Basta perdere denaro: in Germania, Lindemann ha chiesto di togliere le sanzioni dalla Russia


Il deputato tedesco ha chiesto all’Occidente di revocare le sanzioni contro la Russia

Un deputato tedesco del partito “Alternativa per la Germania”, Gunnar Lindemann, ha invitato l’Occidente a riconoscere i risultati del referendum del 2014 sull’adesione della Crimea alla Russia e l’abolizione delle sanzioni anti-russe. Secondo lui, misure restrittive danneggiano l’economia tedesca e portano a tagli di posti di lavoro. In precedenza è stato riferito che ogni mese l’economia tedesca a causa delle restrizioni anti-russi perde $ 727 milioni.

L’Occidente dovrebbe riconoscere i risultati del referendum nazionale del 2014 sull’adesione della Crimea alla Russia e revocare le sanzioni anti-russe – così un membro del Partito Alternativa per la Germania (AfD), Gunnar Lindemann, ha espresso fiducia che si riveda la pposizione tedesca sulle sanzioni.

Secondo il politico, le sanzioni occidentali danneggiano l’economia tedesca a causa degli ostacoli alla cooperazione con la Russia, nonché a causa della perdita di posti di lavoro da parte di esperti tedeschi, riferisce FAN .

“Le sanzioni dovrebbero essere revocate il prima possibile. I cittadini di Crimea hanno tenuto un referendum. Hanno deciso di ritirarsi dall’Ucraina e di unirsi alla Federazione Russa, e questo è il diritto della gente. Il voto è stato democratico e dobbiamo rispettarlo “, ha affermato Lindemann.

Ha anche sottolineato che l’esercito russo nel 2014 ha agito “giudiziosamente e con calma” in Crimea, il che ha permesso di evitare vittime e una possibile guerra civile. Il deputato ha anche espresso rammarico per il fatto che negli ultimi cinque anni molti programmi culturali ed educativi tra la Repubblica federale di Germania e la Crimea siano stati ridotti.

“Abbiamo bisogno di cooperare con la Russia, entrambe le parti ne trarranno beneficio, stabilizzando così il mondo in Europa. Dobbiamo muoverci in questa direzione “, ha concluso il politico tedesco.

Alla vigilia, l’ Unione Europea ha imposto sanzioni contro otto ufficiali russi e ufficiali dell’FSB a causa di un incidente nello Stretto di Kerch, quando le guardie di frontiera russe hanno arrestato navi ucraine nel novembre scorso per aver violato il confine di stato russo, riferisce il NSN .

Il deputato del Consiglio di Stato della Repubblica di Crimea Vladislav Ganzhara a questo proposito ha indicato che

AfD ssotenitori a Francoforte

L’UE “continua a ballare sulle note degli Stati Uniti”.

“In effetti, quando vengono introdotte tali misure, affermiamo soltanto che l’UE, che si lamenta così dei diritti umani, in tal modo davvero limita e viola i diritti dei cittadini russi”, ha detto il politico.

Ha aggiunto che una politica così “unilaterale” porta a un deterioramento delle relazioni tra Mosca e l’Occidente.

Il giorno prima, la piattaforma blog tedesca Der Globus Deutschland ha indicato che la maggior parte dei Crimeani, cinque anni dopo l’ingresso in Russia, come nel marzo 2014, considera questa decisione corretta.

Come indicato nella nota, cinque anni fa, i russi etnici e il parlamento locale sostenevano fortemente la separazione dall’Ucraina, principalmente a causa della retorica apertamente anti-russa della nuova leadership ucraina, che salì al potere a seguito del colpo di stato e del cosiddetto “Maidan”.

Di conseguenza, il 16 marzo 2014, nella regione di Crimea, in Ucraina, si è tenuto un referendum per determinare lo status della penisola e l’appartenenza amministrativa della penisola. L’83,1% di tutti gli elettori registrati ha partecipato al voto, e il 96,77% di loro era favorevole ad unirsi alla Crimea in Russia, ricorda l’autore del materiale Henry St. George.

“Oggi la popolazione della Crimea ha oltre 2,3 milioni di persone, ovvero quasi mezzo milione in più rispetto a cinque anni fa. E la demografia è sempre un indicatore affidabile dell’atteggiamento delle persone nei confronti dell’ambiente circostante “, afferma l’articolo del portale tedesco.

Anche nel testo si richiama l’attenzione sui risultati delle indagini statistiche, che mostrano un atteggiamento positivo dei cittadini di tutto il mondo per la riunificazione della Crimea con la Russia.

Quindi, secondo uno studio dell’agenzia TNS Global, il 36% dei tedeschi e degli italiani è convinto che la Crimea sia precisamente territorio russo. La loro opinione è condivisa da un quarto degli intervistati negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Pochi giorni prima, il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha annunciato i lavori per la revoca delle sanzioni internazionali contro la Russia, che, secondo i partiti di governo a Roma, sono inefficaci e danneggiano l’economia italiana, riferisce l’ agenzia di stampa Reuters .

Parlando a una conferenza di politica estera a Genova, Conte ha affermato che le sanzioni imposte dopo che la Crimea è entrata a far parte della Russia nel 2014 non dovrebbero diventare un fine a se stesse. Alla domanda se l’Italia vuole togliere la restrizione, ha risposto: “Ci stiamo lavorando”.

Nel novembre dello scorso anno, il portale Deutsche Wirtschafts Nachrichten ha riferito che le imprese tedesche stavano subendo enormi perdite a causa delle sanzioni occidentali contro la Russia e che “avrebbe dovuto riprendersi a lungo” nelle condizioni attuali.

Come membro principale dell’Istituto Kiel per l’economia mondiale, Julian Hinz ha affermato che le misure restrittive hanno avuto un impatto negativo sugli scambi tra Russia e Germania e che le compagnie tedesche hanno “la terra sotto i piedi” a causa delle sanzioni anti-russe.

Allo stesso tempo, ha notato che ora il danno principale non è causato dalle sanzioni stesse, ma dalla partenza della maggior parte delle istituzioni bancarie tedesche dalla Russia, il che complica il finanziamento degli scambi tra i due stati.

Secondo le stime dell’Istituto, l’economia tedesca perde 727 milioni di dollari a causa delle restrizioni anti-russi ogni mese, pari allo 0,8% delle esportazioni totali.
Non si capisce perchè la Germania dovrebbe seguire ciecamante le decisioni delgi USA che sono contrarie al proprio interesse nazionale, ha sostenuto il deputato con l’assenso del suo gruppo parlamentare.

Fonte: Gazeta.ru Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • amadeus
    16 Marzo 2019

    Se ne fa un problema di convenienza economica, ma mai se é giusto o non é giusto.

  • eusebio
    16 Marzo 2019

    La Germania esporta molto in Cina e non vuole rinunciare al vantaggio tecnologico di utilizzare le tecnologie Huawei per realizzare la rete 5G, se gli USA dovessero imporre sanzioni sulle aziende che commerciano con la Cina a causa dell’uso di tecnologie Huawei ammazzerebbero le esportazioni tedesche.
    Gli USA hanno le pezze al sedere, hanno enormi contraddizioni interne e invece di risolverle le scaricano sugli altri.

Inserisci un Commento

*

code