BATTAGLIA DI BAKHMUT E PROSPETTIVE A BREVE TERMINE DI UN’OFFENSIVA RUSSA NEL DONBASS

Il 1° dicembre nel settore di Bakhmut (Artemovsk) sono continuati gli scontri tra le forze russe e le unità fedeli al regime di Kiev. A seguito delle recenti avanzate, i russi stanno attaccando le postazioni delle truppe pro-Kiev nelle aree di Opitnoe, Podgornoe e intorno a Kurdymovka. Attualmente Bakhmut è infatti isolata solo dalle direzioni ovest e nord-ovest. Tuttavia, rimane sotto la minaccia permanente del pieno accerchiamento se in un momento le forze di difesa di Kiev crollano nei settori settentrionali o meridionali. Pertanto, rimane questa la principale priorità dell’avanzata locale in corso dell’esercito russo.

Le forze russe colpiscono le unità del regime di Kiev nel settore di Ugledar:

Riassumendo gli sviluppi dei giorni precedenti, è possibile concludere che la linea di contatto è stata completamente stabilizzata nei settori di Kherson, Kharkov e Zaporozhie. Gli sviluppi militari più attivi si stanno verificando nella campagna occidentale della città di Donetsk e intorno a Bakhmut (Artemovsk). In queste condizioni, la direzione di Ugledar rimane un obiettivo meno prioritario per le forze russe dopo la liberazione di Pavlovka. L’avanzata è probabilmente complicata dalla necessità di prendere d’assalto le alture che circondano lo stesso Ugledar.

Ciò corrisponde pienamente alla recente dichiarazione del Ministero della Difesa russo (1 dicembre 2020):
“In direzione di Donetsk, a seguito delle azioni offensive delle truppe russe, l’insediamento di Andreevka (Repubblica popolare di Donetsk) è stato completamente liberato. Più di 40 militari ucraini, due carri armati e cinque veicoli corazzati da combattimento sono stati distrutti.

In direzione di Kupyansk, il tentativo del nemico di attaccare in direzione dell’insediamento di Kuzemovka (Repubblica popolare di Lugansk) è stato sventato dal fuoco preventivo dell’artiglieria, dai pesanti sistemi di lanciafiamme e dagli attacchi dell’aviazione dell’esercito. Più di 60 militari ucraini, sei veicoli corazzati da combattimento e quattro auto furono distrutti”. (………….)
Pertanto, lo scenario più probabile della prossima settimana è la continuazione della lenta avanzata delle forze russe verso Bakhmut in mezzo a combattimenti molto meno intensi su altre parti della linea di contatto. Anche la direzione di Ugleadar rimarrà un punto caldo, ma è improbabile che i russi riescano a conquistare la città senza il coinvolgimento di ulteriori rinforzi. Allo stesso tempo, le forze armate russe sperimentano ancora la mancanza di manodopera sulla linea di contatto (i preparativi per i rinforzi come parte della mobilitazione parziale devono ancora essere completati), ma godono del vantaggio in termini di potenza di fuoco. Inoltre, anche gli attacchi missilistici alle infrastrutture militari ed energetiche del regime di Kiev hanno un importante effetto strategico. Se il lavoro sistematico in questa direzione continua, il crollo delle forze ucraine sarà più veloce.

Se si riassumono le azioni della leadership russa nei mesi precedenti, è possibile supporre che Mosca sia pronta per un conflitto prolungato sul territorio dell’ex Ucraina (trasformata in uno stato fallito da Washington & Co) e le sue azioni siano finalizzate al raggiungimento del compiti strategici dichiarati in un modo che richiederà una quantità limitata di risorse. Approssimativamente, questo approccio può essere dichiarato come una strategia di soffocamento del regime di Kiev e delle sue forze armate spingendolo verso condizioni in cui non avranno altra scelta che accettare i termini e le condizioni proposte dai russi o cessare di esistere.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 15:17h, 01 Dicembre Rispondi

    Quando con l’inverno gli ucraini agli ordini di USA-NATO saranno stremati , mi aspetterei un attacco russo dalla Bielorussia verso Kiev per tagliare i rifornimenti dalla Polonia,ponendo fine ai giochi

  • Ruteo
    Inserito alle 16:12h, 01 Dicembre Rispondi

    Operazione Z da Kiev a Lisbona , i popoli europei anticipatamente ringraziano .

    Grazie Putin

    • Giorgio
      Inserito alle 08:16h, 02 Dicembre Rispondi

      Mi associo all’auspicio !!!
      Liberare l’Europa da liberismo e globalismo !!!

  • Vito Ernesto Baggi
    Inserito alle 17:03h, 01 Dicembre Rispondi

    Un capo sovietico a suo tempo ebbe a dire che i cavalli dei Cosacchi si sarebbero abbeverati nel Tevere. Mai dire mai a questo mondo strano!

  • antonio
    Inserito alle 17:55h, 01 Dicembre Rispondi

    Nato ? NIET !

Inserisci un Commento