Aznar e Sarkozy lanciano l’allarme sulla decadenza europea e dell’Occidente

Due leader della corte liberale conservatrice europea, nel corso di un incontro tenutosi presso l’ Aula del “Liderazgo del Instituto Atlántico de Gobierno” hanno condiviso l’opinione secondo cui l’Occidente è in declino per motivi demografici e con una tendenza anti-sistema dell’ordine vigente.

Gli ex presidenti di Spagna e Francia, José María Aznar e Nicolás Sarkozy, rispettivamente, condividono l’opinione secondo cui la democrazia e i valori occidentali sono in declino a causa dello spostamento dell’asse dell’ordine mondiale da ovest a est.

I due ex leader hanno diagnosticato il futuro dell’Europa in un discorso tenuto martedì a Madrid, la capitale spagnola, dove hanno concordato che il futuro è molto incerto non solo per i partiti liberali conservatori del continente, ma anche per la democrazia europea.

Sarkozy, che è stato capo di stato francese tra il 2007 e il 2012, ha affermato che “per secoli l’asse mondiale ha attraversato l’Occidente; oggi si è spostato verso est . Dei 7000 milioni di persone che abitano il pianeta, ce ne sono 4000 in Asia e al centro solo 800 milioni. Non siamo più l’asse del mondo, ci sono ragioni demografiche per questo. “
Il presidente francese, Emmanuel Macron, ammette la sconfitta dell ‘”egemonia occidentale” per essere giunto alla fine per causa dell’insorgere di potenze come la Cina e la Russia.

In un mondo in cui la posizione occidentale non è più prevalente, ma più secondaria, come si possono salvaguardare le democrazie? L’ex presidente spagnolo (1996-2004) è stato interrogato e quindi ha avvertito che oggi c’è ” una rivolta di carattere generale contro il sistema neo liberal “in qualsiasi parte del mondo.

In questo contesto, ha osservato che “quello che le proteste di Parigi hanno in comune, a Hong Kong, Barcellona, ​​Libano, Cile o Colombia è che sono movimenti anti-sistema con una sola connessione: la rivoluzione tecnologica”.

Altrove nel loro colloquio, entrambi pensavano che la Brexit , lasciando il Regno Unito dall’Unione Europea (UE) fosse “follia, dramma, contraddizione storica”. L’ex leader gallico ha valutato che “la divisione è un veleno. Come la Brexit , il secessionismo non è un problema della Spagna, ma di tutta l’Europa ”.

Da parte sua, il suo ex collega spagnolo ha affermato di essere convinto che, senza l’esistenza dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) il blocco regionale non sarà in grado di affrontare le sue grandi sfide come la Brexit , il terrorismo e la sicurezza informatica.

Gli ex premier con l’ex re di Spagna

“ Trenta anni dopo la caduta del muro di Berlino, l’ordine liberale viene messo alla prova . Una difesa dell’Europa non è concepibile senza l’Alleanza atlantica, senza l’impegno nordamericano a mantenere la stabilità. Il meglio che possiamo fare è reimmaginare e ricostruire la NATO ”, ha raccomandato Aznar.

Questa raccomandazione è molto lontana dall’attuale posizione americana, guidata da questa entità militare occidentale e il cui presidente, Donald Trump, è riluttante a proteggere e sostenere l’Europa senza che queste nazioni contribuiscano con più fondi economici all’organismo.

“Per quello che riguarda Donald Trump, hanno convenuto sul fatto che, la prima potenza economica e militare del mondo ha eletto Trump come presidente, questo la dice lunga su come sia messa la società americana. Mi piacciono gli Stati Uniti quando sono forti e indicano la strada, ma non ho mai pensato che un tweet avrebbe reso qualcuno forte. Trump non è la causa del declino dell’Occidente, ma il sintomo ” , ha concluso Sarkozy.

https://www.elmundo.es/internacional/2019/11/26/5ddd4420fc6c83d03b8b468c.html

Fonte: El Mundo

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code