Avvistata Nave russa che trasporta attrezzature militari pesanti, carri armati diretti in Siria

TEHERAN (FNA) – Una nave russa che trasporta una grande scorta di pesanti equipaggiamenti militari, inclusi carri armati e veicoli corazzati, sta facendo rotta verso la città portuale siriana di Tartous mentre le forze governative hanno avviato massicce operazioni militari nel nord della Siria.
Il sito web di notizie in lingua inglese Al-Masdar cita l’osservatore navale marittimo Yoruk Isik che afferma che la nave russa, la nave da sbarco di classe Ropucha Azoz 151, ha attraversato lo stretto del Bosforo in rotta verso il porto di Tartous nella Siria occidentale.

Gli osservatori hanno notato che, poiché la nave russa è molto pesante, probabilmente trasporta attrezzature militari pesanti come carri armati e blindati.

Al-Masdar ha osservato che l’ultima consegna da parte della Marina russa arriva in contemporanea all’avanzata dell’esercito siriano che sta procedendo nella sua offensiva attraverso le parti meridionali della provincia di Idlib.

La Russia ha recentemente aumentato le consegne di forniture di armi in Siria dall’inizio dell’operazione militare; questo ha dimostrato di essere incredibilmente importante per l’esercito siriano in quanto la perdita di equipaggiamento militare è stata rapidamente reintegrata dai loro alleati russi.

Martedì, in uno sviluppo pertinente, l’esercito siriano ha continuato i suoi progressi verso la città di Khan Sheikhoun, il principale bastione del gruppo terroristico Tahrir al-Sham al-Hay’at (Levant Liberation Board o Al-Nusra Front) e ha preso controllo di una regione mentre le forze governative mandavano un nuovo convoglio militare nel sud di Idlib.

Le truppe dell’esercito siriano, sostenute da unità di artiglieria e missili, si sono impegnate in feroci scontri con i terroristi di Tahrir al-Sham nella città di Sakik nell’Idlib meridionale e hanno preso il controllo della città di Tal Ra’i.

Una fonte militare, nel frattempo, ha indicato che l’esercito siriano avanza verso Tal-Tamaneh, nel sud di Idlib, da Tal Ra’i, e ha affermato che le truppe dell’esercito siriano hanno attaccato le linee di difesa di Tahrir al-Sham ad al-Tamaneh.

La fonte ha osservato che al-Tamaneh è la porta di Khan Sheikhoun e ha affermato che anche altre truppe siriane stanno avanzando verso ovest di Khan Sheikhoun da al-Hobait.

Nel frattempo, l’esercito siriano ha in programma di assediare le aree sotto il controllo dei terroristi nell’Hama settentrionale da due direzioni dopo aver raggiunto Khan Sheikhoun.

L’esercito siriano ha inviato un enorme convoglio militare composto da decine di camion che trasportavano equipaggiamento militare e forze d’élite a Sakik nell’Idlib meridionale.

Forza Tigre Esercito siriano


I comandanti senior dei gruppi terroristi fuggono in Turchia


TEHERAN (FNA) – Come hanno riferito i media in lingua araba le differenze interne sono aumentate tra i gruppi terroristici nella provincia di Idlib, dopo aver perso le loro basi principali nel Nord Hama e nel Sud Idlib in battaglia contro l’esercito siriano.
Le profonde fratture si stanno allargando tra Tahrir al-Sham al-Hay’at (il Levant Liberation Board o il Fronte di Al-Nusra) e i terroristi di Jeish al-Izzeh mentre l’esercito siriano ha fatto rapidi progressi nell’Hama settentrionale così come nell’Ilib meridionale e sud-orientale, martedì il sito web in lingua araba dell’agenzia di stampa russa Sputnik ha citato fonti locali nella provincia di Idlib.

Fonti locali hanno osservato che i due gruppi terroristici si sono accusati a vicenda di tradimento in una riunione tenutasi tra gli alti comandanti di Tahrir al-Sham e Jeish al-Izzeh nella base militare di Tahrir al-Sham nella città di Idlib.

Hanno detto che il gruppo terroristico del Partito del Turkistan ha rafforzato le sue basi militari in alcune città di Jisr al-Shoghour nell’Idlib occidentale e ha bloccato il passaggio di altri gruppi terroristici in queste regioni.
Nel frattempo, fonti locali hanno riferito che un gran numero di comandanti locali dei gruppi terroristici Tahrir al-Sham e Jeish al-Izzeh hanno disertato e sono fuggiti insieme alle loro famiglie in Turchia da Idlib e Hama settentrionale negli ultimi giorni.
Intensi scontri sono avvenuti nella città di Sakik a est di Khan Sheikhoun nel sud di Idlib e l’Esercito siriano ha neutralizzato una serie di attacchi tentati dai terroristi di Tahrir al-Sham che hanno cercato di avvicinarsi alle posizoni dell’Esercito siriano.
Le fonti riferiscono che l’esercito siriano ha inviato enormi equipaggiamenti militari comprendenti decine di veicoli e attrezzature militari, nonché rinforzi a Sakik per rafforzare le sue posizioni dopo aver respinto gli attacchi terroristici.
Russia e Siria sono decise a riprendere il controllo della zona settentrionale della Siria nella provincia di Idlib ed a neutralizzare la presenza dei gruppi terroristi sostenuti apertamente da USA, Arabia Saudita e loro alleati.

Fonte: Fars News

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • atlas
    13 Agosto 2019

    quindi ancora una volta, innanzi il mondo intero, il fratello salafita merdogan riceve e ricovera i capi guerriglieri che agiscono contro la Siria e la Russia

    cos’è, vuole uscire di scena dalla nato da trionfatore o rimanerci in eterno

Inserisci un Commento

*

code