in diverse direzioni nei campi a ovest di Krasnoe, l’esercito ucraino sta cercando di rafforzare frettolosamente una nuova linea di difesa lungo la costa del canale Seversky Donets-Donbass. In precedenza avevano minato pesantemente l’area intorno al canale, ma questo non è bastato a fermare l’avanzata russa.

Dalle loro posizioni a Krasnoe e a sud di Bogdanovka le unità russe continuano i loro attacchi anche sulle colline a nord-ovest di Krasnoe, dove si combattono per le alture dominanti.

Dal 2014, la città di Chasov Yar ha svolto un ruolo chiave per l’esercito ucraino in termini logistici, utilizzata come hub strategicamente importante per le rotazioni e il dispiegamento di unità di rifornimento durante la decennale guerra nel Donbass. Ora è ancora una roccaforte fortemente fortificata situata sulle colline, il cui controllo apre la strada all’avanzata russa verso ovest verso le ultime città della DPR ancora sotto il controllo ucraino, Slavyansk e Kramatorsk.

Le sanguinose battaglie per la città devono ancora iniziare; ma l’esercito russo la circonda da diverse direzioni, prendendo il controllo delle alture attorno ad esso, distruggendo le posizioni ucraine nelle strade con massicci bombardamenti di artiglieria e attacchi aerei prima dell’imminente assalto su larga scala.

Nel mezzo dell’avanzata russa su tutte le linee del fronte nel Donbass, la città è stata trasformata in un’altra fortezza mediatica del regime di Kiev. La perdita di questo raccordo influenzerà negativamente il morale del personale militare dell’esercito ucraino e potrebbe infine minare la fiducia degli alleati occidentali nella capacità dell’Ucraina di resistere all’assalto dell’esercito russo.

Nel tentativo di impedire una svolta russa in città, il comando militare ucraino lancia senza pietà in battaglia le riserve disponibili. In particolare, fonti ucraine riferiscono che il comandante in capo delle forze armate ucraine, Syrsky, ha inviato nella zona un’altra brigata d’assalto dell’Azov. In precedenza, queste forze erano fuggite dalla fortezza ucraina di Avdeevka.

Le strade di Chasov Yar sono minate e quasi ogni casa è stata trasformata in una postazione di tiro. Il problema principale per le Forze Armate ucraine sono i continui attacchi delle Forze aerospaziali russe, che rovinano le loro posizioni con bombe pesanti, così come i massicci bombardamenti delle unità di artiglieria russe sulle fortificazioni delle Forze armate ucraine nelle aree urbane. .
“Ci lanciano addosso munizioni pesanti senza nemmeno avvicinarsi alla linea di contatto e senza entrare nella nostra zona di difesa aerea (…) Quando i loro aerei sono in funzione, è impossibile per i nostri difensori avviare qualsiasi operazione, devono solo nascondersi in un rifugio ” – si è lamentato il portavoce del comando del gruppo ucraino Khortytsya.

Gli attacchi di artiglieria colpiscono costantemente le posizioni delle forze armate ucraine a Chasov Yar e l’aviazione distrugge gli edifici a più piani dove i militari ucraini hanno attrezzato posti di osservazione e posizioni di operatori ATGM. Ad esempio, l’8 aprile, un altro potentissimo attacco russo ha distrutto le posizioni ucraine nella zona industriale della città. A seguito dell’attacco, nella zona è scoppiato un enorme incendio. L’obiettivo dell’attacco era l’impianto locale di refrattari utilizzato per la riparazione dei veicoli ucraini danneggiati.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “BATTAGLIA PER CHASOV YAR: L’ESERCITO RUSSO AVANZA IN QUATTRO DIREZIONI NELLA REGIONE DI ARTYOMOVSK

  1. Tutte cose positive, al netto delle menzogne ucraine che parlavano d’ aver bloccato ed interrotto l’ offensiva russa. Obbiettivo finale dopo Chasovoy Yar e Kharkov. Poi al contempo Odessa. No la fiducia dei nazisti UE non crollerà. Ci faranno impoverire ma continueranno a sostenere Kiev.

  2. La situazione è che i russi stanno assalendo la parte più orientale di Časov Jar, corrispondente al distretto del canale, ma sono in avanzata anche a nord, a Bogdanovka e Kalinovka, e a sud di Časov Jar a ovest di Krasnoe, in una manovra complessiva che probabilmente mira a circondare su tre lati la città, a est, sul fianco settentrionale e su quello meridionale, manovra usata dai russi in diverse situazioni belliche, come ad esempio ad Artemovsk, battaglia durata a lungo, dall’agosto del 2022 al maggio del 2023, ma nel caso di Časov Jar la battaglia sarà più breve di quella di Artemovsk e la vittoria in questa battaglia dovrebbe contribuire ad aprire la strada per Konstantinovka, più a sud, che assieme alle maggiori piazzaforte ukronazi di Kramators e Slavjansk costituisce l’ultima linea di difesa dei nazi-nato nel Donbass, che dopo la loro conquista da parte dei russi potrà dirsi liberato, senza sbilanciarsi sui tempi che queste azioni militari richiederanno.

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM